14:22 15 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2510
Seguici su

Le autorità iraniane hanno avviato esami sulla morte di una diplomatica che lavorava presso l'Ambasciata della Svizzera a Teheran, ha comunicato oggi il ministero degli Esteri iraniano.

In precedenza l'agenzia Mehr aveva riferito, citando un portavoce dei servizi di emergenza, che un'impiegata dell'Ambasciata svizzera, la missione diplomatica che rappresenta gli interessi degli Stati Uniti in Iran, è morta dopo esser precipitata da un palazzo residenziale a Teheran.

Si tratta di una donna cinquantunenne che occupava la carica di primo segretario dell'ambasciata.

Il portavoce dei servizi di emergenza ha affermato che al momento non è noto se la morte sia stata la conseguenza di un tentativo di suicidio o di un improvviso malore che ha portato all'incidente.

Il ministero degli Esteri iraniano ha comunicato oggi che le autorità hanno avviato esami su quanto accaduto.

"Il caso è stato preso in esame dagli organi competenti, le conclusioni saranno rese note prossimamente", ha riferito l'ufficio stampa del dicastero in un comunicato.

Il ministero ha espresso le condoglianze per la scomparsa della donna.

Il dipartimento federale degli Affari esteri della Svizzera, a sua volta, ha confermato a Sputnik il fatto della morte della diplomatica a Teheran, osservando che le autorità elvetiche rimangono in contatto con l'Iran per verificare le circostanze dell'episodio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook