10:08 18 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
27022
Seguici su

In giornata, il ministro degli Esteri iraniano Zarif ha affermato che l'Iran ritiene che Israele sia dietro le recenti azioni di sabotaggio presso l'impianto nucleare di Natanz, sottolineando che Teheran risponderà all'atto.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito che non permetterà all'Iran di ottenere armi nucleari e che Israele continuerà a "difendersi" dall'aggressione iraniana.

Ha aggiunto che l'Iran non ha mai rinunciato alla sua ricerca di armi nucleari.

"In Medio Oriente non c'è minaccia più grave dell'Iran. L'Iran non ha abbandonato il suo desiderio di possedere armi nucleari e non ha smesso di chiedere la distruzione di Israele. In qualità di Primo Ministro di Israele, non permetterò mai all'Iran di ottenere armi nucleari per compiere genocidi contro il mio paese. Israele continuerà a difendersi", ha detto Netanyahu in una conferenza stampa congiunta con il segretario alla Difesa USA, Lloyd Austin, dopo i colloqui a Gerusalemme.

Un recente incidente nell'impianto nucleare di Natanz è stato causato da un'esplosione, ha detto lunedì il portavoce dell'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran (AEOI), Behrouz Kamalvandi.

"L'esplosione non è stata abbastanza forte da distruggere tutto. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, le aree danneggiate possono essere ripristinate presto", ha detto Kamalvandi all'agenzia di stampa Tasnim.

Domenica mattina, l'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran (AEOI) ha riferito che la struttura di Natanz aveva subito un incidente che ha coinvolto la sua rete di distribuzione di elettricità. Il capo dell'AEOI, Ali Akbar Salehi, ha descritto l'incidente come "terrorismo nucleare". Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha detto che Teheran ritiene che Israele sia dietro le recenti azioni di sabotaggio nella struttura.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook