19:37 22 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
359
Seguici su

Le autorità maltesi riportano il caso di sei persone decedute dopo aver ricevuto il richiamo del vaccino contro il Covid-19. Tre di queste sarebbero state infettate prima di ottenere l'immunità completa, che si dovrebbe raggiungere dopo il 14esimo giorno dalla seconda dose.

Sei persone si sono contagiate e sono decedute a Malta dopo aver contratto il Covid-19, nonostante avessero ricevuto la seconda dose di vaccino. Lo ha riferito lo scorso venerdì il Sovrintendente per la Salute pubblica maltese, Charmaine Gauci, senza fornire ulteriori informazioni in merito. 

Il Times of Malta conferma che tre delle sei vittime avevano ricevuto la seconda dose pochi giorni prima di morire, suggerendo che il contagio potrebbe essere avvenuto prima del lo sviluppo della piena copertura anticorpale.

Il vaccino, infatti dovrebbe raggiungere il suo massimo livello di efficacia dopo il 14esimo giorno dall'inoculazione della seconda dose. Per gli immunodepressi questo periodo potrebbe prolungarsi.

Relativamente agli altri casi, l'alta funzionaria Gauci ha ricordato che il vaccino contro il Covid, nonostante sia più efficace dell'antinfuenzale, non ha un'efficacia del 100% e quindi ci sarà una quota infinitesimale di persone che si contageranno e "purtroppo moriranno".

"Questo è il motivo per cui abbiamo esortato le persone a continuare a prendersi cura di se stesse e ad aderire alle misure in vigore", ha ricordato. 

Vaccinazioni a Malta

In base ai dati aggiornati a lunedì dalle autorità maltesi, su circa mezzo milione di residenti sono state somministrate 186.111 dosi del vaccino contro il Covid-19. Di queste 52.340 sono richiami.

Tags:
Coronavirus, vaccino, Malta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook