19:28 17 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 23
Seguici su

Con un po' di buona volontà, potreste replicare l'esperimento nel giardino di casa vostra... ma le mutande devono essere 100% biodegradabili!

Un gruppo di ricercatori svizzeri farà sotterrare a dei volontari 2000 paia di mutande bianche di cotone nei giardini delle proprie case.

Non si tratta di un caso di 'smutandamento' generale, bensì di una nuova tecnica per misurare lo stato di salute del terreno.

Ai volontari verranno consegnate due paia di mutande di puro cotone, completamente biodegradabili, che dovranno essere sotterrate nel giardino; un paio sarà dissotterrato dopo un mese, l'altro dopo due. Lo scopo è quello di osservare il numero di microorganismi che si saranno cibati dell'indumento a fine dell'esperimento.

Infatti, osservando quanto l'intimo sia stato 'mangiucchiato', si potrà dedurre la quantità di organismi presenti nel terreno. 

"Le mutande possono servire come fonte di cibo per vari microorganismi nel terreno. Più microorganismi attivi vivono nel terreno, più velocemente e più in teoria le mutande saranno mangiate", si può leggere sul sito dello studio.

Volontari e scienziati analizzeranno anche delle bustine di tè sepolte contemporaneamente come controprova, così come il DNA del suolo circostante per determinare quali tipi di organismi ci vivono.

Il suolo ospita miliardi di batteri, funghi, insetti, vermi e altre creature, ma poco si sa del loro ecosistema e di come influisce su diversi fattori come le rese delle colture o la protezione dalle inondazioni.

Il coinvolgimento dei cittadini nel progetto è volto a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'erosione globale del suolo. Si ritiene che l'aumento dell'uso di fertilizzanti e costruzioni siano due dei principali fattori che accelerano la perdita di terreni fertili. Oltre alla perdita dell'habitat, ciò può portare a una protezione più scarsa contro le catastrofi naturali e a un aumento dei livelli di sostanze chimiche che finiscono nei corsi d'acqua e nei fiumi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook