Widgets Magazine
13:51 19 Agosto 2019
Il villaggio etnico di Krasnoyarsk 2019

Una mano te la dà lo sciamano

© Sputnik . Vladimir Astapkovich
Opinioni
URL abbreviato
Riccardo Pessarossi
Universiadi Invernali Krasnoyarsk 2019 (23)
3180

Siberia, terra di orsi e sciamani. Con i gli orsi è meglio non mettersi a correre se li incontri per strada, con gli sciamiani invece è vietato parlare, ma noi siamo riusciti ad intervistarne uno.

L'Universiade a Krasnoyarsk non sono solo (per fortuna) gare e medaglie, neve e ghiaccio, secondi e punteggi. E' anche grazie a questo che i grandi venti servono ad unire popoli e culture diverse. Il parco dell'Universiade ospita un villaggio etnico in cui per tutta la durata dell'evento turisti, sportivi e curiosi possono conoscere da vicino le tradizioni ed i popoli di questa terra.

Sciamano di Tuva
© Sputnik .
Uno sciamano della repubblica di Tuva
Ci accompagna nella passeggiata il nostro «Ferdinando di Siberia» (leggi qui l'intervista) e mentre attraversiamo il ponte sul fiume Enisey che ci porta all'isola Tatyshev, dove si trova il parco, racconta del suo contatto con il mondo degli sciamani.

Dopo circa un anno che io ero in Siberia, mi sono trovato a fare la guida turistica per un gruppo di italiani in una crociera sul fiume Enisey, lungo tante città e fino al circolo polare artico. Lì per la prima volta qualcuno mi raccontò degli sciamani.

E tu che cosa hai pensato?

Ho pensato che non c'erano con la testa. Una volta ero nella Repubblica di Tuva, che si trova a «soli» — per la Russia — 1200 km a sud da qui e siamo andati a visitare un vilaggio di una tribù. Entro in una yurta — all'epoca ero in Siberia da due anni — e sento la musica di Nino D'Angelo.

Cosa era successo? Uno sciamano si era impossessato di te?

No (ride). Adesso posso dire che Nino D'Angelo è un bravo cantautore, ma allora, quand'ero giovane, anche da napoletano, non mi piaceva proprio! Figurati sentirlo in una yurta ad 8 000 km dall'Italia. Poi sono venuto a scoprire che allora ed anche oggi, ci sono molti sciamani che dalla Siberia vengono in Italia, precisamente in Valle d'Aosta, a praticare dei riti sulle montagne. Evidentemente, visto che sono sciamani, sono riusciti a trovare perfino Nino d'Angelo in Valle d'Aosta.

  • Una ragazza nel costume tipico del popolo dei Dolgani
    Una ragazza nel costume tipico del popolo dei Dolgani
    © Sputnik . Aleksandr Kriazhev
  • Sculture di ghiaccio nel villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    Sculture di ghiaccio nel villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    © Sputnik . Aleksandr Kriazhev
  • Una donna in costume tipico accoglie i visitatori nella sua tenda, villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    Una donna in costume tipico accoglie i visitatori nella sua tenda, villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    © Sputnik . Aleksandr Kriazhev
  • Un cane nel villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    Un cane nel villaggio etnico dell'Universiade 2019, sull'isola Tatyshev a Krasnoyarsk
    © Sputnik . Vladimir Astapkovich
1 / 4
© Sputnik . Aleksandr Kriazhev
Una ragazza nel costume tipico del popolo dei Dolgani
Nel parco sull'isola Tatyshev trovare chi può parlarci degli sciamani invece non è così facile. I dolgani ci invitano nella lora tenda, ma lo precisano subito: degli sciamani non si può parlare a terzi. Agli estranei. A chi non fa parte del proprio popolo.

Però, proprio come l'erba del vicino che è sempre più verde, la tenda dei vicini è sempre più accogliente. E qui troviamo la persona che fa al caso nostro. Si chiama Lidiya ed è nipote di uno degli ultimi sciamani del popolo dei Nganasan, nativo della penisola del Taymir.

Per raccontare di queste genti ci vorrebbe un'Universiade a parte, o magari una puntata della Sputnikpedia, ma non è possibile, perchè il loro territorio è interdetto agli stranieri, in quanto «zona di confine» con l'Artico. Perciò le affidiamo la parola, in questa intervista esclusiva. Esclusiva e per molti versi unica, perchè Lidiya è una degli ultimi 700 (dati del censimento del 2010) nagaseni presenti sulla faccia dela Terra.

Da noi in occidente si abusa della parola «sciamano», ma chi sono veramente gli sciamani?

Gli sciamani sono degli intermediari tra il mondo materiale degli uomini e quello degli spiriti.

Io sono la nipote dell'ultimo grande sciamano Ngan Tuso. Anche il mio bisnonno era uno sciamano. A distinguerli erano intelligenza, chiarezza, grande capacità di ipnosi e immersione spontanea in uno stato trance. Erano grandi conoscitori del proprio popolo, del folclore, delle tradizioni, e tutt'ora su di loro vengono narrate diverse leggende.

Lidiya Povrina, a sinistra, discendente dello sciamano Ngan Tuso
© Sputnik . Aleksandr Kriazhev
Lidiya Povrina, a sinistra, discendente dello sciamano Ngan Tuso

Ce ne può raccontare qualcuna?

No, non si possono raccontare agli estranei.

Come e per quale motivo le persone si rivolgevano agli sciamani?

Gli sciamani avevano tante funzioni. Ad esempio ci si rivolgeva a loro se una persona si era persa, allora lo sciamano diceva dove se la poteva trovare. Oppure prima della nascita di un figlio, per sapere se era un maschietto o femminuccia.

Ci sono ancora degli sciamani tra di voi?

Adesso non ci sono più sciamani tra noi Nganasan. Ed anche negli altri popoli del Taymir non credo. La politica sovietica ha esercitato un grande ruolo in negativo. Mio nonno, suo fratello vennero rinchiusi in carcere per il fatto di essere sciamani, e di ricevere in cambio qualcosa per le loro azioni. Le persone gli davano dei regali dopo che venivano aiutate. Oggiorno anche gli uomini che potrebbero diventare sciamani per linea dinastica non lo fanno, perchè sono ormai completamente inseriti nella vita cittadina.

Sciamani siberiani celebrano Shagaa, l'inizio del nuovo anno.
© Sputnik . Alexandr Kryazhev
Lo sciamano quindi non è un mestiere da donna?

L'appartenenza ad un gruppo di sciamani si trasmette soltanto da parte maschile.

Sciamani si nasce, oppure si diventa?

Sciamani si nasce e si diventa. Il fatto di poter essere sciamano non dipende soltanto dai geni. Non diventa sciamano soltanto chi può diventarlo, ma chi lo ha voluto. Bisogna attraversare tutta la «malattia dello sciamano», che non dura una notte o tre giorni, ma per anni interi.

Come si svolge questa «malattia dello sciamano»?

Avviene nel momento in cui gli spiriti trovano il loro padrone e glielo fanno capire grazie all'intervento di diversi aiutanti, come animali o erbe. E la persona percepisce questi segnali e può ritirarsi per mesi nella tundra e poi ritornare in uno stato di pace interiore ed esteriore. La gente pensa che si sia perso mentre, lui non ha neanche sentito freddo, perchè gli spiriti lo proteggono. Certamente oggigiorno nessuno vuole «ammalarsi» così. Uno sciamano percepisce tutto questo, mentre le altre persone da fuori pensano che sia un pazzo.

Lei come discendente di uno sciamano, possiede dei «poteri» nascosti ai nostri occhi?

Io percepisco che dentro di me ci sono questi elementi, ma dovrei svilupparli. La testa degli sciamani è come se fosse divisa a metà. Ad esempio mentre io parlo con te, l'altra metà è come se ricevesse dei segnali da quell'ermellino là nell'angolo, che mi dice se sto parlando con una brava persona, o se quella persona ha male da qualche parte.

Un uomo Nganasan
© Sputnik . Aleksandr Poliakov
Un uomo Nganasan

Che cosa contraddistingue il vostro popolo, che ancora non si è piegato del tutto alla conversione forzata a usi, costumi e credenze urbane?

Il nostro è stato fino a pochi decenni fa un popolo nomade, dedito alla pesca ed alla caccia delle renne. Per noi le renne sono tutto: cibo per mangiare, pelle per vestirci e coprirci dal freddo. La nostra lingua è inserita dall'Unesco tra quelle in via d'estinzione.

Non crediamo nell'aldilà come lo intendete voi. Ad esempio se vediamo una tomba ci fermiamo, lasciamo delle caramelle oppure spezziamo una sigaretta in due e la lasciamo lì, in segno di rispetto, perchè queste persone non sono morte, non sono nell'aldilà, ma sono vive in un altro mondo.

Alla fine dell'intervista Lidiya «cede» e dopo aver sentito la parola Italia vicino a quella Sputnik, decide di raccontare una leggenda del popolo Nganasan

Ti racconto la leggenda del «lago dello Sciamano».

Successe tutto in un anno di carestia, in cui la selvaggina scarseggiava, i pesci anche. Allora uno sciamano per salvare la sua tribù dalla fame disse: scavate tre buchi nel ghiaccio di questo lago e fatemi immergere, dopo avermi legato con una corda. Poi andatevene via, spostandovi di posto in posto per superare l'inverno. Quando arriverà la primavera tornate e tiratemi su. Passarono i giorni, le settimane, finchè ad un certo punto un giovane di un'altra tribù, gli Eneti, si avvicinò al lago. Quest'uomo arrivò fin li dopo essere stato cacciato dai suoi consanguigni, perchè si comportava da sciocco, era una sorta di «scemo del villaggio». Così quando vide il buco nel lago e la corda che sporgeva pensò di tirarla su, che avrebbe trovato dei pesci con cui sfamare la sua famiglia. Invece all'alta estremità della corda c'era lo sciamano. Dopo averla tirata su, a fatica, vide uscire dall'acqua lo sciamano tutto coperto di pesci. Il ragazzo sì spaventò e buttò la corda dalla paura, lo sciamano caddè giù e non venne mai ritrovato. Per questo motivo il lago si chiama «lago dello Sciamano».

 

 


Le 29° Universiadi Invernali si svolgono a Krasnoyarsk, in Russia, dal 2 al 12 marzo 2019.

In totale, nei 10 giorni di gara verranno assegnate 228 medaglie in 11 sport: sci alpino, sci di fondo, snowboard, freestyle, ski orienteering, biathlon, pattinaggio di figura, short track, bandy, curling e hockey su ghiaccio.

Segui le Universiadi Invernali di Krasnoyarsk 2019 su Sputnik Italia, con dirette, interviste ai protagonisti, foto e video sulle nostre pagine di Instagram e Facebook.

Tema:
Universiadi Invernali Krasnoyarsk 2019 (23)
Tags:
Krasnoyarsk 2019, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik