23:24 10 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
141
Seguici su

Il Mali ha autorizzato l'uso del vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V, ha annunciato oggi il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF).

Si allunga la lista dei paesi che hanno approvato l'utilizzo del vaccino Sputnik V. Dopo, Egitto, Algeria, Tunisia, Ghana, Gabon, Angola, Congo, Gibuti, Namibia, Camerun, Seychelles, Mauritius, Guinea, un altro paese del continente africano ha registrato il preparato russo anticoronavirus.

"RDIF annuncia che il vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V è stato approvato nella Repubblica del Mali. Al momento l'uso dello Sputnik V è autorizzato in 58 paesi del mondo con una popolazione totale di oltre un miliardo e mezzo. Il vaccino è stato registrato nel Mali con la procedura di autorizzazione all'uso d'emergenza", ha dichiarato RDIF in un comunicato stampa.

 

"Lo Sputnik V è stato incluso nel portfolio nazionale dei vaccini in oltre dieci paesi nell'Africa. Accogliamo con favore la decisione dei nostri partner nel Mali di approvare lo Sputnik V e prevenire la diffusione del coronavirus usando il vaccino russo sicuro ed efficace", ha aggiunto l'amministratore delegato del Fondo russo per gli investimenti diretti, Kirill Dmitriev.

 

Un uomo vaccinatosi con Sputnik V dona il plasma
© Sputnik . Ilya Pitalyev
Un uomo vaccinatosi con Sputnik V dona il plasma

 

 

Il vaccino Sputnik V

Il vaccino Sputnik V è stato registrato dal ministero della Salute russo nell'agosto 2020, ed è il primo vaccino al mondo contro il coronavirus. L'efficacia del vaccino dopo la terza fase degli studi clinici è stata dimostrata del 91,6%, come pubblicato sulla rivista medica Lancet.

Il 4 di marzo l'agenzia del farmaco europea EMA ha avviato la procedura di rolling review del fascicolo di registrazione del vaccino russo contro il COVID-19. 

In Europa lo Sputnik V è stato approvato dai seguenti paesi: Serbia, San Marino, Slovacchia, Ungheria, Macedonia del Nord, Moldavia, Montenegro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook