19:51 18 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
4142
Seguici su

La nuova amministrazione americana ha reso noto nei giorni scorsi di non aver preso ancora una decisione definitiva sul ritiro da Cieli Aperti.

La Russia non ha ricevuto alcuna notifica ufficiale dagli Stati Uniti in merito alla sua posizione sul Trattato sui Cieli Aperti.

Lo ha riferito quest'oggi il ministro degli Esteri di Mosca Sergei Lavrov:

"Per quanto riguarda il Trattato Cieli Aperti, non ho visto questa nota, nessuno ci ha scritto nulla, anche se abbiamo ufficialmente avvertito tutti tramite note diplomatiche che stiamo avviando la procedura per il ritiro dal Trattato Cieli Aperti, poiché non abbiamo ricevuto garanzie che gli europei non riveleranno i dati che ottengono sui voli sul territorio russo ", ha detto Lavrov in una conferenza stampa, tenuta dopo i colloqui con la sua controparte kazaka.

Mosca si aspetta che Washington spieghi presto la sua posizione sul Trattato sui Cieli Aperti, ha proseguito il diplomatico.

Mercoledì, un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha detto a Sputnik che Washington doveva ancora prendere una decisione sulla sua futura partecipazione al trattato.

Allo stesso tempo, un promemoria trapelato dall'amministrazione statunitense, ottenuto da Defense News, ha suggerito che Washington teme di "inviare il messaggio sbagliato alla Russia" aderendo nuovamente all'accordo.

Gli Stati Uniti continuano anche ad accusare Mosca di violare il trattato, cosa che la Russia nega, sottolineando che l'accordo potrebbe essere ripristinato se Washington annullasse il ritiro.

Il Trattato Cieli Aperti è stato firmato nel 1992 ed è entrato in vigore 10 anni dopo. Il documento ha permesso a 34 nazioni partecipanti di condurre voli di osservazione disarmati sui rispettivi territori.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook