06:32 22 Novembre 2017
Roma+ 7°C
Mosca0°C
    La borsa di valori di New York

    Esce il libro “Il casinò della finanza globale” di Mario Lettieri e Paolo Raimondi

    © AP Photo/ Lucas Jackson
    Opinioni
    URL abbreviato
    Paolo Raimondi
    0 38633

    Edito dalla EditricErmes, casa editrice di Potenza, arriva il libro «Il casinò della finanza globale”. Ricchezza per pochi. Un miliardo di poveri. Che mondo è?

    Gli autori, Mario Lettieri, già sottosegretario all'Economia e Paolo Raimondi, economista con una lunga esperienza internazionale, dimostrano come, dopo 7 anni dal fallimento della Lehman Brothers e dallo scoppio della bolla finanziaria negli Usa, non siamo ancora usciti dal pantano della crisi globale.

    Attraverso analisi e articoli, il libro ripercorre le tappe fondamentali della crisi globale fino a quella del debito pubblico in Europa e della Grecia.

    Nel 2012 gli autori, nel loro precedente scritto "I gattopardi di Wall Street", spiegavano che la crisi finanziaria globale non era un "avvenimento imprevedibile", ma il risultato inevitabile dell'eccessiva finanziarizzazione dell'economia, del ruolo nefasto della speculazione e della finanza derivata e della grande propensione al rischio.

    I gattopardi di Wall Street
    "I gattopardi di Wall Street"

    Molte economie, compresa quella italiana, sono state pesantemente colpite nei loro sistemi produttivi e sociali. Nel frattempo i super ricchi del pianeta lo sono diventati ancor di più, mentre i poveri hanno superato il miliardo. La ricchezza si è vertiginosamente concentrata nelle mani dello 0,1% dei più ricchi del mondo. I cittadini, le aziende e i governi, invece, sono stati oggetto di continue pressioni per far fronte ai propri debiti.

    Nonostante i tanti summit internazionali le necessarie riforme non sono state fatte,. Invece, alle operazioni di bail out, cioè di salvataggio pubblico delle banche, è stato affiancato il bail in, cioè la possibilità di utilizzare anche parte dei depositi dei risparmiatori per salvare le banche in crisi!

    La speculazione continua, anche sulle materie prime  e sui beni alimentari. I derivati più pericolosi, gli OTC, ammontano ancora a 700.000 (settecentomila) miliardi di dollari. Tutto ciò purtroppo mette in discussione con effetti destabilizzanti gli stessi assetti geopolitici mondiali.

    Nel libro si documenta come il processo di concentrazione del potere finanziario sia notevolmente cresciuto. Si pensi che, mentre nel 2009 le cinque maggiori banche americane detenevano l'80% dei derivati emessi negli Usa, oggi 4 banche soltanto — la JP Morgan Chase, la City Group, la Bank of America e la Goldman Sachs — detengono il 94% dell'intero ammontare, che è di circa 230 trilioni di dollari.

    Il casino globale della finanza
    "Il casino globale della finanza"

    Tra l'altro si evidenzia il ruolo nefasto delle agenzie di rating e il loro grave conflitto di interesse con le "too big to fail", cioè le banche più impegnate nella speculazione.

    Sulla scena mondiale sono apparsi nuovi protagonisti, i Paesi del BRICS, che legittimamente rivendicano nuove e più giuste regole monetarie, commerciali e finanziarie. In discussione è anzitutto il ruolo del dollaro come unica moneta di riferimento. Mirano a creare un nuovo sistema monetario multipolare, in cui il commercio e le transazioni internazionali dovrebbero operare sulla base di un paniere delle monete più importanti. I loro grandi progetti infrastrutturali a livello continentale rappresenteranno un importante volano per la ripresa dell'economia reale, degli investimenti e dell'occupazione nel mondo, anche in Italia.

    L'Europa non può sottrarsi a queste sfide epocali. Rendere più solidale e più coesa l'Unione europea è una necessità ineludibile.

    Gli autori sono disponibili a partecipare sul territorio nazionale a incontri organizzati da persone o associazioni eventualmente interessate a presentare il libro e a discutere degli argomenti contenuti.    

    Correlati:

    Quale bad bank? Chi paga?
    Le too big too fail: paghi la multa e via come prima!
    Crisi del settore energetico. Nuovo rischio sistemico?
    Tags:
    finanze, sistema bancario, Economia, Europa, Italia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik