17:10 21 Aprile 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 20°C
    Vladimir Putin

    Il trionfo di Putin e i rapporti italo-russi

    © Sputnik . Sergey Guneev
    Opinioni
    URL abbreviato
    Tatiana Santi
    27450

    Con il 76,6% dei voti Vladimir Putin viene rieletto presidente della Federazione Russa, il risultato inequivocabile delle elezioni rappresenta una risposta corale da parte del popolo russo. Il trionfo di Putin e i rapporti italo-russi.

    In un periodo di forti tensioni internazionali che vede rinforzata l'ostilità dei Paesi occidentali nei confronti del Cremlino, dalla Russia arriva una reazione netta e chiara. I cittadini russi scelgono per la quarta volta Vladimir Putin.

    Dall'Italia il leader della Lega Matteo Salvini attraverso i social rivolge i suoi auguri a Putin, così come anche il leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni che scrive su facebook "complimenti a Vladimir Putin per la sua quarta elezione a presidente della Federazione Russa. La volontà del popolo in queste elezioni russe appare inequivocabile".

    Stefano Maullu, eurodeputato di Forza Italia
    © Foto : fornita da Stefano Maullu
    Stefano Maullu, eurodeputato di Forza Italia

    In quale atmosfera si sono svolte le elezioni? Che peso ha la presidenza di Putin per la dimensione della Russia sull'arena internazionale? Come si svilupperanno le relazioni italo-russe dopo il voto? Sputnik Italia ha raggiunto per un'intervista l'eurodeputato di Forza Italia Stefano Maullu, membro della delegazione rapporti UE-Russia al Parlamento Europeo che ha seguito a Mosca il corso delle elezioni presidenziali.

    — Onorevole Maullu, quali sono le sue impressioni dal seggio? In quale atmosfera si è svolto il tutto?

    — Le elezioni si sono svolte in un'atmosfera di grande partecipazione, credo che mai come in questo momento ci sia stata una sorta di consapevolezza del popolo russo rispetto ad una serie di tensioni che hanno riguardato la nazione nel suo complesso, ma soprattutto hanno messo in discussione il suo presidente. La reazione è stata assolutamente corale. Lo dicono gli indici di partecipazione al voto e il grande risultato con cui è stato rieletto Vladimir Putin.

    — Che idea si è fatto dell'affluenza e degli esiti del voto?

    — Credo che i dati dell'affluenza siano significativi, hanno votato interi nuclei famigliari, vi è stata una buona partecipazione di giovani. Credo che abbia aiutato molto una dimensione prospettica di ciò che Putin vuole fare della Russia, cioè un cambiamento epocale. Il Paese ha visto una grande trasformazione dopo l'implosione dell'ex Unione Sovietica.

    Credo anche che da questo punto di vista sia interesse dell'Europa, e dell'Italia in particolare, continuare ad avere rapporti di ogni natura con la Russia: rapporti economici, politici e diplomatici ai più alti livelli. La Russia è una parte importantissima dell'Europa e non un soggetto con il quale avere rapporti conflittuali.

    — Durante il voto ha notato qualcosa di particolare, di strano o delle irregolarità?

    — Assolutamente no. È la seconda volta che seguo delle elezioni in Russia, nulla di questo genere. Vorrei segnalare al contrario un tempismo per avere i dati invidiabile, perché le procedure di voto hanno permesso di poter avere i risultati in maniera rapidissima.

    — Pochi giorni fa sono state prolungate le sanzioni alla Russia. Come vede i rapporti fra Italia e Russia in questo periodo di forti tensioni internazionali?

    — Credo che reiterare le sanzioni sia stato un tragico errore, hanno dimostrato di non funzionare, hanno creato condizioni difficili per le imprese, hanno creato delle barriere per i popoli che devono invece continuare a dialogare e a ritrovarsi nella propria dimensione naturale.

    Quello che è accaduto in Inghilterra credo abbia pesato molto. Nonostante si tratti di un terribile tentato omicidio, penso che esistano anche i canali diplomatici, la possibilità di poter dialogare e non di fare diktat, come quello imposto dal governo inglese a una grande potenza come la Russia.

    — Vorrebbe aggiungere qualcos'altro?

    — A parte il freddo oggi è una bellissima giornata di sole, un'atmosfera assolutamente serena, una città come sempre affascinante, Mosca. Credo ci sia la consapevolezza da parte degli interlocutori che ho trovato qui della dimensione strategica data alla Russia da Putin. È una dimensione da grande potenza tornata protagonista sulla scena mondiale, tutti devono tener conto di questo.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Russia verso le elezioni
    Tags:
    Intervista, Elezioni presidenziali Russia 2018, Forza Italia, Vladimir Putin, Italia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik