09:37 12 Dicembre 2018
I disegnatori Oleg Savostiuk e Boris Uspensky

Non è Charlie

© Sputnik . Lev Ivanov
Opinioni
URL abbreviato
Alessio Trovato
161

Charlie Hebdo è un giornale francese ma non è la Francia. Inutile stare a prendersela con i francesi. Hebdo semplicemente è un giornale che fa una satira incomprensibile, sopratutto quando ci sono le disgrazie. Personalmente preferisco la satira e le vignette che pubblichiamo noi. E scusate il narcisismo.

Dopo le vignette sul terremoto di Amatrice, sulla valanga a Rigopiano, quelle sull'attentato all'aeroeo russo nel Sinai e quelle sulla disgrazia del Coro dell'Armata Rossa, questa sul ponte Morandi proprio non ci voleva. Allora per tirarmi un po' su il morale ho fatto una cosa, un giro in archivio tra le vignette pubblicate negli ultimi mesi e che sono piaciute di più ai nostri lettori. Ho scelto queste:

La Russia vi spia, l'intelligence USA consiglia di non portare i telefoni ai Mondiali
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
"La Russia vi spia", l'intelligence USA consiglia di non portare i telefoni ai Mondiali
Fakenator
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Fakenator

Qui il tema è l'informazione moderna. La prima nasce dalla dichiarazione del direttore del centro del controspionaggio USA William Evanina che ha raccomandato ai tifosi di non portare telefoni cellulari l mondiale russo. L'autore, Vitaly Podvitsky, ha creato una vignetta in cui è evidente il paradosso di un mondo che ti avverte del pericolo di venire spiato dal ‘nemico' quando è lui stesso il primo a spiarti. La seconda è la rappresentazione satirica del commento di Elon Musk, esperto internazionale di alte tecnologie, che avrebbe detto che in futuro i robot potrebbero iniziare guerre, inventare fake news e comunicati stampa. Terminator quindi diventa Fakenator. La cosa che mi fa più ridere però è che per sostituire le redazioni con i fakenator non serve andare nel futuro.

Il Dipartimento di Stato degli Usa toglie i finanziamenti ai Caschi Bianchi
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Il Dipartimento di Stato degli Usa toglie i finanziamenti ai Caschi Bianchi
In Russia non ci sono dati sulla presunta cattura di Abu Bakr al-Baghdadi
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
In Russia non ci sono dati sulla presunta cattura di Abu Bakr al-Baghdadi

Qui sopra invece siamo in Siria. Dopo la vittoria dell'Oscar per il miglior ‘documentario', il Dipartimento di Stato Usa aveva tolto i finanziamenti agli White Helmets. Eccoli allora immaginati dall'autore in una raccolta fondi non tanto per la prossima ‘missione umanita' ma per il prossimo film. La seconda parla da sola, vuol far capire che la guerra in Siria è per alcuni, più che altro una guerra di informazione. Nel senso di una guerra a chi la spara più grossa. Certo queste vignette sarebbero molto più divertenti se non ci fosse anche da piangere.

Merkel trova giustificazioni per aumento spese militari NATO
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Merkel trova giustificazioni per aumento spese militari NATO
Ma questa è davvero l'Italia?
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Ma questa è davvero l'Italia?

Queste due sono sul tema della sovranità nazionale. Nella prima la cancelliera tedesca Angela Merkel esorta i Paesi membri NATO ad umentare le spese militari a seguito della situazione nel Donbass e la riunificazione della Crimea alla Russia — l'abbiamo intitolata "Schnell, schnell! ‘Nato' avere tanta fame, ‘Nato' tanto manciare!". La seconda è sulla presenza delle basi americane in Italia. Non fa ridere per niente. Ma forse proprio perchè è stata presa fin troppo sul serio è una di quelle che ha avuto maggior successo e diffusione tra il pubblico italiano.

Macron crede che la Francia sarà una superpotenza del XXI secolo
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Macron crede che la Francia sarà una superpotenza del XXI secolo
La prova dell'aggressione britannica contro chiunque
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
La prova dell'aggressione britannica contro chiunque

Queste due sopra sono invece dedicate ai nostri alleati europei. La prima si intitola "Monsieur MACRON et Monsieur MICRON", cattivissima e scorrettissima, ma proprio per questo mi piace, la seconda invece è la risposta ai britannici che hanno la ‘prova provata' dell'avvelenamento russo. Anche i russi hanno qualcosa da ridire sui tentativi britannici di avvelenare il resto del mondo — il thè inglese.

Trump si inventa un nuovo paese
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Trump si inventa un nuovo paese
Trump e sanzioni
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Trump e sanzioni

Queste invece sono dedicate alla politica americana. La prima mi fa ridere come uno scemo — In un pranzo insieme ai leader dei paesi africani alle Nazioni Unite, Donald Trump per ben due volte ha pronunciato il nome di un Paese africano inesistente, la Nambia. Ne esce un confronto virtuale con un altro ‘grande esperto' di geopolitica, anche lui passato per la Casa Bianca. Il bello è che lo hanno detto veramente. La seconda è più triste. Spiega che in Occidente chi prende le decisioni sul serio è la mano grande che sta dietro, che viene chiamata ‘Establishment' e che non è neppure chiaro di chi sia e cosa significhi, l'omino che vedi sempre in primo piano è solo una comparsa.

Cordoglio alla Spagna
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Cordoglio alla Spagna

E quest'ultima era la vignetta pubblicata in occasione dell'attentato terroristico di Barcellona del 17 agosto dell'anno scorso dove persero la vita 15 persone e 130 rimasero ferite.

Sì, è vero, non fa ridere. Ma si usa così. Quando non c'è niente da ridere.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

 

Correlati:

Charlie Hebdo pubblica vignetta choc sui morti del ponte Morandi
Comune di Farindola fa causa a Charlie Hebdo per vignetta irrisoria su tragedia Rigopiano
Aereo russo, Charlie Hebdo pubblica vignetta su coro a bordo
Querela, Amatrice risponde a Charlie Hebdo
"Sisma all'italiana", la vignetta di Charlie Hebdo fa infuriare l'Italia
A San Pietroburgo picchetti di protesta contro Charlie Hebdo al consolato francese
Aereo russo, Unione giornalisti della Russia condanna vignetta su “Charlie Hebdo”
Tags:
Vignetta, Italia, Francia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik