11:32 19 Agosto 2018
Matteo Renzi

Renzi: “Russia è il principale vicino di casa dell’Europa”

© REUTERS / Eric Vidal
Opinioni
URL abbreviato
Marina Tantushyan
31118

In vista delle elezioni l’ex Presidente del Consiglio e l’attuale leader del Partito Democratico Matteo Renzi ha incontrato i giornalisti dell’Associazione della Stampa Estera per chiarire alcuni punti del programma elettorale del PD.

Una premessa. Quest'appuntamento è per adesso l'unica possibilità per i lettori di Sputnik-Italia di sentire la voce del PD. Durante la campagna elettorale abbiamo cercato di intervistare gli esponenti di tutti i partiti che partecipano alle Politiche 2018 per mostrare la nostra imparzialità. Abbiamo dedicato una serie dei redazionali a Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e Movimento 5 Stelle però, nonostante tutti gli sforzi dei nostri giornalisti, non siamo fino ad oggi riusciti a raggiungere il partito che guida l'Italia da ormai 5 anni. Non ci arrendiamo, ci riproveremo di nuovo e nel frattempo cercheremmo di raccontare brevemente come il PD vuole migliorare la vita degli italiani.

Il nostro punto di forza è la concretezza

Nel corso della conferenza stampa Renzi ha presentato dei "risultati raggiunti" e "degli obiettivi per il futuro".

"Quattro anni fa il Pil italiano era sotto al 2%, la disoccupazione al 13%; oggi il Pil è +1,7%, la disoccupazione sotto l'11% e quella giovanile dal 44 al 32. Per ogni cosa fatta c'è un impegno per il futuro. La nostra proposta choc per la campagna elettorale è la concretezza", — dice Renzi, presentando un volantone "Un altro programma. 100 cose fatte e 100 cose da fare".

Tra quelle da fare ci sono ad esempio l'estensione di "una misura universale di sostegno, a partire  da 80 euro l mese, per ogni figlio fino ai 18 anni" oppure "creazione di una campagna per contro le false notizie, antiscientifiche che generano terrore e disinformazione". 

Il Pd scende nei sondaggi?

 "I sondaggi ci danno sulle stesse percentuali del 2013, nonostante scissioni, polemiche e divisioni", — ribadisce Renzi.

Abbiamo combattuto corruzione:

Corruzione (87,7%), politici incompetenti (86,2%), organizzazioni mafiose (85,6%), inquinamento dell'aria (81,1%), attentati (78%) e crisi dell'acqua (74,1%) sono le questioni che i cittadini avvertono come vere e proprie minacce. È quanto emerge dal Rapporto Italia 2018 di Eurispes. E Matteo Renzi vede la situazione un po' diversamente.

"Noi abbiamo aumentato le pene per la corruzione, reintrodotto il reato di falso in bilancio, introdotto il reato di auto-riciclaggio, creato una autorità alla cui guida abbiamo chiamato un magistrato anticamorra che si chiama Raffaele Cantone. È un peccato che il M5S non prenda lezioni da chi la corruzione in questi quattro anni l'ha combattuta", — lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, aggiungendo che sulla lotta alla corruzione il PD "ha fatto molto e vorrebbe fare ancora di più".

Back to Maastricht e riduzione del debito:

Al momento in Italia il debito pubblico ammonta a circa 2.281 miliardi di euro. Matteo Renzi rilancia l‘ipotesi di riportare temporaneamente il rapporto deficit/Pil a ridosso del 3%.

"Rivendico la battaglia europea per il ‘Back to Maastricht' e la non introduzione del Fiscal compact nei trattati europei ma l‘Italia deve ridurre il debito: ogni investimento che possiamo fare deve tenere il punto certo della riduzione graduale del debito", — ha detto l‘ex premier.

Russia è la nostra vicina:

Durante questa campagna elettorale i partiti del centrodestra e il Movimento 5 Stelle hanno parlato molto della necessità di abolire le sanzioni antirusse. E il PD cosa ne pensa?

"Penso che nel dibattito rispetto della Russia ci sia una demagogia che trovo in tutte le discussioni. Io credo che l'Italia starà sempre nella comunità atlantica e sempre nell'ambito delle posizioni europee. Italia non si staccherà mai dagli altri partner dell'Ue. In Italia ero contestato per essere meno filorusso rispetto a Salvini e le 5 Stelle e in Europa ero contestato per essere più filorusso. Io ritengo che la casa d'Italia sia l'Europa e l'amicizia con gli Stati Uniti non sia mai in discussione. Allo stesso tempo la Russia sia il principale vicino di casa dell'Europa con una straordinaria tradizione culturale. Ricordiamo Dostoevskij che scrive a Firenze delle pagine meravigliose dell'Idiota e che scrive anche le pagine sull'Europa. E quindi di conseguenza il nostro sforzo è quello di creare i ponti e non creare i muri. In questo spirito nel giugno 2016 mi sono recato al Forum Economico di Saint Pietroburgo come l'ospite d'onore e in presenza del Presidente Putin ho espresso tutti questi concetti sulla relazione tra l'Europa e la Russia" — lo ha detto Renzi, sottolineando la sua intenzione sarebbe quella  di tenere aperto il canale del dialogo con la Russia.  

Euro Si, Euro No:

Uno dei principali temi su cui si concentravano le preoccupazioni esterne, e su cui continua ad accentarsi il dibattito tra coalizioni, partiti e candidati, e che soprattutto crea le maggiori divergenze tra le forze politiche, è l'Europa e l'uscita dell'eurozona. Ecco come commenta questo tema il leader del centrosinistra.

"Noi siamo "si" euro, il centrodestra sono "no" euro e le 5 Stelle sono un giorno per l'euro, un giorno contro euro. E poi non si capisce quale sarebbe lo strumento giuridico da utilizzare…",- sottolinea Renzi.

La questione immigrazione non si risolve con un tweet:

Secondo ultima nota rilasciata dall'agenzia Frontex, il numero di migranti arrivati in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale a gennaio è salito a oltre 4.800, il doppio rispetto al mese precedente, quando le attività dei trafficanti erano state colpite dai combattimenti vicini alle aree di partenza e dal cattivo tempo.

"La questione immigrazione è una questione epocale, che non si risolve con un tweet e non si risolve in campagna elettorale. Si può cercare di governare o si può cercare di strumentalizzare, noi la stiamo governando, con molte difficoltà e limiti ma la stiamo governando", — ha concluso Matteo Renzi.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
Elezioni politiche 2018 in Italia, Elezioni, PD, Matteo Renzi, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik