13:57 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

La compagnia petrolifera francese Total ha dichiarato lunedì causa di forza maggiore per l'evacuazione di tutto il personale dal progetto Afungi Liquefied Natural Gas (LNG) nel nord del Mozambico, affermando la presenza di problemi di sicurezza legati al terrorismo.

"Considerando l'evoluzione della situazione di sicurezza nel nord della provincia di Cabo Delgado in Mozambico, Total conferma il ritiro di tutto il personale del progetto Mozambico LNG dal sito di Afungi. Questa situazione porta Total, come operatore del progetto Mozambico LNG, a dichiarare forza maggiore" ha affermato la società in una dichiarazione.

L'azienda ha anche espresso solidarietà con il governo e la gente del paese e la speranza che la sicurezza e la stabilità nella zona saranno ripristinate.

I rapporti sull'evacuazione del personale di Total si sono verificati all'inizio di aprile in seguito allo stop delle operazioni sul sito a fine marzo per la furia jihadista sulla città di Palma, anch'essa situata nella provincia di Cabo Deldago.

​Gli esperti ritengono che la sospensione dei lavori sul progetto potrebbe compromettere seriamente le posizioni future del Mozambico nel mercato mondiale del GNL.

Il paese è al 14 ° posto nel mondo in termini di riserve di gas naturale.

L'attacco jihadista e l'occupazione della città di Palma

Il mese scorso un gruppo jihadista, forse legato allo Stato Islamico* della provincia dell’Africa Centrale (Iscap), ad al Shabaab, o ad Ansar al Sunna, ha conquistato la città di Palma dopo giorni di ostilità e di uccisioni. Il 2 aprile, la polizia del Mozambico ha detto a Sputnik che non c'erano più militanti nella città.

Mozambico LNG è proiettato per essere il primo progetto onshore in Mozambico. Comprende lo sviluppo dei campi di Golfinho e Atum e la costruzione di un impianto di liquefazione a due linee con una capacità totale di 12,9 milioni di tonnellate di GNL all'anno e un potenziale di espansione fino a 43 milioni di tonnellate.

L'inizio della produzione è previsto per il 2024. Total è l'operatore del progetto con una quota del 26,5%.

Il costo del progetto è stimato in 20 miliardi, la decisione di investimento in merito è stata presa nel 2019.

Le incursioni jihadiste nel nord del Paese

Secondo gli esperti l’attacco è stato pianificato “meticolosamente”

Gli attacchi jihadisti nel nord del Mozambico si susseguono dall’ottobre del 2017, causando la morte di 2,600 persone e quasi 700mila sfollati.

Uno degli attentati più sanguinari è andato in scena lo scorso anno, come ricorda la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre in un comunicato, nel distretto di Muidumbe.

*Lo Stato Islamico è un'organizzazione terroristica vietata in Russia e molti altri paesi

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook