23:44 21 Ottobre 2018
Bambini a Gorlovka

Salvare i bambini, sempre

© Foto : di Eliseo Bertolasi
Opinioni
URL abbreviato
Tatiana Santi
1192

Non devono esistere vittime di serie A e vittime di serie B. In ogni guerra, anche quelle ignorate dai media, a pagare le conseguenze sono i civili, gli innocenti, i bambini. Ebbene, non dimentichiamoci di aiutare e salvare i bambini, sempre.

L'esempio perfetto di questa infinita dedizione nei confronti di chi soffre è la Dottoressa Lisa, che ha perso la vita nella catastrofe dell'aereo Tu-154 assieme ai membri del Complesso Accademico di Canto e Ballo dell'Esercito Russo A.V.Aleksandrov. La dottoressa Lisa salvava i bambini feriti in guerra nel Donbass, e nell'aereo militare precipitato il 25 dicembre nel Mar Nero era diretta con una missione di aiuti umanitari in Siria.

Dall'Italia arriva un messaggio di solidarietà per i bambini che soffrono. Sputnik Italia ha raggiunto per un'intervista Ennio Bordato, Presidente di "Aiutateci a Salvare i bambini", associazione da anni impegnata in progetti di aiuto per bambini in difficoltà, che permette ai donatori italiani di contribuire con un gesto concreto di solidarietà.

Ennio Bordato, presidente dell'Associazione Aiutateci a salvare i bambini
© Foto : fornita da Ennio Bordato
Ennio Bordato, presidente dell'Associazione "Aiutateci a salvare i bambini"

— Ennio, tiriamo le somme del 2016, quali obiettivi ha raggiunto l'Associazione "Aiutateci a salvare i bambini"?

— Nel 2016 "Aiutateci a salvare i bambini" ha lavorato molto, i nostri obiettivi sono stati raggiunti al meglio. Siamo stati presenti a Mosca nella clinica RDKB, siamo nati 16 anni fa proprio per aiutare la clinica pediatrica di Mosca.

Siamo stati nel Donbass, dove abbiamo avuto diversi importanti interventi. Vorrei ricordare Anna Tuv, che fra qualche settimana verrà in Italia per poter ottenere la protesi del braccio sinistro. Abbiamo aiutato molti bambini individualmente con cure specialistiche, gruppi di bambini ammalati di diabete, abbiamo portato avanti il progetto "neonati in guerra", aiutando oltre 90 bambini.

Dottoressa Lisa, nove bambini in gravi condizioni sono giunti a Mosca dall'Ucraina dell'est
© Sputnik . Ramil Sitdikov
Abbiamo mandato inoltre un gruppo di 20 bambini di Gorlovka, città martoriata dalla guerra nell'Est ucraino, sul Mar Nero quest'estate. Grazie ai donatori italiani abbiamo realizzato interventi importanti nel Donbass anche dal punto di vista del numero di bambini aiutati. Siamo nati come associazione comunque per operare nella Federazione russa, dove abbiamo terminato due importanti progetti nella regione di Archangelsk. Abbiamo terminato il progetto della donazione di un ecografo di ultima generazione, che sta aiutando tantissimo la popolazione per quanto riguarda le malattie dei neonati.

L’Associazione Aiutateci a Salvare i Bambini Onlus
© Foto : fornita da Ennio Bordato
L’Associazione Aiutateci a Salvare i Bambini Onlus
Apriremo a gennaio il primo centro di cure palliative pediatriche della regione di Archangelsk. Inoltre proseguiamo il progetto di una bambina russa che portiamo a Genova due volte l'anno all'Ospedale Gaslini perché affetta da una malattia assai rara, solo quattro persone nel mondo ne soffrono. Non abbiamo infine perso il nostro contatto storico con Beslan, abbiamo aiutato una bambina, ex alunna della scuola numero 1 di Beslan, sopravissuta dopo il massacro provocato da terroristi ceceni, a curarsi in Germania. È stato un anno di aiuti ai bambini che soffrono in diverse regioni russe e russofone.

— A proposito di sofferenza, nel Donbass la guerra non è finita. È un conflitto dove muoiono anche civili e bambini, ma purtroppo è una guerra che non fa più notizia in Occidente. Non è paradossale questo silenzio visto che è una guerra civile in atto nel bel mezzo dell'Europa?

— Questa guerra non è mai stata una guerra che esiste. Dal primo giorno subito dopo il colpo di Stato di Kiev, tra l'altro molto aiutato dall'Europa e dagli Stati Uniti, non se n'è mai parlato, salvo qualche sporadico accenno. Questa è una delle guerre peggiori negli ultimi anni, anche perché è una guerra che non esiste. È difficile aiutare nel momento in cui la popolazione italiana è assolutamente all'oscuro di questi problemi. Non si riesce quindi a percepire la gravità e la pesantezza della situazione. Abbiamo due regioni, quella di Lugansk e di Donetsk, che vengono costantemente bombardate. Da lì oltre un milione di civili ha trovato salvezza in Russia. In quelle zone rimangono però dei civili che vivono in difficoltà estreme.

La Russia questa settimana ha già terminato il 60° convoglio umanitario e la nostra associazione è stata fra le prime ad intervenire attraverso il sostegno finanziario mirato alla cura di singoli bambini sia in loco sia a Mosca. È importante quello che cerchiamo di fare, perché questi progetti aiutano persone in gravissime situazioni di vita.

— Per poter aiutare le popolazioni in difficoltà bisognerebbe essere al corrente della situazione in queste zone di guerra. I media hanno in questo senso un ruolo fondamentale, no?

— I media italiani hanno l'ordine tassativo di non parlarne, quindi una guerra che non esiste sui giornali è una guerra che non esiste nella realtà. Da quando è iniziata questa guerra la definiamo la peggiore delle guerre, perché non appare nelle televisioni e sui giornali. Poter aiutare in questo contesto è ancora più difficile. Siccome i media non ne parlano, la gente non è al corrente e non si pone alcuna domanda.

— Aiutare le popolazioni del Donbass colpite dalla guerra è possibile attraverso la vostra Associazione per esempio. Come?

— Sul nostro sito http://www.aasib.org/ ci sono le pagine dei progetti, dei singoli bambini, dei territori della Russia e del Donbass dove operiamo. Ci sono i dati attraverso i quali aiutare, noi operiamo con la massina trasparenza, perché sia possibile spiegare ciò che facciamo e intercettare la volontà del popolo italiano di essere solidale soprattutto per le fasce deboli come i bambini e le donne. Tra l'altro nel 2017 apriremo un importante progetto: finanziare un sistema di monitoraggio di tutte le donne in stato interessante di Archangelsk, una regione due volte più grande dell'Italia che ha solamente un milione e seicento mila abitanti. Dal sistema di cui parlavo verranno intercettate in tutti i villaggi le donne incinte e attraverso le strutture della capitale Archangelsk verranno aiutate nel proseguire la loro gravidanza. Operiamo quindi non solo in teatri di guerra, ma anche in teatri civili portando innovazione, aiuto concreto, anche per quanto riguarda la neo-natalità.

— Quali i sono i tuoi auspici per il 2017?

— Io attraverso Sputnik rivolgo gli auguri di buone feste nella solidarietà con le popolazioni della Federazione russa, con il popolo russo e le popolazioni russofone che vivono negli Stati dell'Ex Unione sovietica. Buon 2017 nella solidarietà e nell'opera quotidiana in favore delle popolazioni che soffrono e in favore dei bambini.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Quattro mogli e 23 bambini valgono 360 000 euro all’anno?
Ministero della difesa: opposizione "moderata" ha minato ad Aleppo giocattoli per bambini
Sud Sudan, Unicef: gruppi armati liberano 145 bambini
L’Isis usa donne e bambini per trasportare le armi nei punti caldi della battaglia
Favole propagandistiche, in Germania fanno il lavaggio del cervello ai bambini
Tags:
guerra civile, ospedale, bambini, finanziamenti, Aiuto, missione umanitaria, Dottoressa Lisa, Donbass, Lugansk, Donetsk, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik