13:27 15 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
1422
Seguici su

Sono oltre 70 i casi già ufficialmente registrati in territorio britannico, secondo quanto riportato dalle autorità sanitarie di Londra.

Una nuova variante del coronavirus con doppia mutazione è stata rilevata nel Regno Unito dopo essere emersa per la prima volta in India. Lo riferisce il tabloid britannico Evening Standard

Un totale di 77 casi della variante, nota come B.1.617, sono stati registrati nel Regno Unito al 14 aprile, stando a quanto riferito dal PHE (Public Health England).

Di questi casi, 73 sono stati registrati in Inghilterra e quattro in Scozia.

La variante B.1.617 è stata identificata per la prima volta in India e da allora è stata trovata in altri Paesi del mondo, tra cui gli Stati Uniti d'America.

Si dice che gli esperti siano preoccupati dalla variante in quanto trasporta due mutazioni nella proteina spike che potrebbero renderla in grado di eludere le risposte immunitarie del corpo, riuscendo ad infettare il corpo più facilmente.

Il professor Paul Hunter, ordinario di medicina presso l'Università dell'Anglia Orientale intervistato dall'Evening Standard, ha detto che l'arrivo della variante India potrebbe essere più “problematico” rispetto alle varianti sudafricane e brasiliane.

"Queste due mutazioni di fuga che lavorano insieme potrebbero essere molto più problematiche delle varianti sudafricane e brasiliane che hanno solo una mutazione", ha detto.

Il Regno Unito ha registrato finora quasi 4,38 milioni di casi di coronavirus, a fronte di 127.000 vittime. Grazie alla campagna vaccinale avviata nel mese di dicembre 2020, la Gran Bretagna è riuscita a contenere in maniera significativa il numero delle vittime giornaliere e degli ammalati con sintomi gravi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook