14:25 13 Dicembre 2019
Il palazzo di Livadya a Yalta

L'Italia insegna come mettere al verde la Russia

© AFP 2019 / ALEXANDER NEMENOV
Opinioni
URL abbreviato
Di
4224
Seguici su

Non solo formaggi e vini. Cresce l'importanza delle energie rinnovabili in Russia e crescono anche le opportunità per l'Italia, che è tra i leader mondiali in questo settore.

Al verde, inteso come il colore delle energie rinnovabili è dedicata la seconda giornata del forum IV Forum Economico Internazionale di Yalta, con la tavola rotonda «Ecologia e qualità della vita» organizzata dal Ministero dell'ambiente russo, spiega a Sputnik Italia, Fabrizio Candoni, presidente di Avietta Italia:

"Noi come Avietta ci occupiamo di waste, waste energy e water treatment. E' una questione molto importante, anche se ci sono un pò di problemi con la Crimea. L'ho detto in un passaggio molto veloce del mio intervento, però non è facile. Noi mettiamo da parte la politica internazionale e vorremmo che non ci fossero le sanzioni, l'abbiamo anche dichiarato dove possiamo e speriamo che il nuovo governo segua questo corso. Le sanzioni non servono a nessuno, quindi vanno tolte".

Fabrizio Candoni, presidente di Avietta Italia
© Sputnik . Riccardo Pessarossi
Fabrizio Candoni, presidente di Avietta Italia

— La Crimea per voi può essere un mercato importante?

Sebastopoli
© Foto : Eliseo Bertolasi
Pensiamo si possa fare molto bene qui in Crimea, per quanto riguarda le discariche. Non solo metterle in sicurezza ma anche riuscire a produrre energia dalle discariche. Quindi servono questi incontri, serve riuscire a fare un mercato, ovvero portare operatori, attività, progetti pilota. Parlare e basta non serve. Dopodichè serve che i grossi stakeholders russi si appassionino alla questione dell'ecologia.

— Ci vuole una bacchetta magica, oppure che cos'altro affinchè questo accada?

Detto in russo — denghi. I soldi. Se vedono che diventa profittevole poi si cerca di creare un circolo virtuoso, come già avvenuto in altre parti del mondo dove Total, Eni e tutti i grandi gruppi investono nelle rinnovabili. Fino a quel momento faremo tanti convegni. Il caffè comunque è molto buono.

— Come testimonia l'esperienza di Enel, la Russia guarda all'Italia con interesse per quanto riguarda il mercato delle fonti di energia rinnovabile, vero?

Questo è uno dei pochi casi in cui sono orgoglioso del mio paese, l'Italia. In cui a parte design e moda nel mondo sulle tecnologie ambientali ci siamo fatti valere. Al momento siamo noi, i tedeschi e pochi altri ad avere una leadership e questo fa molto piacere. Penso possa essere utile esportarli in Russia. Le rinnovabili però possono funzionare solo se c'è una tariffa incentivante.

— Per assurdo, inquinare costa meno che produrre energia verde?

Abbiamo dei clienti che non posso fare il nome, non solo in Russia, che preferiscono inquinare. Nel mondo, ovunque, non solo in Russia. L'imprenditore deve avere dei bilanci da far funzionare e poi ha un'etica, una morale, un'ideologia. Se è profittevole pagare la multa che inquinare di meno, l'imprenditore pagherà sempre la multa.

— Non si può comunque multare per sempre. L'aria in questo senso «sta cambiando», oppure diventa sempre più sporca?

Devono esserci delle multe pesanti, e degli incentivi. Dopo si crea un business per cui può essere redditizio produrre l'energia verde. Una discarica a cielo aperto produce dei gas tossici che possono essere multati quanto si vuole, ma intanto stanno inquinando la cittadinanza. La sfida è produrre da queste discarica non gas tossici, ma energia. E' un win-win.


Il IV Forum Economico Internazionale di Yalta si svolge dal 17 al 21 aprile presso il Mrya Resort e lo storico palazzo di Livadya a Yalta. Il tema dell'edizione 2018 è "Il Futuro del Mondo. Futuro della Russia". Sputnik è media partner ufficiale dell'evento.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

Correlati:

Volker avverte l'Italia: ci saranno conseguenze se revocate le sanzioni contro la Russia
Dal Mediterraneo al Volga, la cultura unisce Italia e Russia
A 75 anni dalla Campagna di Russia rientrano in Italia le salme di 100 caduti
Tags:
Energie rinnovabili, Energia, Cooperazione economica, Relazioni Italia-Russia, Forum Economico Internazionale di Yalta (Yief), Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik