Widgets Magazine
23:07 20 Ottobre 2019
Giuseppe Conte

Conte non sarà Cincinnato

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Opinioni
URL abbreviato
Di
8134
Seguici su

Il primo ministro Giuseppe Conte ha tutta l’aria di quel ciclista-scalatore che, all’inizio della salita, si mette in testa al plotone e fa capire che sarà lui a decidere il ritmo.

Così il primo risultato — sempre che abbia fiato sufficiente e muscoli a posto — sarà quello di sgranare il gruppo, togliere di mezzo le scartine, e affrontare i concorrenti più temibili scattando in continuazione, tagliando loro le gambe, e arrivando al traguardo da solo.

La metafora ciclistica si attaglia perfettamente alle sue ultime mosse. Lo “scatto” a proposito del sottosegretario Siri è stato davvero imperioso. “Se ne deve andare, punto e basta”. A quanto pare neanche Luigi Di Maio si aspettava tanto. Ma Conte ha agito da solo e non come uomo dei 5Stelle. Anche Salvini ha dovuto abbozzare, brontolando ma, tutto compreso, tirando anche un sospiro di sollievo: più comodo fingersi sconfitto, invece di resistere con una pietra al collo. Ci sarà tempo e modo per pareggiare il conto.

Ma il risultato finale di questa tenzone ci restituisce un capo del governo che sovrasta di un buon palmo i due primi vice-ministri. Lo scatto all’inizio della salita ha già creato il vuoto dietro di lui. Ed è il secondo. Pochi giorni addietro la sua presenza a Pechino, per il Forum organizzato da Xi Jinping, e l’incontro con Vladimir Putin, avevano fatto alzare tutti i sopraccigli filo altantici europei e italiani. E, anche in quel caso, la mossa ha avuto, inequivocabilmente, il segno di una decisione personale.

Né Di Maio, né Salvini, si sarebbero spinti a tanto. Per le ragioni più diverse, naturalmente. Salvini è tutto teso a lanciare segnali a Washington, che spera alleata nel prossimo scontro con l’Europa brussellese. Di Maio non ha ancora deciso come collocarsi, ma nell’attesa guarda ai “mercati”, che di certo guardano il più forte. Nessuno dei due avrebbe compromesso il proprio — vero o presunto — patrimonio politico, mostrandosi “sgarbato” verso l’alleato-padrone d’oltre oceano. Giuseppe Conte ha premuto su due pedali e ha addirittura approfittato dell’incontro con Putin per mettere a punto una correzione della posizione italiana sulla Libia.

Se tutti commentatori italiani non fossero così distratti dalle dispute casalinghe, si sarebbero accorti che qualche cosa di nuovo sta accadendo. E questo “qualcosa” è il fatto che Giuseppe Conte sta vedendo il traguardo in cima alla salita e vuole arrivarci da solo. E, per arrivarci da solo, deve supplire all’assenza di una politica estera del governo e dell’Italia.

© AP Photo / Jean-Francois Badias
Il traguardo è, come tutti sanno, il 26 maggio. Quale che sia l’esito europeo del voto, una cosa è chiara a tutti. I rapporti di forza all’interno del governo saranno clamorosamente rovesciati: a occhio e croce la Lega di Salvini raddoppierà rispetto al 4 marzo 2018 e il Movimento 5 Stelle dimezzerà le sue percentuali (ed è l’ipotesi migliore per Di Maio & company). Le dichiarazioni di facciata lasciano credere che il governo intende unanimemente coprire l’intero percorso dei 5 anni di legislatura. Cosa che appare a prima vista come ragionevole e vantaggiosa per entrambi. Ma è davvero difficile che la convenienza di Salvini coincida con quella di Di Maio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il ‘VOTANTONIO’: bestiario dei peggiori slogan e manifesti per le elezioni europee 2019

La situazione che si presenterà al mondo dopo il 26 maggio sarà tra le più paradossali che si possa immaginare. Ci sarà un Parlamento dove i rapporti di forza non corrisponderanno a quelli del corpo elettorale. E nemmeno la composizione del Governo sarà corrispondente ai nuovi rapporti di forza. La scacchiera su cui si è giocata la partita fino ad ora sarà rovesciata. Molti pezzi potrebbero cadere. Non ci si può avventurare nelle previsioni, anche perché — tornando alla metafora ciclistica — qualcuno del gruppone degl’inseguitori, cercherà di raggiungere i fuggitivi.

GUARDARE PER CREDERE: il canale YOUTUBE di Sputnik Italia

Ma c’è più d’un motivo per pensare che Giuseppe Conte si senta fuori dagli obblighi di parte e intenda giocare da solo. Difficile davvero pensare a lui, a questo punto, come a un Cincinnato che torna all’aratro universitario. Le sue mosse ci dicono che, entrato in politica quasi per caso, intenda restarci ben saldo. In fondo il panorama offre ben poco di meglio. Il destino politico del partito che lo ha portato nella sua attuale pozione non corrisponderà più alle sue ambizioni. Da buon giocatore ne prepara lui stesso altre, più confacenti.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

Correlati:

“La Via della Seta è un’opportunità storica per le nostre imprese” (Conte)
Ex ufficiale della CIA si dichiara colpevole di spionaggio per conto della Cina
UE, Conte: necessario rafforzare ruolo e poteri del Parlamento europeo
Tags:
Parlamento, Parlamento, governo, governo, Governo, Governo, governo, Luigi Di Maio, Vladimir Putin, Xi Jinping, politica estera, Geopolitica, geopolitica, Politica, politica, Italia, Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik