22:08 18 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 21°C
    Bandiere dell'UE e della Russia.

    Russia, gli sbagli dell’Occidente e il ruolo dell’Italia

    © Sputnik. Vladimir Sergeev
    Opinioni
    URL abbreviato
    Tatiana Santi
    61949183

    Sanzioni su sanzioni, dallo scoppio della crisi ucraina il rapporto fra l’Occidente e la Russia ha rappresentato un crescendo di tensioni fino allo stallo attuale delle relazioni. È in gioco una partita complessa dagli esiti ancora tutti da vedere. Gli sbagli dell’Occidente e il ruolo dell’Italia.

    I rapporti fra gli Stati Uniti e l'Europa da una parte e la Russia dall'altra hanno preso una brutta piega e la politica internazionale di oggi è gestita, verrebbe da dire, a suon di sanzioni. Qual è il punto cruciale della crisi nei rapporti con la Russia e quale ruolo potrebbe avere l'Italia nel dialogo con Mosca?

    Cesare Maria Ragaglini
    © Foto: Fornita da Ambasciata d'Italia a Mosca
    Cesare Maria Ragaglini
    "Non è possibile pensare che l'Ucraina entri nella NATO. Se risolviamo questo problema, risolveremo tutto il resto. Piaccia o meno, è così". Secondo il parere dell'Ambasciatore d'Italia a Mosca Cesare Maria Ragaglini, espresso in un'intervista al Corriere della Sera, il nodo di fondo è la NATO e il tentativo di sottrarre Kiev all'influenza storica della Russia. Sputnik Italia ha raggiunto per un approfondimento in merito Daniele Lazzeri, chairman del think tank Il Nodo di Gordio.

    — Daniele Lazzeri, che idea si è fatto dell'intervista rilasciata al Corriere dall'Ambasciatore d'Italia a Mosca Cesare Maria Ragaglini?

    — L'Ambasciatore Ragaglini ha colto nel segno. Indubbiamente c'è una sorta di tiro alla fune, quasi una provocazione, nel tentativo di sottrarre Kiev al suo storico e naturale collegamento con Mosca. Credo che prima la NATO e poi l'Unione europea abbiano accelerato i tempi per l'ingresso dell'Ucraina nella sfera di influenza occidentale, suscitando così ovviamente l'irritazione comprensibile di Vladimir Putin.

    Adesso la situazione è in stallo, se andiamo a vedere gli accordi di Minsk, disattesi da entrambe le parti, capiamo che questi rappresentano l'ennesimo fallimento della diplomazia europea, sempre più debole e legata alle iniziative dei singoli Stati membri, in particolare la Germania di Angela Merkel e la Francia di Macron.

    — Lei quindi condivide la posizione dell'Ambasciatore?

    — Nella maniera più assoluta sì.

    — L'Ambasciatore nell'intervista parla del fattore NATO, che definisce cruciale nella crisi nata in Ucraina e sviluppatasi fra l'Occidente e la Russia. Secondo Ragaglini togliere l'Ucraina dalla sfera di influenza russa sia stato un errore. Che ne pensa di quest'aspetto, di cui fra l'altro non si tiene mai conto nel dibattito in Occidente?

    — Il fatto di aver accelerato il tentativo prima da parte dell'Alleanza Atlantica, successivamente dell'Unione europea di sottrarre l'Ucraina dal suo naturale bacino di rapporti commerciali e politici con la Russia ha determinato una risposta forte da parte di Mosca.

    — "Il nostro canale con Mosca è sempre rimasto aperto anche ai massimi livelli" ha sottolineato l'Ambasciatore nell'intervista. Effettivamente possiamo dire che l'Italia si è maggiormente distinta dagli altri Paesi europei per la sua apertura verso Mosca? Possiamo definire i rapporti italo-russi speciali e privilegiati?

    — La Russia è indiscutibilmente un grande Paese e uno storico partner strategico per l'Italia. Le svolte degli ultimi anni hanno imposto una battuta d'arresto sia alle relazioni commerciali sia a quelle diplomatiche fra i nostri Paesi. L'Italia chiaramente tiene aperti tutti i canali diplomatici per superare questo difficile momento di impasse che vede tutta la comunità internazionale preoccupata per gli sviluppi futuri delle relazioni politiche con Mosca.

    L'Italia in questo senso potrebbe svolgere un ruolo cruciale nel tentare di ricucire gli strappi seguiti alla complessa situazione in Ucraina ed in Crimea. Magari l'Italia potrebbe cercare di ridurre il peso eccessivo che in questi anni si è dato alle preoccupazioni degli Stati come la Polonia per esempio, che francamente non credo debba temere più di tanto l'aggressività della Russia. L'Europa in definitiva non può essere a trazione baltica, c'è bisogno di più condivisione delle scelte europee per cercare di ricostruire il filo del dialogo con Mosca, soprattutto in questo frangente in cui è evidente l'allontanamento di Washington dal Vecchio Continente.

    — Secondo il parere dell'Ambasciatore le sanzioni storicamente non sempre hanno raggiunto gli obiettivi prefissati. Il caso delle sanzioni antirusse è emblematico, perché, come sappiamo, hanno danneggiato i Paesi che le hanno imposte, in primis l'Italia. Gli Stati Uniti hanno appena firmato un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia. Possiamo dire che le sanzioni danneggiano tutti minando i rapporti fra l'Europa, la Russia e gli Stati Uniti?

    — Gli esiti delle sanzioni nei confronti di Mosca sono sotto gli occhi di tutti. In particolare l'Italia sta soffrendo un brutto colpo in alcuni settori strategici dell'esportazione come l'agroalimentare, ma anche della sfera tecnologica. Nel contempo la Germania si muove per il raddoppio del Nord Stream, che dalla Russia giungerà nell'Europa settentrionale, tutto ciò in barba alle sanzioni. Non è un caso che il presidente americano Donald Trump abbia stigmatizzato questo fatto. Lo stesso Trump però è sotto scacco da parte dell'establishment americano, nonostante la sua riluttanza al rinnovo delle sanzioni contro Mosca, si è dovuto piegare al volere del congresso e ha approvato il rafforzamento delle misure restrittive antirusse.

    Qui ci troviamo di fronte ad una difficile partita dove gli attori in gioco si fanno del male vicendevolmente. L'esito di questo gioco al massacro non è per nulla scontato.

    — Come vede i possibili rapporti futuri fra l'Europa e la Russia?

    — Credo che se a Washington si persegue la politica del Trump 2.0, un presidente cambiato totalmente o costretto dall'establishment a cambiare le proprie posizioni, l'Europa ha invece come naturale vocazione quella di un rapporto privilegiato nei confronti della Russia.

    Non possiamo che auspicare una distensione dei rapporti con Mosca, che potrebbe essere la svolta definitiva per creare quel grande territorio eurasiatico dal Portogallo fino a Vladivostok.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Ex segretario NATO sicuro, sanzioni Occidente hanno reso più forte Putin
    Tre russi su quattro sostengono le sanzioni di risposta contro l'Occidente
    Tags:
    Relazioni Russia-Ucraina, NATO, Donald Trump, Cesare Maria Ragaglini, ambasciatore italiano in Russia, Vladimir Putin, UE, Italia, Ucraina, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik