19:18 18 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
5110
Seguici su

Lo ha dichiarato il portavoce della Commissione europea dopo l'annuncio della Germania di trattative bilaterali con la Russia per l'acquisto del vaccino contro il Covid-19.

Gli Stati membri sono liberi di acquistare in autonomia i vaccini che non fanno parte del portafoglio europeo. Lo ha detto questa mattina in un briefing con la stampa il portavoce capo della commissione europea Eric Mamer, sottolineando che una scelta del genere non mette in discussione la strategia comune dei 27 Paesi Ue sui vaccini. 

"Il fatto che degli Stati eventualmente decidano di acquistare dei vaccini da altri fornitori, come è già successo per esempio nel caso dell'Ungheria, non comporta la fine della strategia europea. Sono due cose diverse", ha dichiarato Mamer. 

L'Europa ha una strategia comune che è "basata sul negoziato con un certo numero di imprese che sono state identificate", spiega.

  • Finora la Commissione Europea ha siglato dei contratti di acquisto con Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca, J&J, CureVac e Sanofi/Gsk
  • Con Novavax e Valneva ci sono stati conclusi dei colloqui esplorativi

Gli Stati membri non possono contrattare autonomamente le case farmaceutiche con cui la Commissione ha concluso dei contratti, ma al di fuori di questi "possono esserci approcci autonomi alla questione", ha chiarito il portavoce.

Vaccinazione con Sputnik V a San Marino
© Foto : ISS di San Marino
Vaccinazione con Sputnik V a San Marino

L'apertura della Germania allo Sputnik V

Le parole di Memer arrivano dopo la decisione di Berlino aprire al vaccino anti-covid russo Sputnik V. La speciale task force è pronta ad avviare i colloqui diretti con i produttori del centro Gamaleya e dell'Istituto di ricerca di microbiologia del ministero della Difesa russo.

E' stato il ministro della Salute, Jehn Spahn, a dare l'annuncio alla televisione tedesca.

La decisione è dovuta alla lentezza della campagna vaccinale in Germania. 

"Per fare veramente la differenza la distribuzione del vaccino dovrebbe cominciare fra i prossimi due ai cinque mesi. In merito mi attendo dalla Russia dichiarazioni vincolanti", ha spiegato Spahn.

I colloqui serviranno a stabilire le quantità da destinare alla Germania, dopo l'approvazione di Ema.

Tags:
Coronavirus, vaccino, Commissione Europea, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook