14:56 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
211
Seguici su

Il Cremlino accoglie con favore la decisione degli Stati Uniti di condividere i vaccini contro il coronavirus con altri Paesi, dal momento che questo tipo di azioni avvicinano l'immunizzazione della popolazione mondiale, ha detto oggi il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov.

"È una cosa molto buona. Ci opponiamo sempre all'uso dei vaccini come strumento di pressione politica. Più dosi vengono fornite (anche se il vaccino è meno efficace dello Sputnik V), meglio è per tutte le persone del pianeta. Sarà un altro piccolo passo che ci avvicinerà all'immunizzazione della popolazione mondiale", ha detto Peskov ai giornalisti.

Allo stesso tempo il portavoce del presidente russo ha affermato che c'è ancora il rischio che i vaccini possano essere utilizzati come strumento di pressione, sottolineando come il vaccino russo sia stato bersaglio di attacchi ingiustificati.

"Ci sono dei rischi. Sapete che all'inizio lo Sputnik ha dovuto affrontare anche concorrenza sleale, attacchi mediatici. Ora è molto difficile indebolirlo, dopo che la maggior parte dei Paesi ha convenuto che si tratta di un vaccino molto affidabile ed efficiente", ha aggiunto Peskov.

La dichiarazione del portavoce del Cremlino è seguita all'annuncio della Casa Bianca, secondo cui gli Stati Uniti condivideranno l'intera scorta di vaccini AstraZeneca con altri Paesi, una volta che il siero anti-Covid avrà superato le revisioni sulla sicurezza.

Tags:
Dmitry Peskov, Cremlino, USA, Russia, vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook