07:52 24 Ottobre 2017
Roma+ 6°C
Mosca-3°C
    Corruzione

    Corruzione, un male imbattibile?

    © Foto: Pixabay
    Opinioni
    URL abbreviato
    Tatiana Santi
    344404

    52 su 100, questa è la valutazione delle misure contro la corruzione adottate dall’Italia secondo Trasparency, che ha recentemente presentato il rapporto per il 2017, posizionando il Belpaese al terzultimo posto in Europa. Corruzione, un male imbattibile?

    L'Associazione Trasparency International Italia ha reso noto il 10 ottobre il report Agenda anticorruzione 2017, un quadro sui dati relativi alla lotta contro la corruzione in Italia nell'ultimo anno. Nonostante il buon livello di leggi in materia, secondo il rapporto il problema riguarda la loro applicazione ed alcune lacune, fra cui la mancata tutela per chi segnala casi di corruzione.

    L'Agenda rivela luci e ombre dell'impegno italiano nella battaglia contro la corruzione, dramma comune a tutti i Paesi fra cui la Russia, posizionata ancora più in basso rispetto all'Italia.

    Si parla tanto di corruzione, ma sembra un male imbattibile, evidentemente perché ripone le sue profonde radici nella cultura della società, ecco che i media e la scuola risultano fondamentali nella battaglia anticorruzione. Sputnik Italia ha raggiunto per una riflessione Nicola Selvaggi, professore associato di diritto penale nell'Università Mediterranea di Reggio Calabria.

    — Professore Selvaggi, come commenterebbe gli esiti dell'ultimo Report Agenda anticorruzione 2017, secondo cui l'Italia si posiziona al terzultimo posto in Europa?

    — In realtà il Report Agenda anticorruzione in effetti mette in rilievo anche delle luci dell'impegno italiano, non soltanto degli aspetti negativi. Nel report si parla di un miglioramento della legislazione nel suo complesso per la prevenzione e il contrasto della corruzione. D'altro canto il punteggio complessivo non è particolarmente incoraggiante.

    Occorre considerare che normalmente queste indagini tengono conto di misuratori di carattere percettivo, ovvero sia guardano alla percezione del fenomeno della corruzione. La sfida di oggi è individuare anche criteri diversi che non siano soltanto dei misuratori sulla percezione. C'è da dire che i progressi fatti nel tempo dall'Italia dal punto di vista pubblico e privato in realtà sono molto significativi. Parlo del codice degli appalti, della legislazione sulla responsabilità del reato dell'ente, mi riferisco anche al numero complessivo di procedimenti penali in corso. Tutto ciò segnala un movimento complessivamente virtuoso. Le caratteristiche del sistema giudiziario italiano, cioè la massima autonomia e indipendenza, consentono ai magistrati italiani di procedere forse più di quanto permettano altri ordinamenti.

    — Un problema rilevato dal Report riguarda la mancata tutela per chi decidesse di segnalare casi di corruzione. Qual è il suo punto di vista su questa lacuna?

    — È una lacuna che il nostro ordinamento si appresta a colmare, perché una settimana fa la prima Commissione Permanente del Senato, che aveva in procedura il disegno di legge, ha discusso e approvato il testo che riguarda il sistema di whistleblowing e la tutela del segnalante, tanto in riferimento al settore pubblico quanto al settore privato. Il testo è arrivato in aula, anche laddove questo Parlamento non riuscisse ad approvare, la prossima legislatura potrebbe farlo in tempi brevissimi, proprio perché il disegno di legge è in stato avanzato.

    Quest'intervento si aggiunge ad altri due che l'Italia ha realizzato nell'ultimo biennio. Si tratta della riforma della prescrizione della disciplina e dell'allungamento dei termini con riferimento ai delitti di corruzione, un intervento richiesto fra l'altro dall'OCSE. Poi vorrei citare l'approvazione del codice antimafia che consente di utilizzare uno strumento molto importante come la confisca di prevenzione anche con riferimenti ai delitti contro la pubblica amministrazione.

    La disciplina e l'esperienza applicativa in materia di sequestri e confisca in Italia sono considerate un modello di riferimento a livello internazionale. Ora questo modello non riguarda più solamente la criminalità organizzata nel senso stretto, ma anche la corruzione, questo è un segnale importante. La criminalità organizzata oggi non utilizza solamente il classico strumento dell'intimidazione, ma sempre più spesso si avvale di strumenti più sofisticati come la corruzione.

    — Qual è il ruolo della società civile nell'ambito della lotta alla corruzione? Evidentemente i media, la scuola e le università dovrebbero fare di più in questo senso?

    — Questo è un aspetto molto importante, non è un caso che proprio ad agosto di quest'anno nell'ambito di un gruppo intergovernativo operante sotto il cappello della convenzione ONU contro la corruzione, si è trattato in particolare del profilo della prevenzione nelle scuole e nelle università.

    Il Presidente Sergio Mattarella.
    © REUTERS/ /Press Officer Presidenza della Repubblica
    A breve l'Autorità Nazionale Anti corruzione emetterà un documento specifico per l'università e per la scuola. A parte gli strumenti tecnici per la prevenzione all'interno di questi ambiti, non c'è dubbio che la strada che occorre coltivare con il massimo impegno è quella di abituare al rispetto dei valori i ragazzi e i bambini, cominciando dalle scuole primarie. Va integrata sempre di più l'educazione ai valori nell'ambito dei programmi scolastici.

    — Lei parlava di molte leggi e iniziative contro la corruzione, il problema però persiste, evidentemente perché ci sono difficoltà nell'applicare queste leggi e inoltre abbiamo a che fare con un problema culturale. Quali misure andrebbero prese in primis per combattere questa situazione?

    — Occorre operare sul piano dell'educazione, quindi della scuola, al contempo bisogna lavorare sul miglioramento dell'efficienza della pubblica amministrazione e dei compiti dello Stato. Finché non si realizzerà un concetto compiuto di cittadinanza amministrativa effettivamente il problema della corruzione resterà significativo.

    Bisogna che in Italia, come anche in altri Paesi, ci si abitui a costruire il rapporto fra cittadino e Stato come un rapporto paritario, nel quale il cittadino può e deve pretendere prestazioni efficienti dallo Stato, d'altro canto lo Stato deve pretendere la massina lealtà da parte del cittadino.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione. 

    Tags:
    corruzione, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik