02:17 20 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
113
Seguici su

Il vaccino antifluenzale potrebbe fungere da primo scudo protettivo contro il Coronavirus. Una ricerca negli USA mostra le prime correlazioni che ora andranno approfondite.

Secondo una ricerca scientifica condotta negli Stati Uniti, chi ha ricevuto il vaccino antinfluenzale ha il 24% in meno di probabilità di contrarre il Coronavirus o viene colpito da forme lievi.

Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Infection Control e getta nuova luce sulla prevenzione contro il Sars-CoV-2.

Secondo lo studio chi durante la stagione influenzale si è sottoposto al vaccino contro l’influenza, ha ottenuto dal siero una protezione aggiuntiva che, seppur non specifica, ha funzionato comunque da barriera.

La ricerca ha infatti appurato che i pazienti con vaccino antinfluenzale che in seguito si sono risultati essere contagiati dal Coronavirus, hanno mostrato una minore tendenza al ricovero in ospedale, mentre chi ha avuto la necessità di essere ricoverato non ha fatto ricorso ai respiratori ed ha visto ridursi i giorni di degenza ospedaliera per Covid-19.

Secondo i ricercatori, quindi, il vaccino contro l’influenza dovrebbe essere promosso per ridurre il carico di pazienti che si affollano negli ospedali.

4,5 milioni di cartelle esaminate

I ricercatori dell’Università del Michigan autori della scoperta, hanno analizzato ben 4,5 milioni di cartelle cliniche prima di giungere alle loro conclusioni.

Si è trattato di pazienti inseriti nel sistema sanitario nazionale statunitense di cui risultava quindi la loro storia sanitaria. Ebbene i ricercatori hanno individuato un cluster di 27.201 persone che durante la prima ondata risultava essersi in precedenza vaccinato contro l’influenza, e che risultava aver fatto un tampone tra marzo e luglio 2020.

Il risultato è che chi aveva fatto il vaccino antinfluenzale aveva mostrato il 24% in meno di possibilità di risultare positivo al tampone.

Studi da approfondire

Dopo il primo risultato ottenuto su dati statistici, ora i ricercatori dovranno stabilire se c’è effettivamente un nesso causa-effetto tra vaccino antinfluenzale e minore incidenza del Coronavirus.

Per farlo saranno necessari ulteriori studi di laboratorio questa volta.

Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook