14:50 11 Dicembre 2016
    dollari USA

    USA: declassificare i documenti sui finanziatori dell’11 Settembre

    © Sputnik. Mihail Kutuzov
    Opinioni
    URL abbreviato
    Paolo Raimondi
    0 32820

    Il 7 gennaio, mentre a Parigi i giornalisti di Charlie Hebdo venivano massacrati dai terroristi islamici, a Washington si teneva un’importante conferenza stampa sulla necessità di rendere pubbliche la Relazione d’Inchiesta del Congresso americano del 2002 che rivelerebbero i finanziamenti dell’Arabia Saudita ai terroristi dell’11 Settembre.

    Queste pagine furono secretate dal presidente George Bush. Purtroppo lo sono ancora.

    La citata conferenza stampa è stata tenuta dall'ex senatore democratico Bob Graham insieme a due deputati, il repubblicano Walter Jones e il democratico Stephen Lynch, e alla co-presidente dell'Associazione delle Famiglie e dei Sopravvissuti dell'11/9, la signora Terry Strada.

    Si tratta di un evento politico di grandissima rilevanza che può contribuire a rendere più efficace la lotta al terrorismo e al fondamentalismo. Purtroppo la grande stampa europea ed internazionale lo ha ignorato. E' davvero singolare se si considera che si dice a gran voce di voler colpire alla radice i sostenitori ed i finanziatori del terrorismo.

    Bob Graham, che è stato anche governatore della Florida e membro del Senato Federale per tre mandati, nel 2001-2 era presidente della Commissione d'Intelligence del Senato.

    Dopo l'attentato alle Torri Gemelle fu copresidente della Commissione d'Indagine conoscitiva attivata dalle Commissioni di Intelligence del Senato e della Camera.

    Nel dicembre del 2002 venne redatto un rapporto di oltre 800 pagine. Quando però sei mesi dopo tale documento fu declassificato, si scoprì che 28 pagine mancavano. Proprio quelle che spiegavano il ruolo dell'Arabia Saudita nel finanziamento dei terroristi e dell'attentato dell'11/9.

    Va sottolineato che allora una maggioranza bipartisan di senatori e deputati, tra cui anche Joe Biden, attuale vice presidente, John Kerry, oggi Segretario di Stato e Hillary Clinton, si appellarono a Bush affinché le rendesse pubbliche, in quanto non pregiudizievoli per la sicurezza nazionale. Non vi riuscirono.

    Perciò in questi anni il senatore Graham non ha mai smesso di chiederne la pubblicazione. Egli ne conosce bene il contenuto avendolo redatto e sottoscritto. Più volte ha portato alla luce dettagli importanti del coinvolgimento saudita nell'11/9. Ma, fintanto che il Presidente americano non le rende pubbliche per decreto, egli è tenuto al segreto sul contenuto delle 28 pagine.

    Sic stantibus rebus, il contributo migliore alla verità è quello di citare parti dell'intervento svolto a Washington dal senatore Graham. "I Sauditi, ha detto, sanno quello che hanno fatto. Non sono persone che non conoscono le conseguenze delle azioni del loro governo. I Sauditi sanno che noi sappiamo quello che hanno fatto. Persone del Governo americano hanno letto le 28 pagine e hanno letto anche tutti gli altri documenti che sono stati fino ad oggi secretati. E i Sauditi lo sanno."

    "Quale potrebbe essere la reazione dei Sauditi che osservano come gli USA abbiano assunto una posizione di passività o di vera ostilità a che questi fatti siano resi pubblici? ", ha chiesto il senatore.

    "Bene, ha aggiunto Graham, per prima cosa essi hanno continuato e forse accresciuto il loro sostegno allo wahabismo, una delle forme più estremiste dell'Islam, a livello mondale ed in particolare nel Medio Oriente. In secondo luogo hanno sostenuto il fervore religioso delle organizzazioni che portavano avanti queste forme estreme di Islam con appoggi finanziari e di altro tipo. Queste comprendono moschee, madras e strutture militari. Al Qaeda era una creatura dell'Arabia Saudita e gruppi regionali come quello di Shabaab, (la cellula somala di Al Qaeda) sono stati in gran parte creature dell'Arabia Saudita; e adesso l'ISIS è l'ultima creatura… l'ISIS è una conseguenza non una causa, è una conseguenza dell'espandersi dell'estremismo in gran parte sostenuto dall'Arabia Saudita:." Il senatore americano ha poi detto: "La conseguenza della nostra passività nei confronti dell'Arabia Saudita ha fatto anche tollerare una moltiplicazione di organizzazioni violente, estreme e fortemente dannose per la regione mediorientale e una minaccia a tutto il mondo, come abbiamo visto questa mattina a Parigi."

    Trattasi di accuse molto gravi che, data l'autorevolezza della fonte, richiedono il massimo di chiarezza.

    Alla conferenza i deputati Jones e Lynch hanno annunciato di aver presentato alla Camera una risoluzione, la H Res. 14, per richiedere al Presidente Obama di togliere il segreto alle suddette 28 pagine.

    Sia il testo della legge che il video della conferenza stampa sono disponibili sui siti dei due parlamentari.

    La signora Terry Strada, da parte sua, ha ribadito che "tutti sanno che Al Qaeda e Osama bin Laden ci hanno attaccato l'11/9, ma questa è solo metà della verità. Crediamo che l'altra metà stia nelle 28 pagine redatte dalla Commissione d'Inchiesta". "Dobbiamo declassificarle e denunciare i finanziatori dell'attacco terroristico e intraprendere azioni contro di loro", perché, ha aggiunto, "le famiglie delle vittime e dei sopravvissuti dell'11/9 hanno il diritto di conoscere la verità".

    A questo punto sarebbe opportuno che non solo i singoli Stati ma anche l'Unione europea sollecitassero l'Amministrazione Obama per ottenere il massimo di trasparenza su una vicenda tanto dolorosa quanto inquietante.

    Correlati:

    Garanzie miliardarie per i derivati di Stato
    Tags:
    11 settembre, Senato, George Bush, Stati Uniti
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories