22:08 07 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
131
Seguici su

Il portavoce dell'ex leader degli Smiths, Morrissey, ne ha definito "offensivo e razzista" il ritratto in un recente episodio de "I Simpson".

L'episodio, intitolato 'Panic on the streets of Springfield' - chiaro riferimento al successo degli Smiths 'Panic (On the Streets of London)' - racconta l'amicizia di Lisa Simpson con un amico immaginario: un cantante britannico degli anni Ottanta di nome Quilloughby, che come Morrissey è vegano e attivista per i diritti degli animali.

Ma una volta che Lisa partecipa a una reunion della band di Quilloughby, gli Snuffs, e lo incontra nella vita reale, ne rimane totalmente delusa: ora è un razzista in sovrappeso che non ha nulla a che fare con il Quilloughby di cui si è innamorata.

"Ero vegano finché non ho scoperto che il veganismo è stato inventato da stranieri, che sono già troppi su questo pianeta", dice il cantante dal palco.

È interessante notare come sia stato il famoso attore britannico Benedict Cumberbatch a prestare la voce al personaggio.

Come previsto, Morrissey ha reagito all'episodio attraverso il suo rappresentante Peter Katsis, che ha dichiarato tramite il suo account ufficiale su Facebook che 'I Simpson' cercano di "capitalizzare su polemiche a buon mercato ed esporre voci viziose".

"Prendere in giro le persone è una cosa... Ma quando uno show scende così in basso da usare tattiche brutalmente odiose, come mostrare il personaggio di Morrissey con la pancia che sporge sotto la maglietta (anche se non è mai apparso così in nessun momento della sua carriera), ti fa chiedere chi sia il vero gruppo offensivo e razzista", ha scritto.

"Inoltre, criticare Morrissey per essere razzista senza sottolineare alcun caso specifico non porta a nulla. Serve solo a insultare l'artista. Dovrebbero prendere uno specchio e guardarcisi dentro", ha aggiunto Katsis.

"Sono gli unici che hanno smesso di creare e sono diventati razzisti impenitentemente offensivi. Non sono sorpreso che il gradimento dei Simpson sia diminuito così tanto negli ultimi anni", ha scritto.

"Forse [Benedict Cumberbatch] dovrebbe parlarne e raccontare la sua versione della storia. Ma ha le palle per farlo?", ha concluso Katsis.

Nato nel 1959, Steven Morrissey non è famoso solo per le sue opere musicali, ma anche per il suo attivismo per i diritti degli animali e per la sua personalità controversa.
Negli ultimi anni è finito nell'occhio del ciclone per le sue controverse dichiarazioni contro il femminismo e gli immigrati e il suo sostegno alla destra britannica.

"In fin dei conti ognuno preferisce la propria razza. Questo rende tutti razzisti?", ha risposto una volta alle accuse di razzismo.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook