14:46 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
102
Seguici su

Il primo caso di contagio dal ceppo indiano è stato registrato in Svizzera, riporta Ufficio federale della Sanità Pubblica (UFSP) del Paese.

L'UFSP ha riferito mediante un post su Twitter che la variante indiana del COVID-19 è stata per la prima volta trovata in Svizzera.

"Si tratta di un passeggero che era entrato attraverso un aeroporto di transito", specifica l'ente sanitario elvetico, senza fornire ulteriori dettagli.

In seguito alla scoperta la Confederazione ha avviato la procedura di valutazione sull'eventuale inserimento dell'India nell'elenco dei paesi a rischio.

Coronavirus in Svizzera

Dall'inizio della pandemia in Svizzera (compreso il Principato del Liechtenstein) sono stati registrati 646.509 casi di contagio dal coronavirus, con 9.955 decessi.

Il totale delle dosi di vaccino contro il coronavirus somministrate alla data di oggi è di 2.284.438.

Ceppo indiano

Un impiegato dell'Institute of Genomics and Integrative Biology in India Vinod Scaria ha dichiarato che un'équipe di scienziati ha rilevato nello stato Bengala Occidentale il nuovo ceppo del coronavirus B.1.618, caratterizzato da un riarrangiamento cromosomico di sei nucleotidi (H146del e Y145del), oltre alla mutazione E484K e D614G nella proteina Spike.

Il professore di epidemiologia indiano Madhukar Pai sostiene che la nuova variante è il ceppo con una tripla mutazione ed è in grado di diffondersi più velocemente.

Il nuovo ceppo B.1.618 è la seconda linea di coronavirus ad essere identificata in India. La prima è B.1.617, nota anche come variante con doppia mutazione del coronavirus.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook