17:51 17 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Il capo dell'MI6 Richard Moore ha rivelato in precedenza in un'intervista a Times Radio che i servizi segreti avrebbero cercato di reclutare qualcuno per guidare il team tecnico, in un ruolo ispirato al genio della tecnologia ritratto nei film di James Bond.

Il Secret Intelligence Service britannico, noto anche come MI6, sta pubblicizzando il reclutamento di una nuova "Q" reale, un guru della tecnologia ispirato alla mente dietro ai gadget nei film di James Bond.

Richard Moore, il capo dell'MI6 (Military Intelligence, Sezione 6) è persino andato su Twitter per chiarire chi l'agenzia sta cercando di assumere.

Riconoscendo di aver deciso di utilizzare il nome "Direttore Generale Q", un cenno alla saga della spia, giovedì ha detto che l'agenzia era a caccia di qualcuno in grado di sfruttare la "tecnologia operativa del futuro".

Nella serie di film Bond, "Q" è in grado di fornire all'agente 007 una serie di gadget che vanno da un'auto sportiva Aston Martin con un sedile di espulsione passeggeri, a una penna a sfera esplosiva.

Nell'annuncio stesso si legge che l'individuo che vorrà candidarsi supervisionerà i team che lavorano sulle tecnologie da utilizzare nelle operazioni contro "gli avversari più difficili del Regno Unito".

Ha continuato spiegando che il team dell'MI6 deve essere in grado di trasformare le tecnologie dirompenti da "minacce alle nostre operazioni in opportunità".

Per consentire all'MI6 di avanzare verso l'"avanguardia dell'innovazione digitale", il richiedente dovrà essere un "leader senior e imprenditoriale, con esperienza alla guida di un'azienda digitale, tecnologica o ingegneristica all'avanguardia e un record di realizzazione della trasformazione digitale e del cambiamento culturale".

Nella pubblicità viene sottolineata un'importante discrezionalità, in quanto il candidato richiesto "non sarà dichiarato pubblicamente".

I potenziali richiedenti sono avvertiti di non discutere la loro intenzione di cercare lavoro con l'agenzia di spionaggio, in conformità con le pratiche di sicurezza standard dell'MI6.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è il 26 maggio.

In linea con le recenti tendenze, l'MI6 ha sottolineato il suo impegno a promuovere la diversità e l'inclusione. Guardando al futuro, i servizi segreti hanno affermato che nei prossimi cinque anni ci saranno sforzi per riflettere debitamente la composizione della popolazione del Regno Unito. Ciò riguarda l'orientamento sessuale, l'etnia e la disabilità.

In precedenza, Richard Moore ha spiegato a Times Radio che era stato deciso che in questo caso "la vita avrebbe imitato l'arte". Di conseguenza, avevano nominato una nuova recluta per guidare il team tecnico basato sul personaggio di Bond.

"Lo stavamo rimodellando qualche anno fa e non riuscivamo a pensare a un nome adatto, e alla fine abbiamo pensato 'Beh, proviamoci', e così abbiamo deciso di chiamarlo Q. Così abbiamo fatto da allora e questo sarà il leader di quella squadra", ha detto Moore.

Il capo dell'agenzia di spionaggio ha aggiunto che sperano di reclutare qualcuno con un background nell'industria:

"Ci troviamo in un mondo sempre più conteso e complesso, in cui la tecnologia sta rendendo più difficile ciò che facciamo per vivere. Dobbiamo quindi utilizzare e sfruttare la tecnologia. L'unico modo per farlo, credo, è con una buona leadership e qualcuno che possa aiutarci a collaborare efficacemente con il settore privato".
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook