21:16 07 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2 0 0
Seguici su

Il capo dello Stato maggiore delle forze armate dell'Afghanistan, il generale Yasin Zia, ha confermato sabato l'avvio del ritiro delle truppe straniere dal Paese. L'annuncio precede la notizia di almeno 30 soldati dell'Esercito nazionale afghano dispersi dopo un attacco dei talebani.

"Il ritiro delle truppe straniere è effettivamente iniziato", ha affermato oggi il generale in una conferenza stampa.

Nello stesso giorno almeno 30 soldati dell'Esercito nazionale dell'Afghanistan risultano essere dispersi in seguito ad un attacco dei militanti del movimento radicale Talebani contro un posto di blocco nella città Ghazni, ha riferito il canale televisivo TOLOnews che cita una fonte locale.

Secondo quanto affermato dalla fonte nell'amministrazione della provincia, i talebani hanno effettuato un attacco contro il posto di blocco venerdì sera. Dopo diverse ore di combattimento i militanti hanno preso il controllo del posto di blocco.

Il portavoce ufficiale del movimento Talebani Zabihullah Mujahid ha confermato la presa del checkpoint. In un post su Twitter il portavoce ha osservato che nell'attacco i talebani hanno conquistato una base militare, una grande quantità di armi e munizioni. Ha aggiunto che durante l'assalto al checkpoint 20 soldati afgani sono stati arrestati.

Conferma sul ritiro truppe da Washington

In precedenza l'amministrazione degli Stati Uniti aveva annunciato che entro il 1° maggio avrebbe avviato in coordinamento con gli alleati il ritiro delle truppe dall'Afghanistan che sarebbe terminato l'11 settembre.

Nel mese di aprile la Casa Bianca ha ribadito l'inizio del ritiro delle truppe dall'Afghanistan. Al fine di garantire la sicurezza il contingente americano nella fase iniziale di questa operazione sarà aumentato. Anche il comandante delle forze USA e NATO in Afghanistan, il generale Scott Miller, ha confermato l'inizio delle operazioni per ritirare le truppe NATO e statunitensi dal Paese.

Soldati di Afghanistan e NATO
© AP Photo / Massoud Hossaini
Soldati di Afghanistan e NATO

Accordo di pace USA-Talebani

Nel 2020 gli USA e i rappresentanti del movimento radicale Talebani hanno firmato a Doha il primo negli 18 anni di guerra accordo di pace. L’accordo di pace tra le parti prevedeva il ritiro delle truppe straniere dall'Afghanistan in 14 mesi e l'avvio di un dialogo infra-afghano a marzo dopo l'intesa sullo scambio di prigionieri. Dal momento della firma dell'accordo i talebani hanno più volte accusato Washington di violazioni dell'accordo.

Attività dei talebani nell'Afghanistan

Nel Paese è in corso un conflitto tra le forze governative ed i talebani, che hanno conquistato ampie zone di territorio nelle aree rurali e lanciato un'offensiva contro le grandi città. Le forze nazionali di difesa e sicurezza conducono operazioni congiunte di lotta al terrorismo in tutto il Paese. Nella capitale del Qatar il 12 settembre 2020 sono iniziati i colloqui di pace tra il governo afghano ed i talebani.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook