07:04 24 Agosto 2017
Roma+ 17°C
Mosca+ 15°C
    Hillary Clinton e Donald Trump durante i dibattiti

    Trump o Clinton, chi è meglio per l’Italia e la sicurezza mondiale?

    © AP Photo/ Evan Vucci
    Opinioni
    URL abbreviato
    Tatiana Santi
    439322444

    Tutti gli occhi puntati sulle presidenziali statunitensi e i duelli televisivi fra i due candidati alla Casa Bianca. La stampa italiana, nettamente schierata con Hillary Clinton, si limita a dipingere Donald Trump come sessista e omofobo, senza chiedersi chi fra i due candidati sarebbe meglio per l’Italia e la sicurezza mondiale.

    Seguendo i mass media italiani in merito al duello Trump e Clinton si notano in primo piano gli scandali sessuali, il ciuffo del candidato repubblicano, le boutades lanciate durante i dibattiti televisivi.

    È noto che la politica europea è legata direttamente alla cabina di regia d'oltreoceano, in particolare per quanto riguarda i rapporti con la Russia. Hillary Clinton vede in Putin il male assoluto e sogna per la Siria lo stesso scenario libico, a differenza di un Trump decisamente più aperto al dialogo con Mosca e che ha definito la NATO un organo ormai obsoleto.

    Germano Dottori, docente di studi strategici alla Luiss e membro della redazione Limes.
    © Foto: fornita da Germano Dottori
    Germano Dottori, docente di studi strategici alla Luiss e membro della redazione Limes.
    Ebbene, quale presidente americano sarebbe più auspicabile per l'Italia e la sicurezza mondiale, Trump o Clinton? Sputnik Italia ha raggiunto per una riflessione in merito Germano Dottori, docente di studi strategici alla Luiss Guido Carli di Roma.

    — L'esito delle elezioni americane influenzerà ovviamente il contesto politico dei Paesi europei e lo scacchiere geopolitico internazionale. Germano Dottori, chi fra i due pretendenti alla Casa Bianca è "più auspicabile" per gli interessi nazionali italiani?

    — E' una questione assai complessa. Se vincerà la Clinton, l'Italia non dovrà modificare la propria politica libica, potrà continuare ad investire nella riconciliazione con l'Iran, ma sarà costretta a limitare drasticamente i propri rapporti economici e politici con la Federazione Russa. In questo senso, alcune scelte di schieramento fatte dal Premier Renzi e dal suo Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni paiono francamente incoerenti rispetto all'obiettivo italiano di pervenire alla cancellazione delle sanzioni che limitano attualmente gli scambi tra Unione Europea e Russia. Non rientra negli interessi europei ed italiani neanche la crescita complessiva dell'instabilità che la Clinton recherebbe con sé.

    Nel secondo dibattito presidenziale, svoltosi il 9 ottobre scorso a St. Louis, in Missouri, Hillary è stata chiara: priorità ai diritti delle donne. Mi chiedo cosa ne pensino i sauditi, che pure la finanziano generosamente. Secondo me a Riyahd c'è chi teme lo scoppio di una Primavera locale.

    E del resto non sta passando inosservata la circostanza che gli Stati Uniti critichino sempre più incisivamente i raid sauditi in Yemen. Quanto ci costerebbe l'esplosione dell'Arabia Saudita? Con Trump, sarebbe diverso. L'Italia dovrebbe cambiare alleati in Libia, ma lo farebbe al seguito degli americani, e non avrebbe problemi nello sviluppare le relazioni con la Russia. Quanto all'Iran, non penso che gli Accordi di Vienna sarebbero denunciati. Piuttosto, è possibile che si cerchi di rinegoziarli, nell'intento di ottenere impegni da Teheran anche sul versante della limitazione della proliferazione missilistica.

    — Fino a che punto potrebbero complicarsi i rapporti fra Europa e Russia nel caso vincesse Hillary Clinton?

    — In questa campagna elettorale, Hillary ha fatto delle future relazioni con Mosca una questione centrale, nell'intento di sfruttare il riflesso antirusso diffuso tra gli americani per colpire Trump, che invece invoca un disegno di stabilizzazione globale da perseguire insieme alla Federazione Russa. Sono state dette parole pesanti, cui da Presidente la Clinton dovrebbe dare seguito. Il 9 ottobre, a St. Louis, Hillary ha anche accennato all'imposizione di una no fly zone in Siria ed esplicitamente prospettato la creazione di fasce di sicurezza in territorio siriano, aprendo infine alla possibilità di denunciare per crimini di guerra il regime di Damasco e la Russia. Non è poco! Per quanto continui ad affermare che da Presidente cercherebbe la collaborazione di Mosca su alcuni dossier, è chiaro che Hillary ha in testa altro. In nome dei diritti umani la Clinton riprenderebbe a soffiare sul fuoco in Ucraina e forse inizierebbe a farlo anche in Bielorussia o in Armenia. Si confermerebbe anche la svolta impressa alla Nato in occasione del recente vertice di Varsavia. Trump, invece, l'Alleanza la vorrebbe riorientare in funzione del contrasto al terrorismo internazionale e della lotta all'Islam politico radicale, un terreno sul quale Russia e Nato, e quindi l'Europa, possono collaborare efficacemente.

    — Donald Trump è letteralmente demonizzato dalla stampa italiana, ma dal punto di vista della sicurezza mondiale, quanto è pericolosa la candidatura della Clinton, che vede in Putin un nemico da combattere e auspicherebbe per la Siria lo stesso scenario libico?

    — Il pubblico italiano non è ancora educato a leggere la politica internazionale attraverso il prisma geopolitico. E' fermo alla dialettica ideologica della Guerra Fredda, anche se il Muro di Berlino è caduto e la Russia non è più comunista. La stampa si schiera con Hillary perché è donna e genericamente percepita come una progressista, quindi in linea con il mainstream nazionale, mentre Trump è visto come un campione della destra sociale, praticamente come una specie di fascista. Proprio lui, che è un campione dei New York Values invisi ai Repubblicani più conservatori! Al magnate ha molto nociuto, a mio avviso, il compromesso fatto alla Convenzione repubblicana, al quale ha dovuto sacrificare il suo originale impegno a rendere universale il cosiddetto Obamacare, garantendo a tutti gli americani l'assistenza sanitaria. Oggi gli sarebbe più facile recuperare i sostenitori di Sanders.

    — Dalla stampa e il governo italiani gli Stati Uniti assieme alla figura del presidente americano sono visti come una stella polare da seguire. Nel caso alle elezioni vincesse Trump, i media italiani, che hanno a lungo attaccato il candidato repubblicano, rigireranno la frittata e canteranno le lodi al nuovo presidente americano? Come?

    — Non credo. Continuerebbero ad attaccarlo, come fecero con Reagan, salvo riconoscerne i meriti molti anni dopo la sua uscita dalla Casa Bianca. Nel migliore dei casi, non capendolo, lo definirebbero un incapace. La stampa italiana è lenta a comprendere i cambi di paradigma. Non ha ancora metabolizzato Obama, figurarsi Trump…

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Guida ai programmi di Trump e Clinton: lavoro e commercio internazionale
    Usa,Trump contro Obama e Clinton: Con loro più attentati in patria che vittorie all’estero
    Trump: Le politiche dei Clinton e Obama hanno distrutto milioni di posti di lavoro
    Trump vuole in prigione Hillary Clinton
    Tags:
    Elezioni presidenziali USA 2016, Elezioni negli USA, Donald Trump, Hillary Clinton, Yemen, Libia, Siria, Italia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik