Widgets Magazine
11:25 20 Agosto 2019
Premier italiano Matteo Renzi

Renzi ha capito di aver sbagliato con le sanzioni antirusse?

© AP Photo / Alessandra Tarantino
Opinioni
URL abbreviato
Tatiana Santi
8234

"L'Occidente non deve isolare la Russia". Si tratta di un messaggio molto significativo del premier Renzi, che lancia durante la sua visita in Giappone parlando al quotidiano finanziario Nikkei.

Forse il governo italiano si sta rendendo conto dell'errore delle sanzioni antirusse e Renzi vuol far capire che senza il gas russo e senza un dialogo con Mosca si rischia grosso. Sputnik Italia ha raggiunto per una riflessione in merito Tiberio Graziani, Presidente dell'Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (l'IsAG), direttore della rivista "Geopolitica".

— Come commenterebbe le dichiarazioni di Matteo Renzi fatte al giornale giapponese?

— Innanzitutto è singolare che il commento di Renzi venga fatto ad un giornale economico giapponese. L'Italia ha dei rapporti particolari con la Russia, sia dal punto di vista culturale, ma anche economico. Dalla caduta dell'Unione Sovietica i rapporti economici si sono sempre più consolidati fino alla questione del dossier ucraino. Nella questione ucraina, l'Italia in un primo momento è stato uno dei Paesi più aperti a portare avanti un dialogo tra la Russia e il cosiddetto sistema occidentale a guida statunitense. Poi l'Italia si è dovuta posizionare con l'Unione Europea e con le indicazioni date dagli Stati Uniti.

Il fatto che Renzi abbia lanciato questo messaggio ora significa che molto probabilmente all'interno dell'Unione Europea alcuni Paesi, che hanno dei rapporti privilegiati con la Russia, hanno capito di aver sbagliato con le sanzioni. Un Paese come la Russia non può essere chiaramente isolato secondo una logica economica, politica e militare. Il terrorismo globale non si può combattere senza il supporto imprescindibile della Russia, sia dal punto di vista dell'intelligence, ma anche da quello della costituzione di un ampio fronte articolato contro il terrorismo mondiale. In questo momento, quando l'Italia sta avviando una serie di riforme, ha anche bisogno di mantenere dei buoni rapporti con i suoi tradizionali partner economici, e uno di questi è sicuramente la Russia. La Russia inoltre per i Paesi membri dell'Unione Europea è un Paese che esporta gas. 


— Quello di Renzi dal Giappone è un messaggio per dire che l'Europa e l'Italia non possono fare a meno della Russia?

— Sicuramente il messaggio di Renzi va interpretato in questa maniera. Il Giappone è uno dei costituenti della "triade" del sistema occidentale quando si parla in termini economici: Giappone, Unione Europea e Stati Uniti. Il fatto che Renzi abbia scelto il Giappone per dare questo messaggio eterodosso è significativo e importante. Spero che sull'onda di queste dichiarazioni critiche di Renzi, si allineino anche gli altri leader europei. 

Correlati:

Renzi: l'Occidente non deve isolare Mosca
Renzi a Tokyo: Italia e Giappone uniti per lo sviluppo
Il viaggio dei parlamentari italiani in Crimea passerà nel silenzio dei media
Appello a Sputnik Italia: non solo Crimea, venite a visitare anche Lugansk
Tags:
Diplomazia Internazionale, Giappone, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik