Widgets Magazine
04:41 24 Agosto 2019
Mappa dell'Europa

Europa: terzo polo dello sviluppo mondiale

CC BY-SA 2.0 / Charles Clegg / Europe
Opinioni
URL abbreviato
Agostino Spataro
330

A mio umilissimo parere, un’Europa senza la Russia sarebbe debole e incompleta. Con Putin o senza Putin. Il problema non è personale (gli uomini passano), ma progettuale.

Dalla crisi attuale non si esce con meno Europa, ma con più Europa. Ossia con l’avanzamento del processo unitario sulla base di un progetto di riforma, politica, sociale e istituzionale, mirato a realizzare il Terzo polo dello sviluppo mondiale, inteso non come una nuova entità egemone, ma come soggetto fautore di una crescita democratica, compatibile e diffusa nel mondo.

Dall’Atlantico agli Urali (e perché no al Pacifico), dal Mediterraneo al Circolo polare artico. Si, avete letto bene: dall’Atlantico al Pacifico.

Una questione ineludibile. A mio umilissimo parere, un’Europa senza la Russia sarebbe debole e incompleta. Con Putin o senza Putin. Il problema non è personale (gli uomini passano), ma progettuale. 

Anche nel nuovo secolo le superpotenze economiche e militari, i centri di comando del “nuovo ordine internazionale” saranno basati nell’emisfero nord del Pianeta. A quello del Sud continuerà a essere affidato il compito d’importare e consumare prodotti delle multinazionali e di fornire braccia, a basso costo, per le economie del Nord.

Nonostante le dure polemiche di queste settimane, è prevedibile che Usa e Cina giungano, nel medio termine, a un accordo di bi-partizione delle aree d’influenza. L’Europa diventerebbe (è già) è il terzo incomodo, perciò la vogliono indebolire, frazionare, liquidare come entità politica ed economica.

Qualcuno anche come espressione geografica: da continente a mera appendice dell’Asia. Per impedire l’attuazione di tale insano progetto, l’UE deve rafforzare ed estendere la sua unione e dotarsi di un progetto per un nuovo futuro di pace e di cooperazione solidale con i Paesi del Sud. Con questo nuovo orizzonte dovrebbero misurarsi il Parlamento neo eletto e gli organismi di governo della UE, purtroppo ancora nominati.

L’alternativa all’allargamento e alla crescita democratica è la deriva nazionalistica. Se dovessero dilagare le “uscite“ (alla Brexit per intenderci), gli "indipendentismi", dichiarati e/o latenti, il nostro Continente verrebbe frammentato in una miriade di micro stati che ne scardinerebbero la sua unità fisica, economica e culturale.

In pratica, sarebbe cancellata una civiltà che, più nel bene che nel male, dura da oltre tremila anni. Questo sembra essere l’obiettivo, ormai conclamato, di talune superpotenze (gli Usa di Trump in particolare) e delle forze anti-europeiste, sfasciste e destrorse, italiane ed europee. Tali fratture provocherebbero gravi conseguenze per la convivenza pacifica e per il futuro dei popoli, dei lavoratori e dei giovani d'Europa, dei livelli di benessere mai raggiunti prima.

In particolare:

  1. segnerebbero la fine del progetto di Unione Europea che bisognerebbe accelerare, facendolo uscire dalle secche di una sudditanza alle politiche neoliberiste e mercantiliste;
  2. potrebbero trasformare l'Europa in uno sterminato campo di battaglia; dopo 75 anni di pace tornerebbero l'instabilità permanente, i conflitti locali, perfino la guerra;
  3. l'Europa, divisa e indebolita, sarebbe percepita come una “pingue preda” che scatenerebbe i più ingordi appetiti e disegni di conquista.

Certo, nell'UE vi sono tanti problemi irrisolti. Tuttavia, nessuno dei suoi popoli è oppresso: ci sono libertà, democrazia, autonomie, culture. Pertanto, non abbiamo bisogno di staterelli consegnati nelle mani di piccoli satrapi locali, della criminalità organizzata, di magnati della finanza, ecc.

Per uscire dalla crisi più unita e più forte e socialmente più giusta, l’Unione deve darsi nuove politiche sociali armonizzate con i bisogni e i diritti dei suoi popoli e non gli interessi delle oligarchie finanziarie. Deve essere superata l’assurdità di un Parlamento europeo eletto dai popoli, ma privo di poteri legislativi e di una Commissione, nominata dai capi di stato, che accentra quasi tutte le competenze di governo e di spesa e i poteri d’indirizzo politico.

Infine, uno sguardo ai territori, specie a quelli più svantaggiati e/o trascurati, nei quali si gioca la credibilità del processo unitario. I vari Sud, le “periferie” d’Europa dovranno essere pienamente integrati sulla base di una seria riforma dei meccanismi di ripartizione dei poteri e delle risorse finanziarie che favorisca un rapporto più diretto fra l'auspicato "governo europeo" e le realtà regionali, anche per vanificare le spinte secessioniste.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
Italia, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik