21:56 14 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 1°C
    Bandiera ucraina

    Cinque scenari per il futuro dell`Ucraina

    © AP Photo/ Evgeniy Maloletka
    Opinioni
    URL abbreviato
    Mario Sommossa
    8204

    È dal 2014 che in Ucraina è in atto un confronto militare cruento nell’est del Paese tra gli abitanti di quelle regioni, prevalentemente abitate da russi (o comunque russofoni), e l’esercito inviato dal governo di Kiev.

    Da allora, edifici distrutti, quasi due milioni di persone che han dovuto lasciare i luoghi ove vivevano e lavoravano, una decina di migliaia di feriti e più di 9500 morti. Nel settembre 2014 e, poi, nel febbraio successivo, a Minsk, si sono raggiunti accordi di pace tra i due fronti combattenti, supportati dai rispettivi sponsor.

    Tuttavia, quanto concordato non è mai stato applicato completamente dalle parti. In particolare la riforma costituzionale, che avrebbe dovuto prevedere una larga autonomia per le regioni a est del Paese, non è mai stata discussa dal Parlamento ucraino e il ritiro dal fronte delle armi pesanti è stato solo fugace e apparente.

    I motivi del non rispetto degli impegni assunti sono ovvi: gli Stati esteri che hanno favorito il colpo di stato contro il governo legittimamente eletto di Yanukovic non intendono rinunciare al progetto di attrarre l'Ucraina nell'orbita EU e NATO e, dall'altra parte, la Russia non accetta di vedere uscire quel Paese dalla sua orbita d'influenza con l'aggravante di vedersi, un domani, posizionare dei missili occidentali sulla porta di casa propria. A ciò si aggiunge la questione della Crimea, russa da secoli ma "donata" da Krusciov all'Ucraina ai tempi dell'Unione Sovietica.

    Donetsk dopo bombardamenti
    © Sputnik. Irina Gerashchenko
    Tutta la popolazione ucraina è ormai stanca della guerra e si trova con una situazione economica disastrosa aggravata dalla crescente corruzione di politici e funzionari pubblici, ma, nello stesso tempo, non gradisce quanto concordato a Minsk giudicandolo una premessa per la futura dissoluzione del Paese. Anche gli abitanti delle regioni del Donbass preferirebbero la fine dei combattimenti alla continuazione del conflitto ma non accettano, dopo tanti morti e tante sofferenze, che tutto finisca con una loro totale subordinazione a interessi a loro estranei gestiti da un governo che giudicano semplicemente un fantoccio manovrato da ricchi oligarchi locali e da potenze straniere (in particolare Polonia e Stati Uniti).

    In questo quadro complicato le fonti più disparate hanno avanzato nuove possibili soluzioni al conflitto, ma nessuna di loro sembra avere ancora l'appoggio delle parti in causa. Vediamole una per una:

    — Il progetto Mariupol di Konstantin Kilimnik. Costui fu assistente, in Kiev, di quel Manafort a sua volta responsabile della campagna elettorale di Trump fino a che non si scoprirono i suoi passati legami con l'ex presidente Yanukovic. Tale piano prevede di sostituire gli accordi di Minsk con altri da stabilire a Mariupol senza la presenza delle potenze straniere (Germania, Francia, Russia) che furono gli sponsor di quella trattativa. Poiché gli attuali vertici politici di Kiev non accettano di dialogare con i capi della rivolta nel Donbass giudicandoli "terroristi", al loro posto dovrebbe essere proprio Yanukovic a rappresentare i ribelli e negoziare la cessazione degli scontri. In compenso si garantirebbe che sia salvaguardata l'unità del Paese. Le premesse sono che nessuna potenza straniera, nemmeno gli Stati Uniti, ha avuto la responsabilità di provocare i disordini di piazza Maidan e che si sia trattato solamente di contrasti interni, per quanto violenti.

    — Il piano Yanukovic. L'ex Presidente ha inviato a Trump e ai leader di Francia, Polonia, Germania e Russia un suo progetto in sei punti che prevede, tra l'altro, la creazione di una Commissione del Consiglio d'Europa che indaghi sui fatti di Maidan del febbraio 2014, che ogni negoziazione comprenda la presenza dei capi delle milizie del Donbass e che, se il Parlamento di Kiev non procederà alla riforma costituzionale, si tengano a Donetsk e a Lugansk dei referendum affinché le popolazioni possano decidere liberamente del loro status.

    — Il progetto Artemenko. Andriy Artemenko è un avvocato ucraino che sembra abbia avuto contatti sia con rappresentanti russi che con l'ex Consigliere di Trump per la Sicurezza Nazionale Michael Flynn. Tutti gli interessati hanno smentito tali incontri (compreso lo stesso Artemenko) e sia Kiev, sia Washington, sia Mosca hanno dichiarato di rifiutare totalmente questo piano.

    Esso prevedeva che la questione della Crimea fosse risolta attraverso un "leasing" alla Russia di 30 o 50 anni e che fosse seguito da un locale referendum monitorato da organismi internazionali. Inoltre, tutti i combattenti delle due parti avrebbero potuto ottenere un'amnistia generale, salvo quelli che avessero commesso i crimini più gravi. I confini tra Russia e Ucraina sarebbero tornati sotto il controllo di Kiev ma, per settantadue ore, si doveva lasciare aperto un corridoio per consentire a chi lo avesse voluto di espatriare verso la Russia. La questione dell'autonomia regionale sarebbe stata in seguito soggetta a un referendum nazionale.

    — Il Piano Taruta. Serghiy Taruta, in imprenditore ucraino miliardario, fu nominato Governatore di Donetsk appena il locale malcontento cominciò a manifestarsi nel 2014 e dovette lasciare quando i disordini locali cominciarono a diventare violenti. La sua proposta consiste nel ripristinare nel Donbass, tramite l'appoggio e il riconoscimento internazionale, tutti i governanti in carica nel 2010 e chiedere che sia l'ONU a presidiare la regione e garantire la pace.

    — Il Progetto Pinchuk. Tale proposta apparve sul Wall Street Journal lo scorso dicembre e fu subito rifiutato dal Governo di Kiev. Il miliardario ucraino Viktor Pinchuk partiva dal presupposto che la Russia non si sarebbe mai ritirata dalla Crimea e che non poteva accettare una Ucraina a lei "ostile". Di conseguenza proponeva di "scambiare" la pace in Donbass con la rinuncia di Kiev a ogni rivendicazione sulla penisola e a qualunque forma di adesione all'EU o alla NATO. Per quanto ciò avrebbe potuto significare un duro compromesso per l'attuale governo di Kiev, questa era (è?) l'unico modo per salvare altre migliaia di vite innocenti.

    Oltre a quelli sopra presentati, esistono sicuramente altre proposte che sono state avanzate o che lo saranno nei prossimi mesi ma sembra che ognuna delle parti in causa non sia disposta a compromessi e attenda che sia l'altro a cedere, magari contando su eventi futuri per ora imprevedibili. Quel che è certo è che una qualunque soluzione negoziata metterebbe a rischio la permanenza al potere di tutta l'attuale dirigenza di Kiev, significando per loro, comunque, una sconfitta davanti alla propria opinione pubblica cui sono stati imposti enormi sacrifici. Molto probabilmente significherebbe anche la fine di tutti i profitti, leciti o illeciti, che i potenti oligarchi ucraini continuano a mietere grazie ai loro amici politici sulle spalle dei cittadini e dei poveri soldati mandati a morire contro i fratelli dell'est.

    Forse è proprio per questi due motivi che Poroshenko sostiene che nessun piano di pace potrà da lui essere accettato fuori da quanto stabilito a Minsk 2. Peccato che sia lui stesso il primo a non rispettare quegli accordi e a continuare le sue processioni in Europa per cercare di ottenere la proroga delle sanzioni contro Mosca con la speranza che nel frattempo qualcuno, magari la NATO, decida di intervenire in suo aiuto.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Die Welt: l’Ucraina rischia una nuova crisi bancaria
    L'ex presidente della Polonia: il mondo è meno interessato alla crisi in Ucraina
    Tags:
    Maidan, NATO, Viktor Yanukovych, Russia, Crimea, Lugansk, UE, USA, Donetsk, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik