14:56 18 Luglio 2018
Roma

Immigrazione, il governo italiano ha sconvolto gli equilibri europei

© Sputnik . Alexander Vilf
Opinioni
URL abbreviato
Tatiana Santi
6120

Mentre Emmanuel Macron, il presidente dei respingimenti, è in visita da Papa Francesco, l’immigrazione torna ad essere un problema europeo e non più puramente italiano. Le posizioni fra i diversi Paesi sono tuttora distanti, ma il governo italiano ha sconvolto gli equilibri europei.

"Chi arriva in Italia, arriva in Europa" ha spiegato a Bruxelles il premier Conte in occasione del vertice informale sul tema dell'immigrazione. Il primo ministro italiano ha esposto ai partner europei il decalogo del governo italiano per cercare di risolvere il problema migratorio a livello comunitario.

Superare il trattato di Dublino, rafforzare la difesa delle frontiere esterne europee, contrastare a livello europeo la tratta di esseri umani, sono questi alcuni dei punti illustrati da Giuseppe Conte a Bruxelles. Per lunghi anni l'Italia è stata lasciata da sola di fronte all'emergenze migratoria, ora il nuovo governo si fa sentire.

Il ministro dell'Interno Salvini nega l'attracco alle ONG nei porti italiani, vola in Libia per fare dell'Italia il primo interlocutore di Tripoli, il premier Conte ai vertici europei dà voce alla posizione italiana. La musica è cambiata, ma il problema immigrazione verrà affrontato finalmente a livello europeo? Sputnik Italia ne ha parlato con Cesare Sacchetti, giornalista specializzato in politica estera ed economia.

— Cesare Sacchetti, quali sono gli esiti del pre-summit sull'immigrazione in vista del Consiglio europeo di questa settimana?

— L'unico risultato che si è visto è la netta spaccatura in seno all'Unione Europea sulle posizioni in merito ai migranti e all'accoglienza. Pensiamo che per il momento sono emerse tre posizioni completamente distanti una dall'altra: l'Italia chiede di aprire gli hotspot al sud della Libia; la Francia e la Spagna li vorrebbero aprire nel Paese di primo sbarco, che la maggior parte delle volte è l'Italia; la Germania ha posizioni distinte all'interno del suo stesso governo. Il ministro degli Interni tedesco per esempio afferma di voler effettuare i respingimenti. Sono emerse quindi le divisioni che già c'erano in passato.

— Il premier Conte ha esposto i 10 punti del governo in materia di immigrazione, fra cui anche il rafforzamento delle frontiere esterne. Che ne pensa del decalogo italiano?

— La posizione italiana è molto chiara, ci deve essere uno sforzo comune da parte degli altri Paesi europei a difendere le frontiere esterne. Il governo Conte ha cambiato la posizione statica del PD che metteva completamente sull'Italia il peso dell'accoglienza, non esisteva una frontiera esterna comune da difendere, ma era il nostro Paese che si faceva carico di questo fenomeno. Il governo Conte per la prima volta ha affermato il principio che nell'Unione Europea esistono frontiere comuni e vanno difese. Francia e Spagna sembrano ancora non condividere questo concetto, l'asse franco spagnolo vuole che esclusivamente l'Italia si prenda carico dei flussi migratori. Il governo Conte ha il merito di aver per la prima volta in 5 anni rimesso al centro del problema l'Unione Europea, non l'Italia. L'Italia prima era lasciata totalmente sola, ora si comincia a discutere e a difendere le frontiere comuni. Certo è che le posizioni sembrano ancora distanti.

— Il programma esposto da Conte per risolvere il problema migratorio e le recenti iniziative del ministro dell'Interno Salvini hanno dato una scossa all'Europa mettendola di fronte alla necessità di affrontare il problema?

— Sicuramente. Il "no" di Salvini a far sbarcare le ONG sulle coste italiane è stato decisivo, ha cambiato completamente la prospettiva. L'Italia è in grado da sola di spostare tutti gli equilibri dell'Unione Europea e ha smentito la narrativa del PD secondo la quale questo fenomeno non si poteva contenere. Le ONG inoltre favorivano un traffico che molto spesso andava a beneficiare le mafie, sulla pelle dei migranti c'era un vero business. Salvini ha dimostrato che l'Italia c'è e vuole farsi sentire, non è più un Paese che può essere messo ai margini. L'Italia sta tornando un Paese protagonista sulla scena europea.

— L'immigrazione rimane la prova cruciale dell'Unione Europea. Secondo lei si troveranno delle soluzioni comuni?

— Mi sento di condividere la posizione degli osservatori più pessimisti, non vedo un'intesa comune, vi è una spaccatura netta. La Francia vuole impartire lezioni di umanitarismo all'Italia e al giorno d'oggi non ha aperto nessuno dei suoi porti. L'Italia ieri sera ha dimostrato di non essere un Paese che si rifiuta di aiutare e ha aperto il porto di Pozzallo dando soccorso a 100 persone in mare.

Penso che non si troverà una soluzione comune e probabilmente ognuno gestirà il fenomeno per conto proprio. Se queste sono le premesse, ovvero sia una spaccatura fortissima fra Italia, Francia e Spagna, non vedo emergere una posizione comune. Se nelle prossime 48 ore altri Paesi faranno dei passi in avanti non so dirlo, per il momento le distanze sono molto marcate. Se questa è la situazione nel tema immigrazione, non oso pensare che cosa succederà fra 3-4 mesi, quando bisognerà discutere dell'economia e del deficit. L'Italia ha reclamato parità di trattamento con gli altri Paesi europei, solo questo ha sconvolto tutti gli equilibri dell'Unione Europea.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
immigrazione, Intervista, ONG, Emmanuel Macron, Giuseppe Conte, UE, USA, Libia, Germania, Spagna, Francia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik