Widgets Magazine
02:17 21 Luglio 2019
L'Altare della Patria a Roma

Una riforma alla Gelli e un governo ostile a chi ci difende

© Fotolia / fabiomax
Opinioni
URL abbreviato
Marco Fontana
11264

In uno sciagurato Paese in cui si è iniziato a parlare del referendum sulle trivelle solo a due mesi dalla consultazione elettorale, è ancora presto evidentemente per occuparsi di quello che a ottobre dovrà confermare o bocciare la riforma costituzionale promossa dall’attuale Presidente del Consiglio.

Roberto Calderoli
© Foto : fornita da Roberto Calderoli
Roberto Calderoli
Per fortuna, comunque, in molte Regioni si stanno già formando i comitati del sì e del no, sintomo che il quesito referendario inizia ad accalorare l'opinione pubblica per le conseguenze che potrebbe avere a seconda dell'esito. Abbiamo chiesto al leghista Roberto Calderoli, ex ministro delle Riforme durante il Governo Berlusconi, un parere e un approfondimento per avere più chiarezza sulla situazione politica italiana, anche nell'ottica delle riforme e della difesa dei valori tradizionali.

—  Che valutazione dà alla riforma costituzionale voluta da Renzi?

— Pessima. Il problema centrale è rappresentato dal combinato disposto fra la riforma costituzionale e la legge elettorale. L'insieme può diventare veramente una bomba ad orologeria per il benessere delle famiglie italiane, per l'ordinamento del nostro Paese e in ultima analisi per la democrazia stessa. Un partito che dovesse vincere le elezioni con il mero 20% dei consensi rischia di prendere in mano la Presidenza del Consiglio, della Camera, del Senato oltre che la Presidenza della Repubblica e di tutti gli organi di garanzia. Si comprende chiaramente che ci troveremmo di fronte a regime un vero e proprio. Non è un caso che questa riforma sia l'esatta fotocopia di quella scritta da Licio Gelli. 

—  Renzi più volte ha parlato di una possibile modifica dell'attuale sistema regionale volto a ridurre il numero delle Regioni esistenti attualmente. Che cosa ne pensa da ex ministro delle Riforme?

— Concordo pienamente nel modificare un sistema in cui vi sono Regioni con una popolazione inferiore a quelle di una provincia media. Il problema della riforma che immagina Renzi non sta però nell'accorpamento delle Regioni: d'altra parte una proposta del genere mi vedrebbe assolutamente d'accordo perché sarebbe in sintonia con il modello delle Macroregioni. Il problema vero è che la riforma Renzi scippa alle Regioni il potere legislativo e di autonomia economica e finanziaria. Si arriverà così a una ricentralizzazione che porterà alla macchina amministrativa più costi, ma con ancor meno efficienza. Micro e macro Regioni sono solo un sogno, perchè Renzi ha già distrutto del tutto il federalismo.

— Che differenza c'è tra la riforma costituzionale renziana e quella varata da Lei e dal Centrodestra?

— Sono l'una il contrario dell'altra. La nostra pose fine al grande limite di questo Paese, che è il bicameralismo paritario. Avevamo ridotto il numero dei deputati e dei senatori, tagliato loro lo stipendio, obbligandoli a lavorare e affidando più funzioni al territorio, con l'equivalente responsabilizzazione derivante dal federalismo fiscale. Loro hanno cancellato tutto: ci sarà ancora la Camera dei Deputati, il Senato, Renzi e un Presidente della Camera fantoccio scelto da lui e dalla sua minoranza: buongiorno e buonanotte alla democrazia. Un vero e proprio regime.        

— Qual è il Suo giudizio sulla politica estera di Renzi? Che cosa pensa delle sanzioni occidentali alla Russia?

— Si tratta di un controsenso. Storicamente l'Italia ha dei rapporti molto stretti a livello commerciale con la Russia. Imporre queste sanzioni è una punizione prima di tutto per il nostro Paese: per gli imprenditori, i commercianti, gli artigiani. Quello che lascia perplessi è anche come l'Occidente e l'Europa stiano punendo l'unico Stato che abbia assunto una posizione energica e decisa contro il terrorismo. Invece di dare un premio, si cerca di danneggiare il governo russo e ci si danneggia noi stessi: qualcosa di surreale. Se vivessimo in un mondo normale, oggi tutti prenderebbero esempio dalla Russia e da Putin.

—  Che cosa può fare la Lega Nord per mettere fine all'ostilità occidentale verso la Russia?

Lisa Ferrarini, Vice Presidente di Confindustria per l'Europa.
© Foto : fornita dall'Ufficio Stampa Confindustria

— Ogni volta che si parla di politica estera, che lo si faccia o nel Parlamento italiano o in quello europeo, noi continuiamo a lottare per superare le sanzioni e anzi per costruire un'alleanza commerciale e politica con la Russia. Purtroppo riceviamo sempre dei no dal governo Renzi e dal Parlamento europeo. Personalmente credo che il Governo italiano in particolare dovrà fare i conti con la storia e rispondere in futuro a chi ha difeso l'Occidente e l'Europa sul perché si sia piegato e abbia aperto le porte all'Isis-Daesh.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Russia, Kosachev: L’Italia è contro l’estensione automatica delle sanzioni
Italia paese-partner al Forum economico di S. Pietroburgo. Atteso anche Matteo Renzi
Tags:
politica interna, Sanzioni, Politica Italiana, sanzioni antirusse, Riforma costituzionale, riforme, Lega Nord, Matteo Renzi, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik