22:45 11 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 50
Seguici su

Prime testimonianze del processo al Primo Ministro israeliano Netanyahu. Formati due picchetti per strada, uno di sostegno e uno di opposizione, con il movimento "Crime Minister" in prima linea.

Il Primo Ministro israeliano Benyamin Netanyahu è arrivato questa mattina alla Corte di Gerusalemme per l'inizio della sua udienza, dove verranno sentite le prime testimonianze e i dibattiti di apertura.

Le accuse contro Netanyahu includono scambi di favori con potenti uomini d'affari, manipolazione dell'informazione, corruzione e abuso di potere. Il Ministro si era già dichiarato 'non colpevole' durante la prima udienza lo scorso febbraio.

In vista dell'udienza, due picchetti si sono formati davanti alla sede del tribunale dove verrà tenuto il processo di Netanyahu.

Le proteste contro Benyamin Netanyahu di fronte alla sede del tribunale distrettuale di Gerusalemme dove è in corso la udienza del processo
© AFP 2021 / Menahem Kahana
Le proteste contro Benyamin Netanyahu di fronte alla sede del tribunale distrettuale di Gerusalemme dove è in corso la udienza del processo

Il primo, organizzato da due deputati del Likud, Galit Distel-Etebaryan e Shlomo Kar'i, sostiene il Ministro con messagi diretti quali "non marcerai mai da solo', e cartelloni che ricordano come Netanyahu sia stato 'scelto da popolo' dopo le elezioni politiche di fine marzo.

All'opposto, il picchetto di protesta del movimento "Crime Minister" contro Netanyahu, che da tempo preme per la rimozione immediata dalla carica del Ministro. Spicca tra i protestanti un uomo vestito da carcerato con una maschera sul volto dai tratti simili a quelli del Primo Ministro.

Le proteste contro Benyamin Netanyahu di fronte alla sede del tribunale distrettuale di Gerusalemme dove è in corso la udienza del processo
© AFP 2021 / Menahem Kahana
Le proteste contro Benyamin Netanyahu di fronte alla sede del tribunale distrettuale di Gerusalemme dove è in corso la udienza del processo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook