19:21 17 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
121
Seguici su

Nei giorni scorsi era già emerso che 26 Paesi del blocco di Bruxelles avevano appoggiato una possibile azione legale contro la casa farmaceutica anglo-svedese.

L'Unione europea ha dato il via ad un procedimento legale contro la società farmaceutica anglo-svedese AstraZeneca, citando la sua incapacità di rispettare un contratto concordato per la fornitura di vaccini ai paesi dell'UE.

A renderlo noto è la Commissione europea in una dichiarazione resa pubblica quest'oggi, nella quale viene precisato che la società non aveva un piano "affidabile" per garantire consegne tempestive nel Vecchio Continente.

"Il motivo in effetti è che i termini del contratto o alcuni termini del contratto non sono stati rispettati e l'azienda non è stata in grado di elaborare una strategia affidabile per garantire la consegna tempestiva delle dosi", ha affermato Stefan De Keersmaecker, portavoce della Commissione europea.

Nei giorni scorsi era stato reso noto che 26 i Paesi dell'Ue avevano aderito alla decisione della Commissione europea di procedere con un'azione legale contro AstraZeneca.

In precedenza, una fonte diplomatica citata dai media aveva affermato che la mossa era strettamente collegata all'intenzione dell'UE di garantire che tutte le consegne previste avvengano nel secondo trimestre di quest'anno.

"Gli stati dell'UE devono decidere se partecipare. Si tratta dell'adempimento delle consegne entro la fine del secondo trimestre", aveva detto la persona.

In una comunicazione ufficiale, il ministro dell'industria francese aveva poi rivelato che il blocco europeo potrebbe non rinnovare i contratti con AstraZeneca per il 2022.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook