Widgets Magazine
09:20 23 Agosto 2019
Migranti e rifugiati aiutati dai membri dell'ONG spagnola Proactiva Oper Arms nel mar Mediterraneo nei pressi di Libia (foto d'archivio)

Libia, i migranti li salvi l’Onu

© AP Photo / Emilio Morenatti
Opinioni
URL abbreviato
Gian Micalessin
6112

Dopo l’ennesima tragedia in mare il coro buonista invoca il ritorno delle Ong e la riapertura dei porti italiani. Bisogna invece pretendere una missione Onu che garantisca sia il salvataggio dei migranti sia l’accoglienza in centri sul territorio libico difesi e garantiti dai Caschi Blu.

Solo questo fermerà il traffico di uomini e l'arbitrio delle milizie garantendo il rimpatrio di chi non ha diritto all'asilo. 

Sgombriamo il campo dagli equivoci. I 117 migranti inghiottiti dal Mediterraneo davanti alle coste della Libia non li ha uccisi Salvini, ma chi incoraggia l'attività dei trafficanti di uomini offrendo ai disperati caduti nelle loro mani l'illusione di trovare dei soccorritori pronti a sottrarli alla furia del mare. Su questo fronte i dati parlano chiaro. Nel 2016 quando le Ong erano al massimo della loro attività i morti in mare furono 5022, il massimo storico registrato dal 2002 ad oggi. Nei dodici mesi del 2018, caratterizzati prima dall'azione di Marco Minniti e poi dalla chiusura dei porti voluta dai Salvini, il numero dei morti è precipitato a quota 2275. Ma il minimo storico risale al 2010 quando la tanto vituperata politica dei respingimenti concordata dal governo Berlusconi con il regime del Colonnello Muhammar Gheddafi permise di contare soltanto 20 vittime in dodici mesi, a fronte dei 1274 registrati nel 2008.

Ma il passato è chiaro non ritorna. Bisogna dunque chiedersi cosa fare per evitare il ripetersi di queste tragedie evitando di offrire alle navi delle Ong gli alibi necessari per tornare ad agire al di fuori da ogni regola e dettame internazionale. Anche perché il vero intento delle Ong non è umanitario, ma politico. Dietro la nobile motivazione del salvataggio di vite umane si cela l'intento politico e ideologico di giustificare l'arrivo in Europa di centinaia di migliaia di migranti irregolari privi dei requisiti per accedere all'asilo. E questo finisce con l'incrementare l'attività dei trafficanti di uomini.

La chiusura dei porti italiani ha evidenziato, d'altra parte, l'egoismo e l'indisponibilità delle nazioni europee abituate per anni a scaricare sull'Italia il peso della solidarietà. Due problemi restano però insoluti. Da una parte la Guardia Costiera libica non è ancora in grado di garantire da sola la sicurezza delle proprie coste, dall'altra l'arbitrio delle milizie offre facili argomenti a chi sostiene che sia inumano riportare in Libia i migranti salvati in mare. L'unica soluzione per tappare questi due buchi neri è il coinvolgimento delle Nazioni Unite grandi assenti dal 2013 ad oggi sul fronte delle tragedie del Mediterraneo.

Peraltro la presenza a Tripoli di un governo appoggiato dalle Nazioni Unite rende oggi più agevole l'approvazione di una missione di Caschi Blu incaricata di agire sia sul fronte marittimo sia su quello terrestre. A quel punto il posto delle Ong potrebbe venir preso da una flotta di navi europee incaricate da una parte di appoggiare la Guardia Costiera libica e dall'altra di garantire il ritorno dei migranti in porti garantiti dai Caschi Blu. Il passo successivo sarebbe il trasferimento dei migranti salvati in mare in centri di accoglienza sorvegliati e protetti dallo stesso contingente dell'Onu. A quel punto sarebbero le Nazioni Unite a decidere, assieme ai rappresentanti europei, quanti e quali di quei rifugiati possono accedere all'asilo e venir trasferiti in aereo nel Vecchio Continente e quanti invece devono venir rimpatriati nei paesi d'origine.

Certo le milizie spesso alleate e complici dei trafficanti di uomini avrebbero facile gioco nello spacciare per invasori i Caschi Blu dell'Onu e mettere a segno attacchi e intimidazioni. Ma questa non può essere una scusa per non agire. Se la protezione dei civili libici minacciati da Gheddafi è stata, nel 2011, la scusa utilizzata dalla Francia per coinvolgere la Nato nel disastro libico allora otto anni dopo la protezione umanitaria dei migranti può diventare un'ottima opportunità per tornare in Libia e mettere fine all'arbitrio di milizie e trafficanti di uomini. 

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
emergenza immigrazione, Immigrazione clandestina, immigrazione, Immigrati, migrazione clandestina, migrazione, ONU, Guardia Costiera, Italia, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik