18:15 17 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
3161
Seguici su

Alcuni generali in congedo, in una lettera pubblicata dal settimanale Valeurs Actuelles, hanno avvertito il presidente Emmanuel Macron che la Francia era in "pericolo mortale".

Il documento è stato firmato anche da un centinaio di alti ufficiali ed oltre mille militari.

Come notato dagli autori dell'appello, i fanatici sostenitori della guerra razziale disprezzano la Francia, la sua cultura e le sue tradizioni: vogliono vedere come viene distrutto il Paese. Inoltre gli islamisti si stanno prendendo le zone dove lo Stato è assente per instaurare leggi contrarie alla costituzione.

I pericoli, secondo i generali, sono in aumento e il livello di violenza è in aumento.

"Chi avrebbe mai immaginato dieci anni fa che un giorno un insegnante sarebbe stato decapitato dopo aver finito di lavorare?" - si interrogano i generali.

Hanno sottolineato di non poter restare osservatori passivi ed hanno invitato il governo francese a mostrare coraggio ed eliminare i pericoli che incombono sul Paese.

"Ricordate che, come noi, la stragrande maggioranza dei nostri concittadini è scioccata dalla vostra indecisione e dal vostro silenzio criminale", si legge in un passaggio.

L'inerzia delle autorità, come sottolineato nella lettera, porterà all'esplosione e all'intervento dell'esercito, che assumerà la missione di proteggere i valori della civiltà.

"Come possiamo vedere, non c'è tempo per ritardare, altrimenti domani la guerra civile metterà fine a questo caos crescente e il numero di morti di cui sarete responsabili sarà nell'ordine delle migliaia", hanno concluso i militari.
Tags:
Emmanuel Macron, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook