07:05 23 Maggio 2019
Silvio Berlusconi e Dmitriy Medvedev nelle zone colpite dal terremoto all'Aquila

Aquila 10 anni dopo il terremoto, 9,5 milioni di euro stanziati dalla Russia

© Sputnik . Mikhail Klimentiev
Opinioni
URL abbreviato
Tatiana Santi
4132

All’Ambasciata Russa a Roma il 27 marzo ha avuto luogo la commemorazione delle vittime del terremoto dell’Aquila che ad aprile 2009 provocò più di 300 morti.

Al G8 del 2009, svoltosi all’Aquila, i big promisero di aiutare a ricostruire la città colpita dal sisma, purtroppo molti di loro non passarono ai fatti, è il caso degli USA, ma anche dell’Inghilterra e della Spagna. A mantenere la promessa furono i russi, i kazaki, i francesi e i tedeschi. Gli aiuti arrivarono anche da Giappone, Australia, Canada, Israele, Sultanato del Brunei ed Estonia.

Fra i Paesi del G8 riunitosi all’Aquila la Federazione Russa si impegnò fin da subito per il recupero della città, stanziando 9 milioni e mezzo di euro. È un’amicizia che continua ancora oggi anche grazie a progetti culturali congiunti.

In quale stato si trova a dieci anni dal terremoto la città dell’Aquila? Sputnik Italia ha raggiunto per un’intervista Alfredo Ranieri Montuori, vice presidente dell’Associazione no profit “L’Aquila siamo noi”, impegnata a valorizzare all’estero le eccellenze della città.

— Alfredo Ranieri Montuori, come nasce la vostra associazione?

— L’Aquila siamo tutti noi che amiamo L’Aquila, non solo gli abitanti della città, ma anche i cittadini nel resto d’Italia e in altri Paesi. In questi 10 anni abbiamo avuto la riprova di grande attenzione e amore nei confronti della città dell’Aquila. L’associazione nasce nel settembre del 2009, a pochi mesi di distanza dal terremoto dall’iniziativa di semplici cittadini.

Una volta ripresi dallo shock del terremoto abbiamo pensato che non era possibile fermarsi a compiangere la situazione, dovevamo trovare un modo per reagire a quello che era successo. L’obiettivo dell’associazione è di valorizzare e proporre al di fuori dell’Aquila le eccellenze artistiche, musicali, storiche e architettoniche della nostra città per instaurare dei rapporti culturali e spezzare l’isolamento, data la nostra posizione in mezzo alle montagne. La ricostruzione materiale è fondamentale, la cultura però gioca un ruolo essenziale anche nel tenere unita una comunità e preservare la sua identità. Questo anche per invogliare flussi turistici e rivitalizzare la città.

— In quale stato si trova L’Aquila dopo i 10 anni dal terremoto? Quanto c’è ancora da ricostruire?

— Per quanto riguarda la periferia la ricostruzione è quasi completata, circa un 80% è stato demolito e ricostruito. Più complessa è la situazione del centro storico, proprio la monumentalità dei palazzi ha determinato le complessità della ricostruzione. Subito dopo il terremoto c’è stato un periodo di un anno e mezzo di pura emergenza, dopo si è pensato alla ricostruzione, che ha stentato molto a partire per questioni burocratiche. Quindi per quanto riguarda il centro siamo alla metà – ai due terzi del lavoro. Per avere la città completa credo ci vogliano minino ancora 7-8 anni.

— La città con il suo tessuto economico commerciale è riuscita a ripartire?

— In centro dopo le ricostruzioni abbiamo non più di 60 esercizi fra negozi e bar, prima invece ne avevamo un migliaio. C’è l’oggettività difficoltà di ritornare in un centro che è ancora un cantiere. Un’iniziativa molto bella è stata organizzata dalla Camera di Commercio il Natale scorso: hanno creato delle luminarie natalizie come si fa a Salerno. Dopo anni di decorazioni spartane, questa novità ha creato un grande afflusso di persone. Il centro si riempie in varie occasioni durante gli spettacoli nelle piazze aquilane. La nostra festa più importante è la Perdonanza Celestiniana a fine agosto che dura 15 giorni e vede tanti visitatori. Nei giorni lavorativi invece in centro vediamo i cantieri con molti operai, la sera non c’è molto movimento. Oggi la periferia è diventata la parte più viva e trafficata della città.

— All’Ambasciata russa di Roma si è svolta la commemorazione delle vittime del terremoto. Qual è stato il contributo della Russia nella ricostruzione dell’Aquila?

— Noi aquilani dobbiamo essere grati alla Federazione Russa in primis, perché è la nazione che si è più impegnata anche economicamente per il recupero dell’Aquila. Nella nostra città ci fu il G8 subito dopo il terremoto, in quell’occasione quasi tutte le nazioni presero l’impegno di contribuire alla ricostruzione di qualche monumento. La Russia ha mantenuto quest’impegno: ha restaurato con i fondi del governo russo il Palazzo rinascimentale Ardinghelli in Piazza Santa Maria Paganica e ha contribuito a recuperare la Chiesa di San Gregorio Magno, totalmente distrutta dal terremoto. Questi restauri hanno comportato una spesa di oltre 9 milioni e mezzo di euro. Ora è in atto un progetto per aprire nel Palazzo Ardinghelli una filiale del museo MAXXI di Roma.

Abbiamo voluto creare degli eventi culturali assieme alla Federazione Russa perché il suo gesto generoso rappresenta tutti gli aiuti ricevuti dalla città dell’Aquila, la Russia in questo senso è stata la capofila. Due anni fa abbiamo ideato e proposto a Sua Eccellenza l’Ambasciatore Sergej Razov una kermesse culturale chiamata “I concerti dell’amicizia”. Con la seconda edizione, l’anno scorso, abbiamo deciso di portare inoltre la cultura russa all’Aquila. Per noi è stata un’occasione per esprimere la gratitudine della nostra città, attraverso l’Ambasciatore, alla Federazione Russa.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Indonesia, il governo accetta l'aiuto internazionale dopo il grave terremoto
Sisma si magnitudo 5,5 scuote le Filippine meridionali
Terremoto, registrato sisma di magnitudo 4.2 in Catalogna
Berlino: la volontà di Trump di ripristinare G8 con Russia spaccherà l'Occidente
Turchia, sisma di magnitudo 5.1 nella provincia di Mugla
Conte invita a riammettere la Russia nel G8
Tags:
Cultura, Diplomazia, l'Aquila, Terremoto, G8, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik