Widgets Magazine
21:22 15 Ottobre 2019
Matteo Salvini, Giuseppe Conte e Luigi Di Maio

Le europee cambiano gli equilibri interni alla coalizione che governa l’Italia

© AFP 2019 / Filippo Monteforte
Opinioni
URL abbreviato
383
Seguici su

Le elezioni europee hanno dimostrato una volta di più quanto siano mutevoli le fortune dei partiti in questa epoca storica contrassegnata dal declino delle ideologie.

Siamo entrati in una prolungata fase sperimentale, in cui gli elettori riconsiderano e riorientano di continuo le loro preferenze sulla base dei bisogni percepiti istante per istante e di quanto promettono loro le forze politiche per soddisfarli.

Questa tendenza ha trovato conferma anche in molti degli altri paesi che si sono misurati con il rinnovo della propria delegazione al Parlamento europeo. In Francia si è consolidato un bipolarismo nuovo, già emerso in verità in occasione delle presidenziali vinte da Emmanuel Macron sulla Le Pen, mentre in Gran Bretagna il mancato perfezionamento della Brexit non ha comportato solo le dimissioni del premier Theresa May, ma il tracollo dei partiti tradizionali, scesi a percentuali bassissime. Probabilmente, la formazione fondata e guidata da Farage non avrà prospettive politiche ulteriori, ma la sua affermazione in occasione delle europee sembra dimostrare il momento di acuto pragmatismo che stanno vivendo gli elettori del Vecchio Continente.

Tutto questo integra un panorama politico molto fluido, che rende difficoltosa ogni previsione a medio termine ed incerto anche l’immediato futuro.

In Italia si sono verificati almeno tre fatti eclatanti. Il primo è che, in termini percentuali, la maggioranza di governo non ha visto diminuire i suoi consensi. Alla stampa l’esecutivo gialloverde forse non piace, ma a dispetto dei suoi mugugni tiene.

Il secondo è che all’interno dell’alleanza che detiene il potere nel Bel Paese i rapporti di forza si sono completamente ribaltati in meno di un anno, probabilmente anche a causa della capillare azione propagandistica svolta da Matteo Salvini su tutto il territorio nazionale. Il terzo è che a sinistra ha dato cenni di ripresa il Partito Democratico, specialmente nei grandi centri urbani come Roma e Milano.

I Cinque Stelle hanno certamente pagato un dazio pesante anche alla strategia della Lega, che ha cercato lungamente di spostarli a sinistra per sottrarre loro i voti centristi. Ne ha amplificato gli effetti il tentativo fatto da Luigi Di Maio di risalire la china nei sondaggi accentuando gli aspetti più giustizialisti della comunicazione pentastellata, linea che ha allontanato molti moderati proprio mentre il Pd erodeva a sinistra consensi importanti.

A dispetto della sua spettacolarità, il ridimensionamento dei Cinque Stelle non implicherà necessariamente la caduta dell’esecutivo.

Per quanto la situazione nel paese reale appaia attualmente molto diversa da quella del 4 marzo 2018, infatti, la distribuzione dei deputati e dei senatori che debbono accordare la loro fiducia al Governo non ha subìto variazioni. Ci saranno certamente tensioni, perché forte del consenso ottenuto Salvini cercherà di ottenere un aggiornamento del contratto di coalizione che dia maggior soddisfazione agli interessi che la Lega tutela.

© Sputnik . Evgeny Utkin
Ci sarà quindi molto probabilmente quella che un tempo si chiamava “verifica”, cui potrà magari anche associarsi l’avvicendamento di qualche personalità in alcune posizioni. I Cinque Stelle dovranno inghiottire qualche boccone indigesto, ma l’alternativa è un ritorno alle urne che significherebbe per molti loro esponenti la prematura fine della carriera.

La prospettiva di nuove elezioni politiche non dovrebbe allettare neppure il Presidente della Repubblica, che in Italia è titolare del potere di sciogliere le Camere. Si dice che Sergio Mattarella avrebbe considerato con favore il formarsi di una maggioranza di centro-sinistra composta da Pd e pentastellati, ma il voto europeo dovrebbe averlo convinto che nel paese reale i numeri per questa soluzione non esistono.

Ci sarebbero invece per un esecutivo conservatore a trazione leghista, allargato ai Fratelli d’Italia di Georgia Meloni e a ciò che resta di Forza Italia, travolta dal declino fisico del suo fondatore e leader carismatico. Ma è più che dubbio che il presidente Mattarella faccia dei passi che conducano a questo esito. Davanti all’Italia si profilano quindi giorni di trattative ed attriti che non promettono nulla di buono.

Sullo sfondo, si staglia l’ombra minacciosa di una manovra che al Quirinale vorrebbero probabilmente venisse fatta dall’attuale maggioranza, che però non appare disponibile a ridurre le spese e confida ancora che in Europa si determinino margini che permettano a Roma di sfondare i tetti concordati per deficit e debito.

Di uno sviluppo in questa direzione non si intravede però alcuna avvisaglia. Anzi, si parla insistentemente di una multa da 3,5 miliardi di euro in arrivo nei confronti dell’Italia per debito eccessivo. Che alla testa della Bce arrivi poi un campione del rigorismo come il tedesco Weidmann o comunque un banchiere allineato sulle sue posizioni pare ancora meno incoraggiante. Ha quindi ragione Salvini: ci saranno momenti difficili.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

Correlati:

"Più lavoro e meno stronzate, governo avanti" - Di Maio attacca Salvini
Salvini trionfa ma non batte il record di Berlusconi
Tags:
M5S, Lega, Elezioni europee 2019, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik