02:34 19 Ottobre 2018
Belbek Airfield di Crimea commemora i piloti russi morti nello schianto dell'aereo russo Il-20 abbattuto in Siria.

L'incidente aereo in Siria non comprometterà i rapporti russo-israeliani

© YouTube/Sputnik
Opinioni
URL abbreviato
Giulio Virgi
11316

Da tempo le forze armate israeliane intervengono in Siria a tutela dei propri interessi di sicurezza, che ritengono minacciati tanto dalla volontà iraniana di acquisire basi nei pressi dei confini dello Stato ebraico quanto dal possibile rafforzamento dell’Hezbollah libanese.

Proprio allo scopo di evitare incidenti in caso di incursioni, le autorità russe ed israeliane hanno concordato delle procedure per lo scambio preventivo di informazioni, che nel complesso avevano funzionato abbastanza bene, seppure nei limiti di una situazione comunque non facile.

Chiaramente, nelle prime ore di lunedì 18 settembre scorso qualcosa non è andata per il verso giusto ed il risultato è stato l'abbattimento di un Il-20 russo e la morte dei 15 militari che si trovavano a bordo. Sono circolate a caldo varie ricostruzioni dell'accaduto, alcune delle quali avevano chiamato in causa anche una fregata francese, ma al momento in cui questo commento viene pubblicato la versione più accreditata, sulla quale si registra la più ampia convergenza delle fonti, è che il velivolo russo sia stato colpito per errore da un missile S-200 lanciato dalla contraerea siriana.

Damasco ha in parte riconosciuto le proprie responsabilità, sottoscrivendo quest'analisi dei fatti e contribuendo ad evitare un inutile avvitamento diplomatico della crisi. L'accertamento della verità si presenta del resto molto difficile, data la gran moltitudine di navi ed aerei presenti nell'area al momento della disgrazia. Lo complicano anche le inevitabili recriminazioni degli Stati coinvolti. D'altra parte, la perdita di vite umane è sempre un fatto deprecabile e lo è ancor più quando esiste la sensazione che la si sarebbe potuta evitare.

Proprio per questo motivo — e per la presenza nella zona interessata dall'incidente delle forze di almeno tre potenze nucleari — occorre salutare con favore la prudenza alla quale si è finora improntato il comportamento di tutti gli attori in causa.

Mosca ha contestato al governo israeliano le modalità di conduzione dell'attacco, che sarebbe stato preannunciato alle controparti russe nel teatro con un preavviso troppo breve perché si potessero adottare tutte le precauzioni necessarie a prevenire scontri indesiderati. Tel Aviv ha replicato, inviando un alto ufficiale della propria Aeronautica nella capitale russa per fornire tutte le informazioni utili a ricostruire dinamica e cause dell'incidente.

Tali circostanze parrebbero dimostrare che al di là della caduta dell'Il-20 e del disappunto che ha comprensibilmente suscitato al Cremlino, non esiste alcuna volontà di precipitare in Siria una crisi politico-militare di maggiori proporzioni, malgrado questa volta i velivoli di Tsahal si siano pericolosamente avvicinati alle zone di maggior importanza per il contingente inviato dalla Russia in Siria. Tutti paiono consapevoli dei rischi che l'aggravamento delle relazioni russo-israeliane potrebbe comportare e stanno facendo del loro meglio per gettare acqua sul fuoco.

Venendo alle probabili conseguenze di quanto è successo, si possono solo formulare delle ipotesi. Qualora dalle inchieste che verranno condotte sull'abbattimento dovessero emergere gravi negligenze della difesa antiaerea siriana, è prevedibile che le autorità militari russe cercheranno di sottoporre a più stringenti controlli le specialità più "sensibili" delle forze armate di Assad. Non è neanche da escludere che si proceda al rafforzamento delle difese antiaeree e antimissilistiche russe rischierate a Damasco e dintorni, magari inviando sul posto i temibili S-400.

Tutto questo integra gli estremi di una risposta sostanzialmente "tecnico-operativa" alla crisi, che tuttavia potrebbe rivelarsi alla lunga insufficiente, eludendo i nodi politici reali di tutta la vicenda.

Vladimir Putin e Benjamin Netanyahu
© Sputnik . Aleksey Nikolskyi
La guerra civile siriana sembra, infatti, finalmente avviarsi ad una conclusione che ridefinirà gli equilibri regionali per gli anni a venire. Il messaggio che gli attacchi israeliani sembrano veicolare è quello di una determinazione crescente dello Stato ebraico a sradicare la presenza militare iraniana in Siria ed isolare l'Hezbollah libanese. Le pressioni esercitate da Israele dovranno essere gestite all'interno di un negoziato bilaterale riservato, nel quale alla Russia sarà verosimilmente chiesto di allontanare dalla Siria ogni forza militare o paramilitare legata a Teheran. Non mancano analisti che ritengono questo indirizzo compatibile con gli interessi di Mosca, ad esempio nel campo energetico, ma non si vede come la politica mediorientale russa possa abbracciare apertamente questa prospettiva senza pagare un prezzo alle proprie attuali alleanze.

Il momento è delicato perché è diffuso il convincimento che i combattimenti stiano per terminare. Ormai non si lotterebbe più per abbattere o difendere Assad, ma piuttosto per delimitare le frontiere delle future sfere d'influenza che attraverseranno in Siria. Le misure di prevenzione o "deconfliction", pure essenziali, permetteranno di guadagnare tempo prezioso, ma tra Russia ed Israele dovrà intervenire un chiarimento politico.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
Crisi in Siria, abbattimento, il-20, Siria, Israele, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik