10:02 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
21111
Seguici su

Il cancelliere austriaco ha più volte sostenuto in passato lo Sputnik V russo, dicendo che è pronto a farsi vaccinare non appena sarà approvato nell'Unione Europea.

L'Austria ha discusso la possibilità di acquistare un milione di dosi di vaccino anti-Covid Sputnik V della Russia con Mosca a partire dal mese febbraio.

A riportarlo quest'oggi è il media OE 24, citando il cancelliere austriaco Sebastian Kurz:

"Non ci devono essere paraocchi geopolitici quando si tratta di vaccinazioni. L'unica cosa che conta è se il vaccino è efficace e sicuro, non da dove proviene. Abbiamo quindi avuto un buon scambio con la parte russa da febbraio, di cui sono molto grato. Se l'Austria riceve un milione di dosi in più di vaccino, sarà possibile un rapido ritorno alla normalità in modo da poter salvare molte vite e garantire posti di lavoro ", ha detto Kurz al media austriaco.

I colloqui austro-russi sullo Sputnik

Il 26 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin e Kurz hanno discusso al telefono lo sforzo congiunto per combattere la pandemia e le possibili forniture del vaccino russo all'Austria.

I colloqui sarebbero stati avviati dalla parte austriaca. Più tardi, a marzo, il leader austriaco ha avuto colloqui con il Fondo russo per gli investimenti diretti, il promotore dello Sputnik V all'estero, su una possibile consegna del preparato russo.

Gli accordi per la produzione dello Sputnik in Europa

Alla metà del mese di marzo il RDIF ha annunciato di aver raggiunto degli accordi sulla produzione congiunta del vaccino Sputnik con varie aziende farmaceutiche di Italia, Spagna, Francia e Germania.

In precedenza il Fondo aveva reso noto che sarebbe stato in grado di fornire il vaccino contro il coronavirus a 50 milioni di residenti nell'UE a partire da giugno dopo che l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) avesse dato luce verde.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook