01:00 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Finora, i test rapidi nel Regno Unito sono stati disponibili per quelli nelle fasce più a rischio, tra cui i lavoratori in prima linea del servizio sanitario nazionale, il personale delle case di cura e i residenti, gli studenti e le loro famiglie.

Per facilitare la riapertura delle aziende e delle società dopo il lockdown, insieme all'implementazione delle vaccinazioni, dei test Covid-19 gratuiti e rapidi saranno resi disponibili due volte a settimana a tutti in Inghilterra a partire dal 9 aprile, secondo il Dipartimento della Salute e dell'Assistenza Sociale del Regno Unito.

La mossa arriva tra i timori che 1 persona su 3 infetta da Covid potrebbe non manifestare alcun sintomo e, di conseguenza, involontariamente diventare un veicolo per la diffusione del virus.

I test saranno disponibili attraverso diverse opzioni. Le persone saranno in grado di ordinare i test online e farseli consegnare direttamente a casa. Saranno anche offerti su richiesta dei programmi di test sul posto di lavoro, da utilizzare in loco o a casa.

I test comunitari saranno forniti da tutte le autorità locali, con test in loco disponibili anche nelle scuole e nei college.

In linea con il nuovo piano, chiunque abbia più di 18 anni sarà anche in grado di ritirare scatole di sette test di immunodosaggi a flusso laterale (LFIA) dalla propria farmacia locale, come parte del nuovo servizio "Pharmacy Collect".

Il governo ha affermato che l'offerta si applicherà solo all'Inghilterra, lasciando le amministrazioni decentrate in Scozia, Galles e Irlanda del Nord libere di prendere le proprie decisioni sulla questione.

Venerdì sarà anche lanciata un'ampia campagna di marketing per incoraggiare le persone a sostenere l'offerta dei test gratuiti a flusso laterale LFIA due volte alla settimana, con il Primo Ministro Boris Johnson che ha propagandato la mossa come in grado di "fermare i focolai di contagio sul nascere".

Operazione Moonshot

L'offerta attuale è, in effetti, la cosiddetta "Operazione Moonshot" - una missione governativa di test di massa per controllare milioni di persone asintomatiche settimanalmente.

L'ambizioso progetto, del valore di 100 miliardi di sterline (ca. 115 miliardi di euro) secondo un documento governativo trapelato, mirava a fornire 10 milioni di test al giorno affidandosi allo sviluppo di nuove tecnologie per campioni di saliva o campioni di tamponi. Una lettura positiva o negativa doveva essere data in pochi minuti.

Proposto per essere messo in funzione già all'inizio di dicembre 2020 dal Segretario di Stato per la Salute e l'assistenza sociale Matt Hancock, i deputati parlamentari hanno giudicato il piano con scherno lo scorso settembre. Il progetto è stato infine ripreso nell'ambito del programma nazionale NHS T&T.

Ora il Governo insiste sul fatto che, oltre alla vaccinazione di successo, i test Covid-19 consentiranno un ritorno alla normalità durante l'allentamento delle restrizioni.

La situazione nel Regno Unito

La domenica di Pasqua, il Regno Unito ha registrato il numero più basso di nuovi casi positivi dallo scorso settembre, mentre il numero totale delle prime inoculazioni di vaccino ha raggiunto 31.523.010. Il numero delle seconde dosi somministrate è salito a 5.381.745.

In vista di una conferenza stampa di lunedì in cui Downing Street dovrebbe svelare il possibile lancio di "passaporti vaccinali", con un'app o un certificato cartaceo utilizzato per ottenere l'accesso a una serie di eventi pilota da metà aprile, Boris Johnson ha sottolineato che non riuscire a effettuare test regolari rischia di "sprecare" i progressi raggiunti attraverso l'implementazione del vaccino.

"Ecco perché ora stiamo implementando test rapidi gratuiti per tutti in tutta l'Inghilterra, aiutandoci a fermare i focolai sul nascere, in modo da poter tornare a vedere le persone che amiamo e fare le cose che ci piacciono", ha detto Johnson.
© REUTERS / Geoff Caddick / Pool
Премьер-министр Великобритании Борис Джонсон с медсестрой во время посещения центра вакцинации от коронавируса в Кумбране

Gli scettici, però, sono diffidenti

"Non sappiamo quanto bene funzionino i test LFIA in termini di accuratezza nelle case delle persone. Quindi, quando le persone stanno facendo il test senza supervisione, non sappiamo se sarà ancora efficace. La cosa davvero cruciale che non sappiamo è quale effetto abbia sulla trasmissione del coronavirus", ha detto Sian Taylor-Phillips, professore di salute della popolazione all'Università di Warwick, allàemittente Sky News.

In precedenza, i test rapidi nel paese erano disponibili per i più a rischio, comprese le persone che continuavano a lavorare fuori casa, i lavoratori in prima linea del Servizio sanitario nazionale, il personale delle case di cura e i residenti, gli studenti e le loro famiglie.

Durante l'annuncio del programma, Hancock ha detto che "recuperare le nostre libertà perdute e tornare alla normalità dipende dal fatto che tutti noi siamo testati regolarmente".

"I test rapidi ci aiutano a trovare casi di Covid-19 che altrimenti non conosceremo, contribuendo a rompere le catene di trasmissione. Incoraggio tutti a sostenere l'offerta di questi test rapidi gratuiti- sono rapidi e facili da eseguire a casa", ha dichiarato la dott.ssa Susan Hopkins di Public Health England.

Queste decisioni arrivano in concomitanza con ulteriori spiegazioni di Johnson sulle fasi di allentamento delle restrizioni in Inghilterra previste in una conferenza stampa di lunedì, con pub e ristoranti all'aperto, negozi non essenziali, palestre e parrucchieri autorizzati ad aprire da lunedì prossimo.

Altre questioni da considerare sono i controversi "passaporti vaccinali" per i grandi eventi e un "sistema a semaforo" per le persone che viaggiano all'estero, dove le destinazioni "a luci verdi" non richiederanno la quarantena.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook