17:06 20 Ottobre 2018
Il Duomo, Milano

A Milano si apre il World Energy Week

© Sputnik . Vladimir Pesnya
Opinioni
URL abbreviato
Marina Tantushyan
0 20

Dall’8 all’11 Ottobre 2018 si terrà a Milano la World Energy Week organizzata dal WEC Italia.

Questo evento di alto livello riunirà numerose personalità istituzionali, del mondo del Business e della scienza provenienti dai circa 100 Paesi appartenenti al network del WEC per dialogare e confrontarsi sulle tematiche di maggiore attualità per il settore energetico. La delegazione russa sarà guidata dal Ministro dell'Energia russo Alexander Novak. I temi fulcro di quest'anno saranno l'innovazione, le nuove tecnologie, la resilienza e l'accesso all'energia.

Per maggiori informazioni Sputnik Italia si è rivolto all'organizzatore principale di questo appuntamento mondiale, al Presidente del WEC Italia Marco Margheri.

— Presidente Margheri, che cos'è il "World Energy Week"?

— La Settimana Mondiale dell'Energia è l'evento annuale più importante del World Energy Council e riunisce le delegazioni provenienti da circa 100 paesi in un dibattito energetico sulle grandi sfide della transizione energetica, dello sviluppo di un'energia sostenibile, competitiva e sicura. Alla World Energy Week (WEW) Milan 2018 Sono attesi più di 400 delegati tra Ministri, delegati ministeriali, Amministratori Delegati, rappresentanti di imprese, accademia, esperti e rappresentanti del settore.

L'Italia e Milano ospiteranno la WEW nel segno del ruolo italiano a favore della transizione energetica nella regione dal Mediterraneo all'Africa, con un'ampia serie di dibattiti ed eventi in collaborazione con l'OME- Observatoire Méditerranéen de l'Energie, con il GO15-Rete Mondiale degli Operatori di rete, con la Piattaforma Gas dell'Unione per il Mediterraneo o ancora con l'ISPI — Istituto Studi Politica Internazionale. Sarà anche un'occasione importante per il sistema delle imprese italiane, che sarà fortemente presente nei panel e nell'organizzazione di dialoghi tecnici con i business partner della regione, al fine di presentare le eccellenze italiane più significative ad esempio nei settori della digitalizzazione, dello sviluppo della smart energy e della mobilità sostenibile.

— Che significato ha per l'Italia lo svolgimento di questo prestigioso evento internazionale di altissimo livello? Perché la scelta è ricaduta sulla città di Milano?

— La scelta di Milano conferma il ruolo centrale che la capitale lombarda riveste nell'ambito di importanti eventi internazionali in quanto vetrina dell'Italia. Sull'onda del successo di eventi internazionali quali EXPO, e a conferma di una città profondamente interconnessa e aperta all'accoglienza e all'ospitalità, desideriamo trasmettere ciò che di meglio la città ha da offrire e poter contribuire in maniera diretta alla riuscita della World Energy Week. Milano è al centro del movimento internazionale di città e "non state actors" che rappresenta una straordinaria piattaforma per la transizione energetica, nel segno della lotta al cambiamento climatico e dell'economia circolare. Milano poi è anche il simbolo dell'industria italiana, creativa, innovativa e orientata al mondo. Per questo, proprio a Milano vogliamo parlare di energia competitiva, di nuove tecnologie, di servizi per l'efficienza energetica.

WEC Italia ha una vocazione naturale ad essere un interlocutore imparziale e organico per questo dibattito. Grazie ai suoi associati, che spaziano dai Ministeri italiani competenti in materia di energia, ambiente e affari esteri insieme ad aziende, associazioni, università ed esperti, il Comitato italiano può rappresentare l'esperienza e le esigenze del sistema energetico italiano nel suo insieme.

— Potrebbe indicare gli appuntamenti più importanti della Energy Week milanese?

— Il cuore dei dibattiti pubblici della World Energy Week Milan 2018 sarà rappresentato dall'Energy Transition Summit, il 10 ottobre, dall'Italian Energy Day l'11 ottobre e in parallelo lo stesso giorno, a porte chiuse, dal World Energy Leaders' Summit (WELS); quest'ultimo è l'incontro riservato ai Ministri, delegazioni ministeriali, Amministratori Delegati e alti rappresentanti di organizzazioni internazionali. Inoltre, durante la settimana ci sarà anche l'occasione di discutere del ruolo italiano nella transizione energetica nel Mediterraneo, con un'ampia serie di dibattiti ed eventi che stiamo curando — tra gli altri — anche in collaborazione con l'OME — Observatoire Méditerranéen de l'Energie, il GO15 — Rete Mediterranea degli Operatori di rete e l'ISPI — Istituto Studi Politica Internazionale. Durante la settimana, si terrà un'importante riunione operativa della Piattaforma Gas dell'Unione per il Mediterraneo (sotto la co-presidenza della Commissione europea), per discutere un tema importantissimo per l'Italia e la nostra regione, come fare a rendere più sostenibile e meno inquinante il trasporto marittimo, grazie al contributo dei nuovi combustibili e del GNL. Infine, sono particolarmente contento che l'agenda dell'Italian Energy Day possa essere l'occasione per il sistema delle imprese italiane di presentare le sue eccellenze più significative ad esempio nei settori della digitalizzazione, dello sviluppo della smart energy e della mobilità sostenibile.

— Al WEW2018 si parlerà di meccanismi innovativi di finanziamento e nuovi modelli di business per "decarbonizzare" la produzione energetica. Secondo le Sue stime, quali investimenti sono necessari per la transizione energetica verso modelli più sostenibili?

— La World Energy Week di Milano si presenta come il palco ideale dal quale affrontare tematiche complesse e centrali come quello della transizione energetica, della decarbonizzazione, della mobilità sostenibile, della finanza sostenibile o ancora della digitalizzazione. L'Agenda stessa dell'evento è stata ideata in modo da incoraggiare un dialogo aperto e costruttivo, attorno alle best practice del settore e prendendo spunto dalle analisi prodotte dal World Energy Council, tra i membri dei comitati, nonché i leader e rappresentanti politici e delle principali aziende private del settore.

A tale riguardo, nell'attuale transizione energetica, le politiche di sostenibilità ambientale e di lotta al cambiamento climatico in molti paesi, sia industrializzati sia in via di sviluppo, stanno influenzando in modo significativo l'evoluzione dei mix energetici verso fonti a minori o zero emissioni e utilizzi più efficienti dell'energia.

Il WEC ha intrapreso un importante percorso di approfondimento sul tema del finanziamento delle infrastrutture energetiche resilienti. Partendo dall'esame dei rischi emergenti più critici per il settore energetico, il rapporto "The road to resilience: Financing resilient energy infrastructure" individua le misure per contrastare queste minacce attraverso il finanziamento in infrastrutture energetiche sempre più sostenibili e resilienti.

In tale contesto, i regolatori dovranno favorire (i) lo sviluppo di meccanismi che sostengano gli investimenti necessari allo sviluppo dei sistemi energetici che vadano in tale direzione; (ii) stabilire regole chiare e tecnologicamente neutrali, supportate da standard concordati con tutte le parti interessate. Ciò con l'obiettivo di ridurre i costi e le inefficienze e di favorire l'interoperabilità tecnica, l'armonizzazione dei servizi, e l'integrazione della generazione distribuita; (iii) strutturare un quadro regolatorio in grado di adattare il mercato alle nuove esigenze dei consumatori che grazie ai progressi tecnologici avranno nuove opzioni per utilizzare l'energia. Questi temi saranno al centro dei dibattiti della World Energy Week Milano 2018.

Segue

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Energia, Mosca: Nessun ostacolo a cooperazione tra Russia e Italia
Russia, Alfano: Italia non dimentica partnership strategica su terrorismo ed energia
Relazioni italo russe
Tags:
relazioni Italia-Russia, Energia, Russia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik