01:00 08 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
131
Seguici su

La compagnia giapponese Shoei Kisen, proprietaria della nave portacontainer Ever Given arenatasi nel Canale di Suez paralizzando il traffico navale, è in trattative per ridurre l'importo dei risarcimenti, ha detto all'agenzia Kyodo un rappresentante della società.

In precedenza era stato riferito che il tribunale della città egiziana di Ismailia per le vertenze economiche ha deciso di confiscare la nave portacontainer Ever Given, che ha bloccato il Canale di Suez per sei giorni fino a quando la società proprietaria non avrà pagato 900 milioni di dollari di risarcimento. L'importo del risarcimento comprende i costi dell'amministrazione del canale per disincagliare la nave, la riparazione della nave e le perdite economiche derivanti dalla chiusura forzata della rotta di navigazione. Nel procedimento giudiziario l'amministrazione del canale di Suez si basa sull'articolo della legge egiziana sul commercio marittimo, che consente la confisca della nave da parte di un tribunale speciale.

"Siamo ora in procinto di negoziare una riduzione dell'importo. Al momento non siamo ancora nella fase delle transazioni", ha detto un rappresentante dell'azienda.

Ha inoltre aggiunto che pochi giorni fa, tramite la compagnia di assicurazioni, è stato comunicato l'importo del risarcimento. Sono in corso trattative con l'amministrazione del canale.

"Vorremmo che l'importo definitivo del risarcimento fosse determinato il prima possibile in modo da dissequestrare la nave, ma mentre negoziamo, non posso dire nulla", un portavoce dell'azienda disse.

La nave portacontainer Ever Given, lunga 400 metri, diretta dalla Cina al porto olandese di Rotterdam, si è arenata il 23 marzo al 151 ° chilometro del Canale di Suez, bloccandolo la via di navigazione e paralizzando il traffico navale. La nave è stata disincagliata il 29 marzo dopo diversi tentativi, più di 15 rimorchiatori hanno partecipato all'operazione. L'ultima delle 422 navi finita nell'ingorgo all'ingresso del canale ha superato l'infrastruttura il 3 aprile.

Tags:
Giappone, Egitto, Canale di Suez, Canale di Suez
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook