08:53 11 Dicembre 2019
Regalini benaugurali

Le ‘grandi manovre’ contro la ‘grande manovra’ e tante altre belle metafore di fine anno

© Foto : Pixabay CC0
Opinioni
URL abbreviato
Di
1151
Seguici su

E non è neppure colpa dei 5 Stelle o della Lega. Quella coperta lì è sempre stata corta. Ma anche al povero Tria che gli vuoi dire? Ieri in Commissione Bilancio, quella della manovra finanziaria, finalmente l’ha detto: “Finora mi avete massacrato, mi fate almeno rispondere o no?”. La vittima sacrificale che finalmente tira fuori i denti...

D'altra parte, dite la verità, per quanto ognuno capisca perfettamente le ragioni del ghepardo, chi non fa il tifo per la gazzella quando il felino le ha già piantato le grinfie alla chiappe e cerca di risalire lungo la schiena per arrivare alla presa finale del collo? Una bella zoccolata sui denti proprio sul più bello — tutti la sognano. Ecco, io tifo Tria. Perchè è l'agnello sacrificale, anzi, la gazzella sacrificale, con ghepardi, iene ridens e pure coccodrilli in agguato tra Roma e Bruxelles. E l'altro giorno, per la prima volta, l'ho sentito finalmente tirare la zoccolata che bramavo da tanto e a qualcuno sono già saltati i canini con l'acquolina e tutto:

Giovanni Tria
© AP Photo / Ronald Zak
Giovanni Tria
"Non dico che sia tutta colpa vostra (ref: Governo precedente) ma il sentiero stretto, che c'è anche adesso, non ha portato a niente, perchè il debito sta là e il problema di evitare la procedura sul debito deriva da quello che avete lasciato a maggio, e di una manovra basata su clausole di salvaguardia che era impossibile da portare avanti". Bravo Giovanni! Fracchia che si trasforma nella Belva Umana, il Dr. Jekyll che finalmente tira fuori Mr. Hyde! Deciso, io voto Tria — la gazzella che prima di schiattare tira la cornata dritto nella pupilla del predatore.

Ma è così — la politica economica in Italia questo è, una coperta corta. O copri la testa, e ti si ghiacciano i piedi, o copri i piedi e muori di polmonite uguale se il freddo è tanto, perché qualcosa fuori resta sempre. Rannicchiare non ti puoi rannicchiare, qua i sacrifici veri non li vuole fare nessuno — Cgil, Cisl e Uil in comunicato congiunto hanno scritto: "Una legge di bilancio sbagliata, miope, recessiva che taglia ulteriormente su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi, negando al Paese, e in particolare alle sue aree più deboli, una prospettiva di rilancio economico e sociale. Siamo pronti alla mobilitazione unitaria che culminerà con una grande manifestazione nazionale a gennaio". Gennaio, dopo le feste. Cioè prima non si lavora perchè ci sono le feste poi non si lavora perchè facciamo sciopero, così poi l'Italia va meglio.

Palazzo Montecitorio
© AFP 2019 / Filippo Monteforte
A Cgil, Cisl e Uil evidentemente piacevano le finanziarie del PD, quelle sì aiutavano i deboli e rilanciavano. L'Acli invece ha detto (Acli è l'acronimo di Associazioni Criestiane dei Lavoratori Italiani, perchè in Italia le esigenze dei lavoratori cristiani sono diverse da quelle degli agnostici per dire), dicevo i lavoratori cristiani (?!), hanno detto che la legge di Bilancio è molto carente dal punto di vista degli investimenti e a loro sembra che punti prevalentemente su misure assistenzialistiche tipo quota 100 e reddito di cittadinanza. Eh lo so, non ci sono più quelle belle finanziare di una volta che bestemmiavi già appena te le enunciavano, adesso pretendono persino di illuderti che ce la potresti anche fare. Che tempi! L'Anci pure ne sta dicendo di tutti i colori (Associazione Nazionali Comuni Italiani) — l'han capita adesso che per mantenere certe promesse e al tempo stesso non farsi massacrare da Bruxelles qualcuno sarebbe rimasto fregato e quel qualcuno, guarda caso… Poi c'è il sindacato Ncc, i noleggiatori con conducente. Questi devono essere i più potenti di tutti perchè si sono permessi addirittura un sit-in a Roma in Piazza della Repubblica gridando frasi del tipo "Se non ci ascolteranno bloccheremo il Paese", "Di Maio schiavo dei tassisti", "Di Maio vieni qui". E intanto che aspettavano che il Di Maio vero ci andasse sul serio lì, nel frattempo hanno dato fuoco ad un Di Maio finto di fantoccio. Certo, se provi a regolamentare e distinguere tra taxisti e Ncc, capita anche questo in Italia.

Nel frattempo, ne abbiamo parlato l'altro giorno, a Salvini lo appendono simbolicamete a testa in giù e ci ridono sopra. Poi c'è la Nugnes che dice che piuttosto di certe riforme è meglio se cade il Governo (ed è una di quelle che fa parte del Governo) e poi ci sono i vari Moscovici, Big Dombrovskis (che ancora non ho capito cosa mi rappresenti ma ho capito che mi comanda), c'è quell'altro che ha la ‘sciatica' e una savana intera infestata di belve affamate di ogni tipo pronta a piantarti le grinfie e i denti appena ti vede isolato e indifeso.

L'unica cosa che ci avrebbe potuti salvare sarebbe stata la politica internazionale — là la coperta non è corta, là te la tessi da solo a misura se vuoi, ricercandoti le giuste alleanze, scoprendo nuovi mercati, facendoti i tuoi interessi e non quelli di potentati ‘altri' e spesso ‘occulti'. Ma quello è l'unico ambito che la nostra politica non può toccare. Se ci provi, iniziano le grandi manovre per impedirtelo. Se ti dicono sanzioni fai le sanzioni, se dicono F35 compri gli F35, esercitazioni NATO fai le esercitazioni NATO. E dì grazie che per ora si accontentano di farti perdere tempo e altre risorse solo con le esercitazioni, perchè se si mettono in testa di farti partecipare anche a qualcos'altro (missioni? guerre?), partecipi anche a quello senza fiatare. La gazzella ogni tanto la centra pure una zoccolata sui denti ma sempre gazzella rimane e quando i ghepardi partono alla caccia la gazzella isolata non scampa. Infatti in natura le prede si difendono vivendo in branco. Branchi uniti e compatti, senza fazioni, frammentazioni, sindacati strani, defezioni. Manovrano, muovono e prosperano sempre e solo grazie alla compattezza del branco. No, ma era giusto per fare un po' di metafore di fine anno e scrivere quattro stupidate, state tranquilli andrà tutto bene. Sarà un grande 2019.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

Tags:
politica interna, Economia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik