01:22 08 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
271
Seguici su

Il watchdog anti-monopolio russo ha aperto un caso contro la società statunitense per il suo abuso della sua posizione dominante sul mercato della distribuzione di applicazioni iOS nel 2019.

Il Servizio federale antimonopolio russo (FAS) ha multato Apple Inc. per oltre 12 milioni di dollari per violazione delle leggi russe. La misura punitiva è stata adottata dopo che il servizio ha concluso un caso anti-monopolio contro la società nell'agosto 2020.

Il FAS ha stabilito che Apple ha abusato della sua posizione dominante sul mercato della distribuzione di applicazioni iOS con una serie di azioni che hanno dato ai suoi prodotti un vantaggio competitivo rispetto ad altri operatori del mercato. In particolare, l'azienda ha posto ostacoli agli sviluppatori di app di parental control e non disponeva di regole concise per l'approvazione delle applicazioni sull'App Store.

Il caso contro Apple è stato aperto su richiesta della società russa di sicurezza IT Kaspersky Lab, che ha affermato che la sua versione del programma di parental control, Kaspersky Safe Kids (KSK), è stata rifiutata da Apple, che ha introdotto una propria app simile chiamata Screen Time nell'aggiornamento di iOS 12. Secondo FAS, Apple ha costantemente limitato gli strumenti per lo sviluppo di app di parental control da ottobre 2018.

Dopo che la decisione è stata annunciata, Apple ha detto in una e-mail a Sputnik che la società non è rispettosamente d'accordo con la decisione e prevede di presentare ricorso.

La società ha aggiunto di essere orgogliosa di aver aiutato centinaia di migliaia di sviluppatori in Russia, tra cui Kaspersky, "a raggiungere più di un miliardo di clienti in 175 paesi" tramite l'App Store.

"Abbiamo lavorato con Kaspersky per rendere la loro app conforme con le regole messe in atto per proteggere i bambini. Ora hanno 13 app sull'App Store e abbiamo elaborato centinaia di aggiornamenti per loro", ha aggiunto la società.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook