12:31 09 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 25
Seguici su

L'Agenzia del farmaco transalpina ha reso noti i dati aggiornati sull'incidenza delle trombosi e dei fenomeni di coaguli del sangue nei pazienti vaccinati con AstraZeneca.

Nove casi di trombosi anomala e i due casi di problemi di coagulazione associati alla somministrazione del vaccino AstraZeneca, su un totale di 23, sono avvenuti in pazienti "più anziani", di età media pari a 62 anni.

Lo rende noto l'Agenzia del farmaco francese (Ansm), con i dati che sono riportati quest'oggi dal Parisien.

Nel complesso in Francia, dall'inizio della campagna vaccinale, sono stati riportati 23 casi di trombosi e casi di coagulazione sospetta su 2.725.000 dosi del farmaco somministrate all'8 aprile. 

"I nuovi elementi saranno condivisi con l'Ema nell'ambito della valutazione europea", ha chiarito l'Agenzia.

La Francia sospende AstraZeneca per gli under 55

Dal 19 marzo in Francia il vaccino AstraZeneca non viene più somministrato a soggetti di età inferiore a 55 anni. Per gli under 55 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca è stata invece raccomandata una seconda dose di Pfizer o Moderna.

In merito a tale decisione, l'OMS ha chiarito che al momento attuale non esistono abbastanza dati relativi ad una possibile intercambiabilità tra i vaccini basati sull'mRNA e quelli a base virale.

La decisione di Ema

Martedì 7 aprile è arrivato il nuovo verdetto dell'Agenzia europea del Farmaco (Ema) dopo la terza valutazione in un mese in merito alla possibile relazione tra la somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca e episodi di trombosi cerebrale.

L'ente di vigilanza ha riconosciuto che gli eventi di coagulo al seno venoso possono essere "effetti collaterali molto rari" del vaccinazione con il vaccino Oxford. Tuttavia ribadisce che i benefici del vaccino sono superiori ai rischi degli effetti collaterali.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook