00:42 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
211
Seguici su

Anche altre celebrità sono apparse nel database di Facebook pubblicato in rete, che è stato reso facilmente accessibile al pubblico più ampio.

Il numero di telefono del fondatore e CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, è presente tra i dati personali di 533 milioni di utenti della piattaforma di social media, resi pubblici dagli hacker sabato.

Anche i co-fondatori di Facebook, Chris Hughes e Dustin Moskovitz, sono presenti con loro dati personali nel database.

I numeri di telefono nel database pubblicato in rete corrispondono a quelli reali.

​Il database è apparso su Internet gratuitamente sabato, ma prima di allora gli hacker avevano chiesto un piccolo compenso per ricevere le informazioni.

Facebook ha però riferito con un comunicato che i dati sono vecchi e che la società si era trovata a dover porre rimedio all'exploit nell'agosto del 2019.

​Secondo quanto riferito, la fuga di notizie ha colpito più di 32 milioni di utenti negli Stati Uniti, più di 11 milioni nel Regno Unito e milioni di altre persone in circa 100 paesi.

Secondo Alon Gal, direttore tecnico della società di intelligence sul crimine informatico Hudson Rock, che ha rilevato la fuga dei dati, le informazioni potrebbero essere utilizzate dai truffatori per furti di identità o truffe phishing.

​Facebook negli ultimi anni sta provando a riconquistare la fiducia degli utenti a seguito dei problemi di privacy dei dati. Nel 2018, è stato reso noto che Facebook aveva esposto i dati personali di circa 87 milioni di utenti a una società di analisi dei dati britannica, Cambridge Analytica, violando la fiducia e la privacy dei suoi utenti.

Le persone hanno raccolto e utilizzato le loro informazioni personali, la maggior parte a loro insaputa o consenso, da aziende che intendevano aiutare i candidati a personalizzare il loro messaggio politico in discorsi città per città, sulla base dei dati degli utenti acquistati da Facebook.

Un'indagine condotta dall'Information Commissioner's Office del Regno Unito ha rilevato che Cambridge Analytica non aveva agito illegalmente, ma la FTC ha emesso contro Facebook una multa di 5 miliardi di dollari nel 2019 per il suo data mining a scopo di lucro.

Tags:
Facebook, Mark Zuckerberg
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook