18:06 15 Dicembre 2018
Un quadro dal film sovietico Crollo, 1968, dal regista Vladimir Chebotarev

Perché in Italia non ci sarà un altro Mussolini

© Sputnik . РИА Новости
Opinioni
URL abbreviato
Elena Kovalenko
14105

“A Mussolini spesso sembrava che fosse proprio lui a creare la storia e a determinare da solo i destini di milioni di persone”.

Questa è una citazione dal libro di Lev Belousov, Mussolini: dittatura e demagogia, ristampato in due edizioni dal 2016, ma resta tuttora difficile da comprare.

Lev Belousov, Mussolini: dittatura e demagogia
© Sputnik . Anna Lambina
Lev Belousov, Mussolini: dittatura e demagogia

Autore di numerose monografie e professore alla facoltà di storia dell'Università statale di Mosca Lomonosov, Lev Belousov attraverso la biografia di Benito Mussolini ha raccontato ai lettori russi le ragioni della nascita, del successo e del fallimento del primo regime fascista della storia.

Il Duce è stato un dittatore e un grande demagogo e rimarrà nella storia mondiale il creatore del movimento del Fascismo, termine con cui dalla maggior parte dei cittadini dell'URSS durante la Seconda guerra mondiale e successivamente dagli stessi russi viene definito il nazionalsocialismo di Hitler.

"Voglio che l'Italia sia grande, rispettata e che incuta timore. Così Mussolini diceva a Ludwig nel 1932. Tredici anni dopo il Paese fu distrutto dalla guerra, sconfitto e umiliato dal fascismo", — un'altra citazione dal libro del professor Belousov.

Sputnik Italia ha chiesto al professore come è nata l'idea di scrivere questo libro e quali sono i leader di cui, secondo lui, ha bisogno la nostra società in questo secolo.

— Professore, perché ha deciso di scrivere proprio ora un libro su Mussolini per il pubblico russo?

— Negli anni '70, quando ancora ero studente, mi resi conto che in URSS praticamente non si conosceva nulla del fascismo italiano, nulla era stato scritto a questo proposito. Già allora ne capii il motivo, pur non avendo accesso ai materiali sul tema, che in epoca sovietica erano interdetti negli archivi segreti del regime. Quando riuscii ad andare in Italia e fare delle ricerche negli Archivi di Stato italiani, capii che la ragione principale per cui la storia del fascismo italiano non era studiata in URSS era l'identità fra molte forme presenti negli anni '30 nell'Italia fascista e nell'Unione Sovietica. Proprio per questa ragione per 4 anni di fila la Commissione ideologica del Comitato Centrale del PCUS non permise la pubblicazione del mio primo libro, una monografia di dottorato intitolata La gioventù contro il fascismo. Fu pubblicata solo nel 1987 dopo l'inizio della perestrojka. Fui uno dei primi, se non il primo studioso sovietico, a recarmi negli Archivi di Stato italiani e a lavorare sui verbali di polizia. Questo mi permise di ricreare il meccanismo del regime totalitario e di studiare la questione del consenso necessario in una data società, cioè l'essere concordi con il regime. Uno degli elementi di tale consenso era il Duce che doveva essere il leader della nazione.

Dunque al centro dei miei studi vi fu la figura di Mussolini sulla quale in URSS non si sapeva nulla. Sentii che la figura del Duce sarebbe stata al 100% d'interesse per i lettori russi, come del resto lo era a me in prima persona. Raccolsi molti materiali e scrissi il primo libro che uscì nel 1993 ed ebbe subito successo. Dopodiché mi interessai al tema del totalitarismo e, più precisamente, ai rapporti tra le masse e il Duce, per capire come queste due forze interagiscono.

— Come si è sviluppato il Suo interesse per il tema del totalitarismo nella nuova Russia?

— Sono passati 23 anni. In questo periodo in Russia sono state pubblicate altre monografie su Mussolini, essenzialmente in traduzione, e le memorie di Claretta Petacci. Il mio libro divenne introvabile.

Capii che c'era una certa domanda nella società russa: c'era interesse per una grande personalità, foss'anche negativa. Il XX secolo è il secolo delle masse. Per la prima volta nella storia le masse sono diventate soggetto di sviluppo storico. Se prima vi erano regimi autoritari ed era l'élite politica a detenere il potere, facendo affidamento solo sull'establishment, dopo la Prima guerra mondiale questo sistema cessò di funzionare: le masse erano armate dopo la guerra e pronte ad impiegare la violenza. Le masse conquistarono il diritto di voto, comparvero partiti politici di massa e accadde che le masse potevano davvero influire sul sistema politico. Dunque, bisognava occuparsi anche di queste masse.

Comparvero poi i regimi totalitari che si differenziavano da quelli autoritari proprio per il fatto che lavoravano con le masse. Fu un sistema totale di assoggettamento delle masse che penetrò in tutti i pori della società e tramutò le masse in una sostanza malleabile con cui fare qualsiasi cosa. A tal proposito sono stati scritti molti libri, ma in ognuno di questi si osserva che una delle caratteristiche della società totalitaria è il cosiddetto "ducismo". Ci deve essere un leader carismatico, un capo, che guida le masse.

Il Italia fascismo e il Duce fecero leva sui concetti di nuova giovane Italia e di rinascita della grandezza passata. Mussolini fu un brillante giornalista e un grande demagogo. Inoltre, era dotato di un sorprendente fiuto politico. Riusciva ad esprimere perfettamente cosa serviva all'uomo comune in maniera comprensibile. Bisogna tener presente la situazione storica in cui il Duce arrivò al potere: un periodo di totale instabilità in seguito alla guerra, distruzione totale, crollo di ogni speranza. Improvvisamente compare un uomo che dice "Conosco la strada che porta al sole", "So come ristabilire nel Paese l'uguaglianza sociale". Il programma dei fascisti colpiva nel segno tutti i gruppi sociali e tutti trovavano risposta a ciò che cercavano. Non tutta l'Italia lo sosteneva, ma l'opposizione era debole. Il Duce era un brillante organizzatore, un maestro delle manovre politiche e non era irremovibile. In altre parole, parlando dell'ideologia di Mussolini, si può dire che si destreggiava fra diverse idee a seconda della necessità.

— Quanto sono attuali le Sue valutazioni sulla personalità di Mussolini e come può questa figura tanto studiata nel Suo libro interessare la società russa o italiana?

— Oggi viviamo in un altro mondo. Mentre preparavo il libro su Mussolini, sul sistema totalitario, scrivevo di un periodo in cui le autorità italiane volevano tramutare la società in un gregge. Anche il Duce utilizzava questo termine: "un gregge di pecore che va guidato". Ma oggi può comparire un leader politico che decide di perseguire questo obiettivo? È verosimile che una società democratica si tramuti in una massa negando la propria libertà individuale? Il Duce parlava proprio di questo. Ma io credo che oggi le cose siano diverse. Non a caso il partito neofascista Alleanza Nazionale ha smesso di esistere ed è diventato parte della destra. Penso che nella storia italiana ed europea questo periodo sia davvero confluito nel passato. La società di oggi è totalmente diversa e non può accettare certe idee. Sono sicuro che in Italia non potrà ripetersi niente di simile al ducismo.

Il Fascismo come regime ha portato il Paese a una catastrofe nazionale, anche se in Italia per quasi vent'anni c'è stato un periodo di consenso, di unanimità tra la società e Mussolini, ed era in vigore una politica attiva di regolamentazione statale dell'economia e dei rapporti sociali. L'Italia all'epoca aveva la legislazione in materia sociale più sviluppata al mondo e questa politica sociale aveva assicurato al Duce grande sostegno da parte della società. Sì, fu un periodo nero nella storia italiana, ma anche gli antifascisti riconoscono che nel ventennio nero un Paese prevalentemente agricolo divenne prevalentemente industriale. Renzo de Felice, il più noto studioso del fascismo, scrive che proprio questa fu la base su cui nella società si formò il consenso nei confronti del regime di Mussolini: la società lo accettava perché agiva facendo gli interessi di molte persone e l'entusiasmo per la sua figura era sincero. Per questo, oggi nella storia non ci sono valutazioni univoche, solo bianco o solo nero.

Ora stiamo imparando a valutare questa figura da diversi punti di vista. Il marxismo in URSS aveva un rapporto univoco con il regime fascista. Ma nella nuova Russia ha espresso un pensiero molto intelligente lo storico Boris Lopukhov, autore di una storia del regime fascista italiano: "Tutto fu molto più complicato e ambiguo".

Non penso che opere come la mia possano dare qualcosa di nuovo agli italiani, ma per i russi potrebbero essere una scoperta.

— Si può dire che l'Italia e i suoi politici abbiano imparato le lezioni che la storia ha dato loro durante il periodo mussoliniano e che nessuno si dichiarerà più leader nazionale?

— L'Italia oggi è un altro Paese. Salvini, ad esempio, non dirà di sé che è il nuovo leader nazionale ed ha sempre ragione, mentre il Duce lo diceva. Salvini ha un punto di vista con cui si può discutere, mentre con il Duce non era ammesso discutere. I parallelismi tra Salvini e il Duce non hanno niente a che vedere con la storia. Si tratta di problemi e di figure diversi.

Per il Duce la dominante principale era il potere che gli serviva per realizzare ciò che riteneva giusto. Il potere ad ogni costo. La percezione di una missione personale per cui il Duce è un dono del destino all'Italia e per questo non può sbagliare. Il Duce ha sempre ragione.

A me interessava molto capire come le persone si relazionassero con tutto ciò. Per questo ho lavorato molto sui documenti degli archivi, in particolare sui rapporti della polizia, degli ascoltatori che erano ovunque. Nei rapporti dei questori salta all'occhio come nella società stava maturando un rigetto, una contrapposizione a Mussolini. Non a caso dopo la guerra i comunisti furono la forza antifascista più potente in Italia.

Ogni forma di organizzazione sociale, economica e politica ha una sua ciclicità. Quando si applicano principi spiccatamente neoliberali e leve di mercato che danneggiano le politiche sociali, l'economia comincia a svilupparsi. Compaiono dei soldi — Spendiamoli! Vincono i socialisti e cominciano a spendere. Poi arriva la risacca e quando si è sull'orlo della crisi vince di nuovo la destra. In Italia al posto di Matteo Renzi arriva Matteo Salvini o, al contrario, al posto di Silvio Berlusconi, Romano Prodi. Il governo Salvini-Di Maio è un nuovo fenomeno politico. Il Movimento 5 Stelle è un movimento di persone stanche della politica che desiderano solamente una vita normale. Teoricamente potrebbero coalizzarsi con chiunque proprio perché non hanno un programma. Penso che questo fenomeno italiano si svilupperà ulteriormente come movimento basato sullo scontento della maggior parte degli italiani per l'inattività del governo e per la mancanza di uguaglianza sociale.

Loro non vogliono fare politica, ma vogliono cambiare la società. Quindi gli tocca comunque fare politica. Ed è qui che si palesa la contraddizione di questo movimento. Una nuova spirale del nuovo secolo. 

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Braccio di ferro UE-Italia, è solo l’inizio
L'Italia sfida l'Europa
Camp Darby, l’immenso arsenale USA in Italia si potenzia
Tags:
dittatura, Storia, fascismo, Benito Mussolini, Russia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik