16:55 10 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
307
Seguici su

Questo nonostante Harry abbia detto alla conduttrice televisiva statunitense Oprah Winfrey nell'intervista esplosiva della coppia il mese scorso che non erano stati presi accordi e che non erano stati progettati piani prima che il cosiddetto Megxit fosse rivelato lo scorso gennaio.

Il principe Harry e la consorte Meghan Markle avrebbero detto, durante una lite con i funzionari del palazzo prima di lasciare la famiglia reale, che "non possono impedirci di fare quello che vogliamo" mentre negoziavano un grosso contratto con la piattaforma di streaming USA Quibi, ha riferito sabato il Daily Mail.

In particolare, il duca e la duchessa di Sussex avrebbero "dettato le regole" e indicato agli agenti della stampa quali fatti pensavano potessero essere resi pubblici, poiché, secondo il rapporto, ci volle un anno prima che si dimettessero da reali senior nel gennaio 2020 quando erano in corso le trattative con la società statunitense sostenuta da 1,3 miliardi di dollari, Quibi.

Il giornale afferma che, dall'inizio del 2019 fino a dopo che si sono ritirati da reali in carica, i Sussex hanno incontrato più volte con Jeffrey Katzenberg, il fondatore di Quibi, un servizio di streaming video ormai defunto, e il suo CEO Meg Whitman. Il principe Harry li ha persino incontrati a Londra dopo essere tornato dallo storico summit di Sandringham, in cui ha annunciato la decisione della coppia di lasciare il proprio ruolo.

Secondo il rapporto, un accordo per Harry di fornire contenuti alla piattaforma era nelle fasi avanzate, ma alla fine è fallito quando l'app, lanciata proprio all'inizio della pandemia di COVID-19, non è riuscita a decollare. Il Duca tenne conferenze telefoniche per negoziare una possibile serie di video di 10 minuti.

La pandemia ha interrotto i piani e a settembre, quando la coppia reale alla fine ha firmato un contratto con Netflix, il servizio di streaming era sul punto di uscire dal mercato.

Inoltre, anche quando Meghan Markle era una reale in carica, il rapporto afferma che ha continuato a parlare con i suoi consulenti della sede americana, tra cui il suo avvocato Rick Genow, il business manager Andrew Meyer, il talent agent Nick Collins e il pubblicista Keleigh Thomas Morgan. Secondo quanto riferito, ciò ha irritato gli assistenti di Buckingham Palace, che avevano difficoltà a tenere traccia degli accordi commerciali della coppia.

Meghan Markle, la duchessa di Sussex
© AP Photo / Frank Augstein
Meghan Markle, la duchessa di Sussex

Oltre alla firma da parte dei Sussex di un contratto multimilionario con Netflix, la coppia reale aveva annunciato un accordo per produrre podcast per Spotify tre mesi dopo, tutto a causa dei tagli finanziari da parte della famiglia di Harry, poiché il prezzo britannico doveva "garantire sicurezza per noi".

Nell'intervista del 7 marzo con Oprah, entrambi hanno affermato che "i contratti con Netflix e Spotify ... non sono mai stati parte del piano".

In precedenza, Harry ha anche annunciato che avrebbe preso due lavori presso delle aziende USA, uno dei quali era una posizione dirigenziale presso BetterUp in California, dove avrebbe lavorato come "chief impact officer".

Secondo il rapporto, il principe Harry potrebbe risiedere negli Stati Uniti con un visto riservato a persone con "capacità straordinaria". Tuttavia, dopo la nascita della loro figlia in estate, lui e Meghan hanno già pianificato un po' di tempo lontano dai loro ruoli, con una fonte che rivela che "entrambi si prenderanno del tempo libero".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook