Widgets Magazine
03:05 20 Agosto 2019
Matteo Salvini interviene durante la tradizionale riunione della Lega a Pontida, Italia

Savoini: Russiagate di Trump, un copione che viene ripetuto anche in Italia

© AP Photo / Luca Bruno
Opinioni
URL abbreviato
Eliseo Bertolasi
492

Il Dipartimento di Giustizia americano il 24 marzo ha dichiarato che le indagini del Procuratore Speciale Robert Mueller non hanno trovato prove di una “cospirazione” del presidente Donald Trump e della sua squadra, con la Russia per influenzare le elezioni del 2016.

Nelle quattro pagine del rapporto redatto dallo “Special Counsel” si stabilisce che “nessuno dei membri della campagna di Trump ha cospirato, o si è coordinato con il governo russo per le sue attività d’interferenza elettorale” (pag. 2 del rapporto).

Un grande sollievo per Donald Trump che dal 2016 è oggetto di una costante campagna di accuse, ora dimostratasi falsa, intenzionalmente avviata al fine d’indebolire e di compromettere la sua posizione. 

Questo tipo di scandali non è estraneo in Italia dove pur di colpire i vertici della Lega e dell’attuale governo non si esita ad imputare loro presunte accuse, fantasmagoriche macchinazioni, o chissà quali trame con la Russia.

Il dottor Gianluca Savoini presidente dell’Associazione “Lombardia – Russia” ha raggiunto Sputnik Italia per un commento su queste sconvenienti circostanze: 

Gianluca Savoini e Gianmarco Senna
© Foto : Eliseo Bertolasi
Gianluca Savoini e Gianmarco Senna

- Dopo anni dove sono stati sperperati soldi pubblici dei cittadini americani, sono state inventate notizie false dai grandi organi della cosiddetta informazione, palesemente al servizio dell’ideologia globalista che non sa accettare nemmeno i responsi democratici delle elezioni, tutto si è risolto in un nulla. Ormai è evidente che in tutto il mondo occidentale chiunque venga eletto anche con la maggioranza dei voti, seppur con grande successo elettorale e con la democrazia, se non fa parte della consorteria mondialista-globalista viene demonizzato, attaccato.. S’inventano tutte le peggiori nefandezze, che poi alla prova dei fatti si dimostrano fakenews, pagliacciate vergognose. Questo è successo in America. Finalmente la verità è venuta a galla, non esiste e non è mai esistito un Russiagate, ma solo propaganda per danneggiare Trump ancora prima d’essere eletto, durante e dopo la sua vittoria alle elezioni, accusandolo, tra l’altro, di cose tanto confuse quanto gravi. Si capiva fin dall’inizio che non ci sarebbe stato nulla di vero, ma la gran cassa mediatica della cosiddetta “informazione” che in realtà è “desinformazija” totale, voleva far credere qualcosa che alla prova dei fatti non è mai esistito. Questo è ciò che è successo negli USA con Trump, ma che succede anche in tutti i paesi occidentali compresa l’Italia.

- Un copione che viene ripetuto anche in Italia?

- In Italia vediamo che un leader stravincente, sto parlando del vice Premier e Ministro degli Interni Matteo Salvini, in ogni momento viene accusato d’avere oscuri contatti.. e viene criticato per qualsiasi cosa che fa. È stato addirittura accusato di sequestro di persona per aver fatto il suo dovere di Ministro degli Interni, vale a dire difendere i confini italiani. Si capisce che è un attacco della “desinformazija” globalista che cerca di raccontare menzogne a raffica, però poi, alla fine, fortunatamente, visto che la magistratura in Italia per la stragrande maggioranza dei suoi componenti è ancora un corpo serio, al momento dei fatti, nonostante lo spreco di tempo e di denari pubblici, la verità viene fuori. In America non esiste alcun Russiagate, come in Italia sono senza fondamento le accuse indirizzate al vice Premier Salvini. Entrambi sono leader che hanno il solo “torto” di stare dalla parte del popolo e non dalla parte della grande finanza internazionale; è quest’ultima, in realtà, quella che finanzia e che appoggia in tutte le maniere i partiti contrari al cosiddetto “populismo” e al “nazionalismo identitario”. Sto parlando di continui tentativi nel voler mostrare cose che non esistono e d’inventarsi questioni che non ci sono, col solo obiettivo d’infangare l’immagine di leader politici che prendono milioni di voti e hanno l’unico torto di non far parte della schiera dei globalisti, quelli che vogliono che nulla cambi per continuare a mangiare, a comandare, a fare i loro sporchi interessi. Interessi, mai per i cittadini, ma solo per i loro piccoli o grandi orticelli economici, commerciali, industriali, finanziari, bancari.

In Italia parliamo di questioni grosse che vengono pubblicizzate per colpire attività legittime del Ministro Salvini e di altri componenti del governo. Ma capita anche all’estero: per colpire l’opposizione in Francia, o il governo di centro-destra in Austria, così come “Alternative fur Deutschland” in Germania. Tutti partiti che rappresentano oggi l’alternativa vera a un globalismo che ovunque ha fallito e che nonostante disponga di una gran cassa mediatica di proporzioni enormi non riesce più ad ottenere i propri risultati perché la gente non lo ascolta più.

- Ci sono quindi analogie tra ciò che è successo a Trump e quello che succede a Salvini?

- Vediamo che nonostante Trump sia stato criminalizzato: col Russiagate, per la costruzione del muro.. ancora adesso ha la maggior parte del consenso dei cittadini americani e sono convinto verrà anche rieletto per il secondo mandato. Come, allo stesso modo, in Italia nonostante tutte le accuse contro Salvini e la Lega, in base a ciò che vediamo in televisione e leggiamo sui giornali, Salvini continua a vincere e la Lega continua ad aumentare.

- Perché secondo Lei questo successo della Lega?

- Perché sta dalla parte del popolo, fa le cose alla luce del sole, non fa nulla d’illegale o d’illegittimo. Fa tutto ciò che serve per difendere gli interessi dei cittadini italiani. È questo che da fastidio. Non sta difendendo gli interessi delle grandi banche e delle consorterie globaliste come facevano gli altri nei precedenti governi. Questa volta in Italia c’è un governo, c’è un vice Premier Salvini, ci sono dei ministri che innanzitutto difendono gli interessi nazionali.       

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

USA, Schiff: impeachment possibile dopo pubblicazione risultati indagine su Russiagate
Russiagate, una bufala che ha messo a rischio la pace
Casa Bianca al contrattacco dopo l'assoluzione di Trump per il Russiagate
Tags:
Robert Mueller, cospirazione, Donald Trump, USA, Russiagate, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik